Creare siti di successo : 2° puntata.

luglio 24, 2009 | Fare impresa

Continuiamo a parlare dell’argomento più gettonato degli ultimi mesi: la creazione di siti di successo, citando gli esempi già presenti in Rete ed analizzandone gli aspetti che ne hanno determinato o ne stanno determinando l’avanzata. Il fattore chiave per l’exploit di un sito è racchiuso in questi due particolari: la nicchia di mercato o il target di utenti a cui si rivolge, ed i contenuti. Molto importante anche l’impatto grafico, ma da solo non basta. Abbinare lo styling grafico del portale a contenuti interessanti e di qualità o alla vendita di servizi in grado di catturare gli utenti, vale molto più di uno speciale effetto grafico. I settori su cui puntare per avere un sito noto, che faccia anche guadagnare, sono tanti.

vacanze

Alcuni esempi

Partiamo dal settore viaggi e turismo. I siti che si stanno rivelando in grado di catturare utenti sono quelli che propongono vacanze e viaggi economici. Questa la nicchia di mercato a cui rivolgersi in questo drammatico momento di crisi. La gente non può certo chiudersi in casa ad aspettare tempi migliori e se per caso si trovasse ad avere qualche spicciolo in più da spendere per una settimana o un week end di ferie, lo farebbe solo se la vacanza fosse estremamente conveniente. Il sito contenente la parola chiave “viaggi economici” può essere un portale di e-commerce gestito direttamente dal tour operator che vende on line pacchetti vacanze, o un blog di contenuti che propone articoli, guide, suggerimenti, recensioni per viaggiare spendendo meno. Queste due forme di comunicazione, possono coesistere, come abbiamo già accennato, nello stesso portale o spaziare in rete per strade parallele. Sul tema delle vacanze e dei viaggi a poco prezzo, occupano le prime posizioni sui motori di ricerca i grandi siti come www.it.lastminute.com. Cambiando la parola chiave in “vacanze economiche”, la pole position sui motori di ricerca passa a siti di contenuti come Tuttogratis o un sito come www.agriturist.it , portale dell’associazione nazionale per l’Agriturismo, l’Ambiente e il Territorio, promossa da Confagricoltura. Questi esempi indicano che nel nostro paese, nel settore viaggi, vacanze e turismo, hanno più visibilità i grandi portali o catene di portali che fanno capo ad altrettante grandi aziende o organizzazioni di categoria. Ma per creare un sito in grado di trovare spazio in questa particolare nicchia di mercato, si può provare a seguire l’esempio dei grandi siti, arricchendo il proprio, con esperienze di viaggio, recensioni di siti di settore, insomma si può provare a rendere unico ed originale il proprio prodotto.CasaIt08

Settore immobiliare

Altro settore su cui puntare, quello degli annunci immobiliari. Un sito che è riuscito ad avere successo nella nicchia suddetta, è Casa.it. Alla pagina http://www.casa.it/portale_immobiliare_leader_italia.aspx , gli stessi curatori del sito spiegano i motivi del loro successo pubblicando una statistica sugli accessi, che da 200 mila visitatori unici di giugno 2008 , sono passati alla media di un milione e 200 mila visitatori a novembre 2008. Uno dei motivi di questo successo è spiegato nella pagina del sito: l’esperienza di vendita immobiliare on line iniziata 13 anni fa, nel 1996, ma anche il lavoro costante per far incontrare su internet la domanda e l’offerta di immobili da parte di operatori professionali e privati, tanto da far sì che nel 2007 in portale Casa.it diventasse parte del Gruppo Rea, importante network immobiliare internazionale. Questo esempio dice che lavorare sistematicamente con continuità, professionalità per anni ed anni consecutivi, porta a grandi risultati. Sui tempi di decollo di un sito web e sulle caratteristiche che ne determinano il successo, ci eravamo già soffermati all’inizio del nostro reportage, intervistando nel primo articolo, Rocco Petrigliano, esperto del mondo di Internet e delle opportunità di guadagno che esso può offrire. Abbiamo continuato l’intervista chiedendogli di “svelare” alcuni segreti alla base del successo di un sito web. Riprendiamo le domande da dove avevamo terminato. Dott. Petrigliano, lei sosteneva che alla base del successo di un sito c’è sicuramente il partire con il piede giusto. Cosa significa?
Partire con il piede giusto nella creazione di un sito web di successo, vuol dire, secondo il mio parere, iniziare con un obiettivo già ben fisso in testa. Prima di iniziare la creazione è bene farsi domande molto specifiche ”Cosa ci vuoi fare con quel sito? Quale sarà il target di visitatori? Quanti visitatori speri di ottenere?” e, ovviamente ”Quali sono gli argomenti principali che vuoi trattare?”
In questo caso il consiglio è sempre lo stesso : scrivi tutto! Prendi un pezzo di carta e scrivi ”oggi inizio a costruire il mio sito, voglio raggiungere le xxx visite al giorno, voglio che sia ben indicizzato dai motori di ricerca in xxx tempo e voglio fare del mio sito la mia fonte di reddito principale”Cerca di essere realista, ma non limitarti a degli schemi, scrivi tutto quello che vuoi ottenere dal tuo sito e scrivi tutti i passi che reputi importanti per arrivare al tuo obiettivo.
In media, chi conosce bene le regole del web, in quanto tempo può ottenere “uno stipendio” dal suo sito? Questa è sul serio una domanda interessante perchè è effettivamente quello che le persone vogliono sapere, senza fronzoli! Partiamo dal fatto che, a differenza di quello che dicono molti, iniziare a guadagnare su internet in pochi giorni è praticamente impossibile. Facendo un’ analisi abbastanza accurata delle persone che sono riuscite ad ottenere uno stipendio dal proprio lavoro su internet (quindi qualcuno gestendo un solo sito, altri invece gestendone molti altri) possiamo dire con buona certezza che i tempi medi sono di 2/3 anni, lavorando anche ”part-time”. Un paio di ore al giorno (anche di studio e non solo di lavoro pratico) in genere sono sufficienti per darci la base. A questo punto però vorrei fare una distinzione tra ”stipendio” e ”rendita”. Molti parlano di ”rendita” su internet. Definisco la parola rendita. Rendita è quando percepisci dei soldi anche indipendentemente dal lavoro. I musicisti, per esempio, che producono un cd ottengono dei soldi dalla vendita di quei cd. Questa è una rendita. Una cosa simile, rientrando nel contesto web, si potrebbe ottenere con la creazione di un prodotto dal quale si percepisce un guadagno anche tempo dopo aver lavorato per crearlo. Ma nel caso che ci interessa (ottenere uno stipendio dal nostro sito) ottenere un guadagno è un vero e proprio lavoro a tempo pieno, soprattutto se si gestisce un sito formativo su un qualsiasi argomento! Sappiamo tutti, per esempio, quanto sia importante scrivere tantissimo, sia per i motori di ricerca sia per tenere sempre sveglia l’attenzione verso il nostro sito. Senza contare il fatto che bisogna sempre stare al passo con le nuove tecnologie, le nuove innovazioni, le nuove informazioni. E inoltre curare la gestione dei propri contatti e il lato tecnico.

Quanto è importante la formazione per imparare a gestire un sito remunerativo?
Importantissima! Non curare la propria formazione sarebbe come voler fare qualunque lavoro senza aver studiato o comunque senza aver fatto la pratica necessaria. Analogamente sarebbe come fare il contabile, per esempio, dopo aver studiato oppure fare il contabile provando a fare il mestiere da solo. Si può riuscire in tutti e due i casi ma ovviamente nel primo caso ci vuole più tempo, (mooolto più tempo).Si forma meglio chi acquista ebook a pagamento o possono bastare anche quelli gratuiti?Si forma meglio chi apprende meglio, con più passione e più impegno. E’ indubbio, però, che gli eBook (o comunque tutto gli infoprodotti) a pagamento, spesso contengono informazioni e strategie unitili che negli eBook gratuiti non esistono.In questo caso vorrei fare una precisazione. Mi è capitato di sentire persone che mi dicevano che un determinato eBook ”non funziona”. Spesso e volentieri le persone dimenticano che, dopo aver acquistato e studiato un determinato eBook devono metterlo in pratica! Molti lo acquistano solo, ci danno una lettura veloce e poi si lamentano che ”l’eBook non funziona”. Non ti dimenticare mai di Agire!

Cosa ne pensa di siti come “Robin Good”? A cosa devono il loro successo?
Robin Good è poliedrico, ha tante passioni e tantissime competenze! Io individuo il successo nella passione! Qualunque persona che ha creato qualcosa di grande è partito dalle proprie passioni, soprattutto nel nostro campo. Come Robin Good, anche gli altri Web Marketer di Successo

Una sola persona può creare un sito remunerativo, o è meglio avere uno staff?

Una sola persona può creare un sito remunerativo, fino a un certo punto, però. Fino a quando non sia ha la vera e propria svolta. Quando, cioè, si inizia a fare sul serio. All’inizio si può basare la costruzione del proprio sito con tutti gli annessi (promozione, lato tecnico, stesura dei contenuti, grafico) sulla propria esperienza, o al massimo su qualche amico che ci spiega come fare. Dopo, però, quando si ha la necessità di creare un sito un po’ più professionale potrebbe essere necessario avvalersi dell’ aiuto di qualcun altro. Senza contare che più si va avanti più il lavoro aumenta, i contatti aumentano, i progetti anche. Seguirli tutti , da soli, è molto, molto difficile! Dopo avervi svelato qualche “chicca” su come diventare web marketer che contano, vi invitiamo a non perdere la prossima puntata sull’argomento, dove continueremo a citare e recensire portali di settori tipici, noti e meno noti, da prendere in considerazione se si vuole avviare un’attività attraverso un sito web.

Rosalba Mancuso

Fonti delle immagini

http://www.girandopagina.it/Ita/destinazioni.asp?paese_id=13

http://www.skypubblicita.it/html/adsales/media/newMedia/Web/CasaIt/CasaIt1.html

Articoli correlati:

Altri articoli :