Guadagnare in Internet : Portali orizzontali 1° puntata.

settembre 11, 2009 | Scheda tecnica

Dalla metà degli anni 90′ sono nati moltissimi siti generalisti.

Cos’e’ un portale generalista

Tutti quei siti che non trattano di un argomento ben preciso o definito, in maniera unica ma ‘contengono’ molte rubriche ed offrono servizi ad un pubblico ampio.

Tra i primi portali generalisti nati in Italia, ricordiamo Libero.it, Virgilio ecc. che divennero anche i primi motori di ricerca nel nostro Paese a metà anni 90′.

eximages

I primi esperimenti di portali generalisti ed i tentativi di fare business attraverso questi siti.

Il periodo pionieristico di quegli anni, ha portato ‘alla luce’ interessanti esperimenti di business che nella maggior parte dei casi ‘abortirono’ dopo pochi mesi od al massimo entro i primi 18 mesi.

Con questa prima scheda, dedicata ai siti generalisti, cerchiamo di comprendere innanzi tutto i contorni di questo fenomeno, andando poi a concentrarci nelle puntate successive, sulle opportunità di business realmente offerte, evidenziando alcuni casi di successo.

Occorre premettere che non è possibile fare dei semplici paragoni tra il periodo attuale e quello degli anni ’90.

La situazione del mercato Internet inteso come :

utenti collegati (intesi come numero, competenze/conoscenze ,ecc.)

mercato della pubblicità,

strumenti di marketing sul Web adottati,

tecnologie utilizzate,

diffusione della banda veloce,

moltiplicazione degli strumenti di navigazione (pc, telefono, ecc.),

sinergie con altri media,

competitor presenti,

mercati che si sono aperti, sia in senso geografico che settoriale,

visione d’insieme : cioè riuscire a caprire sia l’evoluzione del Web che comprendere le sinergie ed i possibili ‘conflitti’ con il ‘vecchio mondo’,

ecc..

Se prendiamo questi parametri e ‘soppesiamo’ i valori degli anni ’90 e quelli di oggi, ci rendiamo conto che non sono assolutissimamente paragonabili fra loro.

lycimages

Fare soldi con Internet ai tempi della nascita dei primi motori di ricerca.

Alcuni si ricorderanno della corsa all’acquisto delle azioni Tiscali da parte di tanti piccoli risparmiatori o della nascita motori di ricerca come Shiny o Libero che nella metà degli anni 90′ introdussero gli Italiani alla Rete.

Erano anni di ‘euforia pionieristica’ per molti giovani, dove con la nascita dei piccoli provider locali, un nutrito gruppo di ‘piccoli’ e spesso giovanissimi imprenditori, lanciava la sua sfida, senza avere un’idea o meglio delle certezze (e chi poteva conoscere i tempi e l’evoluzione..) di come si sarebbe sviluppato il business nella Rete.

Molti sono scomparsi, pochissimi sono diventati dei leader ed Internet non è più solo un gioco per ‘giovani intraprendenti’.

Nella Rete circola il Business globale e le prospettive di crescita sono molto incoraggianti anche se i grandi business sono appannaggio di pochi.

L’evoluzione dei Portali generalisti sino ai nostri giorni:

Portali generalisti anni 90′, servizi offerti:

Motori di ricerca :

I primi portali si sono sviluppati come piccoli ma efficienti motori di ricerca locali. Infatti i grandi motori americani di allora (Altavista, ecc.) non avevano ancora un’organizzazione sul territorio italiano e quindi lo spazio di ‘movimento’ era ancora ‘aperto’.

Questi, sono alcuni dei servizi offerti in passato dai primi portali orizzontali:

Informazioni :

News ed informazioni di vario genere caratterizzarono i primi portali orizzontali (elementi presenti in molti anche oggi)

Caselle di posta elettronica :

La possibilità da parte degli utenti di disporre di una casella di posta elettronica gratuita (vedi ad esempio libero.it)

Servizi di informazione ed intrattenimento

(giochi, oroscopi ecc.)

I primi collegamenti a portali verticali :

Ricerca auto, cerca casa ecc..

Come guadagnavano i portali degli anni 90′

Fonti di entrata per i portali generalisti

La grande ‘illusione’ che la pubblicità avrebbe pagato ogni costo aziendale, spinse le aziende che gestivano questi Siti, a lanciarsi in investimenti ed a strutturarsi in maniera ‘pesante’.

Purtroppo, come tutti sappiamo, la ‘bolla’ è scoppiata e ha prodotto molte macerie.

La pubblicità, ha sicuramente garantito entrate interessanti ma non è riuscita a coprire i costi delle ‘strutture’ di questi portali.

Inoltre, occorre tenere in considerazione che il mercato dei motori di ricerca, ha visto prevalere i Portali americani che per tecnologia e capacità di aggregare risorse (investimenti e raccolta pubblicitaria) avevano sicuramente vantaggi indiscutibili.

Anche il numero degli utenti Internet in quegli anni era notevolmente inferiore e per quanto riguarda la possibilità di vendere pubblicità, questo era troppo legato ancora a forme ‘sperimentali’ di marketing (tutt’oggi la pubblicità on line sta ancora cercando una propria via).

Questa premessa era necessaria per poter affrontare con chiarezza l’argomento dei portali orizzontali o ‘generalisti’ attuali perchè gli errori e ‘certe leggerezze’ del passato, ogni tanto, tornano a far capolino anche nelle aziende Web di oggi.

Nella prossima uscita analizzeremo i portali oggi presenti ed i fattori di business attuali.

continua

fonti immagini :

3bmeteo.com

liberliber.it

Articoli correlati:

Altri articoli :