Aprire un’agenzia immobiliare : terza puntata

ottobre 13, 2009 | Fare impresa

La gestione dei collaboratori

Abbiamo parlato delle competenze professionali nella prima puntata ; in questa parte, approfondiamo invece l’aspetto relativo alla gestione del personale all’interno dell’agenzia immobiliare.

32334images

La maggior parte dei collaboratori delle agenzie immobiliari, hanno contratti di collaborazione continuata ed alcuni di essi dispongono di p.iva e di fatto, sono dei professionisti all’interno della struttura.

Le agenzie meglio organizzate, adottano la formula della retribuzione bilanciata : un fisso mensile ed una componente variabile, in base ai risultati ottenuti.

Questo, in particolare per gli acquisitori/venditori, a cui viene riconosciuta una percentuale variabile, sulle proprietà acquisite e/o vendute.

La materia relativa alla gestione collaboratori, è molto regolamentata e pianificata all’interno delle reti in franchising, con obiettivi, retribuzioni, ecc..

Diventare agenti immobiliari : espandere la propria agenzia, aprire nuovi uffici.

Parlando dello sviluppo di reti in franchising, abbiamo visto quanto la formula del franchising, permetta uno sviluppo rapido ed ‘organizzato’ di una struttura immobiliare.

Nel caso di agenzie che non intendano utilizzare ‘strettamente’ questa formula, vediamo alcuni azioni possibili:

  • Consorzi immobiliari : li abbiamo già incontrati quando abbiamo parlato delle gestione in comune di alcuni servizi;

    questa formula permette non sola la gestione in comune di risorse e la possibilità di accedere a vantaggi che da soli non sarebbe possibile ottenere(vedi puntate precedenti) ma nel contempo permette forme continuative di collaborazione che nel tempo si possono tramutare(succede spesso), in rapporti societari fra alcuni consorziati.

  • aprire in società, con un proprio collaboratore, un nuovo ufficio.

    Questo permette ad un collaboratore di passare a ‘socio’, senza grossi salti nel buio, disponendo del supporto della vecchia agenzia, del pacchetto clienti ed ‘immobili’ e nel contempo, permettere all’agente immobiliare che vuole espandersi, di poter contare su di un socio conosciuto e di poter coprire con il nuovo ufficio, zone nuove.

  • Aprire in società con un’agenzia conosciuta, con cui si collabora da tempo, per ‘coprire’ una nuova zona od un determinato segmento.

    Permette di condividere le forze, per ampliare il proprio campo di azione.

Aprire un’agenzia immobiliare ex novo: I punti critici da superare in fase di avvio.

222images

Acquisire immobili e cercare acquirenti.

Tutte le imprese, in fase di start up, devono superare alcuni punti critici; vediamo ora per una agenzia immobiliare nel particolare, quali sono:

  • Disporre di un ‘portafoglio’ di proposte immobiliari nel proprio database.

    E’ un elemento fondamentale per la gestione di un’agenzia, avere un ‘sostanzioso’ elenco di prodotti immobiliari da ‘mostrare’ a potenziali compratori. Prima di avviare un’agenzia o comunque in tempi brevissimi dall’apertura, è necessario effettuare acquisizioni in maniera sufficiente, da rendere l’agenzia operativa.

    Per ovviare o limitare questo deficit, vi sono dei rimedi : collaborare con altre agenzie, offrendo ai propri clienti/visitatori anche il pacchetto di altre agenzie o fare un piano intensivo di acquisizioni, basandosi anche su acquisitori esterni.

    Figoli Consultanta srl, ha per anni eseguito ricerche di clienti che vendevano o erano alla ricerca di immobili/attivita’ per conto di agenzie immobiliari.

    I risultati delle ricerche, effettuati mediante il proprio call center e con l’ausilio di altri strumenti di ricerca, diedero sempre risposte positive(non omogenee in ogni zona), permettendo alle agenzie committenti, la raccolta e/o l’incremento delle proposte disponibili e trovando nel contempo molti aspiranti acquirenti.

  • Valutazione degli strumenti pubblicitari La valutazione dei media in cui posizionare la propria promozione (annunci di vendita) e’ importante. Non sprecare le risorse in fase di start up diventa fondamentale e quindi analizzare i media (internet, giornali cartacei, altro) per promuoversi deve essere fatto tenendo conto dell’esperienza maturata precedentemente presso altre agenzie oppure fare una piccola ricerca.

    In fase iniziale, e’ possibile testare gratuitamente lo spazio su molti portali (almeno per un primo periodo) e valutare anche molte soluzioni di portali di annunci gratuiti.

  • Realizzazione del sito web e la scelta di un software di gestione

  • Il sito web e’ oggi un mezzo fondamentale per il lavoro di un’agenzia immobiliare, in particolare per coloro che trattano immobili turistici e di prestigio, dove i potenziali clienti, risiedono molte volte lontani dal luogo in cui e’ ubicata l’agenzia.

    Si consiglia un sito fruibile, dinamico, quindi facile e veloce nel suo aggiornamento, evitando applicazioni flash e tutto cio’ che appesantisce e ritarda la visibilità.

  • Il software di gestione di un’agenzia immobiliare permette una gestione rapida e professionale, anche nel rapporto con i clienti. Esistono moltissime offerte di applicativi per agenzie, quindi la scelta e’ molto vasta. Sarebbe auspicabile un software in grado di interfacciarsi con il proprio sito web, per agevolare le operazioni di caricamento/aggiornamento degli immobili.

Continua

Fonti immagini :

professionalstudi.it

uni.com

Articoli correlati:

Altri articoli :