Aprire una agenzia di infortunistica stradale. Terza parte.

novembre 19, 2009 | Fare impresa

Non ci sono limitazioni territoriali all’avvio di una società di infortunistica stradale, perché il settore legato alle spiacevoli e, talvolta, drammatiche conseguenze di un sinistro, riguarda ogni porzione di territorio e zona geografica. Per operare con successo basta avere tanta volontà e determinazione e magari affiliarsi ad un marchio consolidato, per sopportare meglio i costi di avvio dell’attività.

Umberto Coccia

APRIRE UNA AGENZIA DI INFORTUNISTICA STRADALE IN FRANCHISING

Questo ed altro è emerso in una circostanziata intervista, con il giovane Umberto Coccia, classe 1976, amministratore unico di Q service Srl, proprietaria del marchio Studio Blu, sito web www.infortunisticablu.com , azienda padovana del settore, che offre ai periti assicurativi l’opportunità di aprire un’azienda tramite il franchising, ma vogliamo che sia lo stesso Umberto (la sua storia nel gruppo nasce come affiliato a Roma nel 2002 (http://www.assofranchising.it/case_studies/Studio_Blu.html) a parlare del progetto della sua azienda, per cui, vi presentiamo immediatamente, le nostre domande e le sue risposte.

Studio Blu, si racconta, potete dirci quando è nata la vostra azienda, e sulla base di quali motivazioni?

Quando è stata sviluppata l’idea del franchising?

Studio Blu nasce nel giugno 2001. Ma l’esperienza del suo fondatore, Massimo Quezel, nel franchising legato all’attività di infortunistica Stradale, parte nel 1997. Nel 1995 Massimo Quezel rimase vittima di un incidente stradale ed ebbe l’opportunità di imparare a proprie spese cosa significa confrontarsi con il complesso mondo assicurativo e del risarcimento del danno. Un esigenza questa non solo propria ma collettiva. Decise quindi, dopo aver intrapreso con successo la sua attività imprenditoriale come consulente di infortunistica stradale, di trasferire e condividere con altri imprenditori, sull’intero territorio nazionale, la propria esperienza professionale attraverso la formula commerciale del franchising network. Esperienza quanto mai attuale. Visto che ancora oggi Massimo Quezel esercita con soddisfazione la professione di patrocinatore di infortunistica stradale e di liquidatore per una primaria compagnia assicurativa statunitense operante in Italia. Massimo Quezel può essere considerato pertanto l’apri pista, il pioniere, del franchising nel settore dell”Infortunistica Stradale affiliando ma soprattutto creando circa 150 “professionisti” attraverso due reti in franchising. Possono essere pertanto a lui attribuiti i natali del progetto “originale”: quello che mira a creare nel territorio nazionale, un network di “professionisti” in grado di soddisfare le necessità di chi rimane vittima di un incidente stradale e non solo. Un progetto lungimirante ma che pre-correva i tempi intuendo che il terziario, con particolare riferimento ai servizi di banca – insurance, stava consacrando, a ritmi sostenuti, la fusione di grosse aziende ed il lento funerale delle piccole imprese. Interloquire con i colossi assicurativi, conquistare la fiducia dei danneggiati  ed affrontare un mercato sempre più competitivo da “singoli” diventava sempre più difficile. Da qui, l’idea di creare un network con il quale condividere impegno ed un unico ambizioso obiettivo: diventare il punto di riferimento dei danneggiati in Italia. Professionalità, formazione ed aggiornamento tecnico costante, lungimiranza, perseveranza e tenacia i valori propri che Quezel ha trasferito al progetto di successo Studio Blu. Ed un progetto di successo non può non attirare l’attenzione di altri imprenditori che nel corso degli anni hanno tentato di emularlo. Anche perché è un’attività, quella del consulente di infortunistica stradale, gratificante e che non risente di crisi stagionali. Alcuni, pochi anzi pochissimi hanno ottenuto dei risultati soddisfacenti. Molti altri hanno visto morire le proprie reti (o psuedo tali) con la stessa velocità con cui sono nate, soprattutto quando alla base del progetto la voglia di fare business “facile e veloce” prendeva il sopravvento sulla passione e su una vision sana e seria.Oggi Studio Blu è leader nel mercato italiano nell’assistenza stragiudiziale per il recupero dei danni derivanti da circolazione stradale, responsabilità professionali mediche ed in genere da ogni evento umano, di qualsiasi natura e gravità, che sia causa di danni a terzi.

Ad oggi quante agenzie si sono affiliate e con quale distribuzione

geografica?

Ad oggi il network Studio Blu conta 55 agenzie affiliate. Un numero comunque in crescita. La distribuzione sul territorio vede una maggiore presenza al nord e al sud rispetto al centro Italia. Area geografica, quest’ultima, che comunque sarà oggetto di uno sviluppo cospicuo a seguito della nomina dell’affiliato di Ancona, Andrea Marchì, a Master Franchising per le regioni Marche, Umbria e Toscana. Ed i risultati non tardano ad arrivare. Nel corrente mese infatti ci sono state 6 nuove aperture nella sua zona di competenza. Due nuovi studi in Toscana e 4 nelle Marche.

massimo

Cosa offrite nella vostra proposta di affiliazione?

Studio Blu mette a disposizione dei propri affiliati il proprio know how nello specifico settore maturato in oltre due lustri di attività. Fornisce quindi gli strumenti necessari per operare con successo e soddisfazione nel mondo del risarcimento del danno:

  • Formazione professionale

  • Corsi di aggiornamento tecnico

  • News letter di aggiornamento tecnico

  • Software gestionale web

  • Assistenza tecnica

  • Organizzazione meeting ed eventi nazionali

  • Merchandising

  • Convenzioni nazionali

  • Attività promozionali e di comunicazione

  • Affiancamento in loco nella fase di start-up

Qual’è l’investimento minimo che deve sostenere un potenziale affiliato?

Studio Blu ha elaborato 4 diverse formule commerciali di affiliazione per rispondere alle esigenze di tutti coloro che vogliono entrare a far parte della nostra squadra vincente, sia sotto il profilo dell’investimento economico iniziale ma anche in relazione all’impegno da dedicare a questa attività soprattutto nel periodo iniziale. Pertanto la fee di ingresso delle 4 formule è compresa tra 0 e 27.000,00 € per la formula gold. Che è quella più completa ed articolata sotto ogni profilo e che comprende anche l’arredamento per l’ufficio ed il pc. Per completezza di informazione però per investimento iniziale, la normativa sul franchising, L 129/2004, considera anche i costi totali legati all’apertura dell’attività e non solo quelli legati alla fee di ingresso. Pertanto dovranno essere aggiunti i costi per l’allacciamento delle utenze all’interno dell’ufficio, l’eventuale ristrutturazione, la realizzazione o adeguamento degli impianti elettrici, idrici etc. L’acquisto di telefoni e di un fotocopiatore.

Esistono aree geografiche dove oggi conviene avviare un’impresa di

consulenza in infortunistica stradale?

No. Qualsiasi territorio è giusto per avviare un attività di questo tipo. Il nostro mercato di riferimento è il più trasversale possibile. Chiunque può avere necessità del nostro servizio: dall’imprenditore alla casalinga, dall’operaio all’artigiano, dallo studente al pensionato, dall’azienda alla pubblica amministrazione. Gli incidenti stradali come pure gli infortuni non dipendono dalla volontà umana ma sono eventi che capitano indipendente dal territorio. Nel grosso centro urbano sicuramente le opportunità sono maggiori mentre nel piccolo centro il volano del passaparola si innesca con maggiore facilità e velocità. Pertanto non ci sono aree geografiche migliori di altre.

Ho notato dal vostro sito che offrite dei servizi aggiuntivi, potete

descriverli meglio?

Qual’è il vostro core-business?

L’attività principale e l’unica di Studio Blu è l’infortunistica stradale. Cioè l’assistenza qualificata e professionale utile all’ottenimento del risarcimento del danno a seguito di un evento lesivo: incidente stradale, danno contrattuale, responsabilità civili diverse e professionali mediche ed in generale qualsiasi evento umano che sia causa di danni a terzi. Ovviamente le conseguenze di queste eventi non si limitano al solo danno materiale o al danno fisico ma si portano dietro inevitabilmente anche altri disagi. Trovare la giusta carrozzeria, il medico specialista, il terapista, il medico legale. Oltre il danno quindi anche la beffa perché bisogna anticipare i costi di questi professionisti prima di ottenere il risarcimento da parte delle compagnie assicurative. Studio Blu invece offre l’opportunità ai propri clienti di avvalersi delle collaborazioni con tutti quei soggetti prima menzionati senza alcun anticipo di spesa. Le loro prestazioni verranno saldate solo dopo aver ottenuto la liquidazione.

Ulteriori dettagli nel seguito dell’intervista, non mancate.

Rosalba Mancuso

Fonti delle Immagini:

Per gentile concessione di Q Service Srl

Nelle immagini: Massimo Quezel: fondatore di Studio Blu – Azionista di maggioranza di Q Service Srl

Umberto Coccia: Amministratore Unico di Q Service Srl proprietaria del marchio e della rete in franchising Studio Blu

Articoli correlati:

Altri articoli :