Ottenere il successo, superare la crisi : la creativita’ e l’inventiva come rimedio per uscirne.

novembre 26, 2009 | Formazione personale

Roberto e’ un piccolo commerciante di 41 anni, una moglie precaria che lavora 4 ore al giorno da un commercialista ed una figlia di 6 anni.

Da 2 anni, ha rilevato la gestione di una piccola pizzeria con annesso bar, su una strada provinciale in zona poco abitata.

Non avendo capitali, si e’ dovuto accontentare di prendere in mano un’attivita’ che gia’ 2 volte ha chiuso per debiti e/o mancato successo.

Una scelta, quella di rilevare il locale, presa dopo 5 anni di lavoro in un’azienda che avendo quest’ultima perso le commesse a causa della crisi, ha lasciato a casa il personale.

Roberto si e’ dovuto ‘ricollocare’, rispolverando una vecchia professionalita’ di quando era molto giovane, quando sfornava pizze in una pizzeria/bar e talvolta preparava caffe’ e cappuccini, quando mancava il barista.

pizzacrisimages

Dopo 2 anni di lavoro, i conti non tornano.

Lontano dal centro abitato principale, qualche pizza e caffe’ durante il giorno per autisti e persone di passaggio, non gli permettono di guardare con tranquillita’ il futuro.

La situazione e’ molto triste.

Roberto dorme male, ansia e nervosismo lo obbligano ad assumere alcuni medicinali.

Dilaziona sempre piu’ i pagamenti con i fornitori.

Siamo all’anticamera della chiusura!

A tarda sera si vergogna di tornare a casa dalla moglie e raccontarle come e’ andata la giornata.

Quando va a casa, fa con sempre meno gioia le scale a rientrare e quando entra in casa cerca anche di passare inosservato.

Anche il sabato sera, a parte qualche vero amico che non lo abbandona, la sala e’ quasi sempre deserta.

Ma una sera…..

Un sabato sera, 2 tavolini occupati; in un tavolino 3 persone stanno cenando con la pizza. In un altro 2 persone si sono fermate a prendere un caffe’ : tutto nella ‘normalita’….una serata ‘morta’.

Due macchine parcheggiano nello spiazzo davanti al locale.

Si’! Effettivamente il sabato sera, qualcuno…. a volte passa prendere un caffe’ od un amaro.

Escono dalle auto 7 ragazzi vestiti in stile discoteca ‘di tendenza’.

Probabilmente, stanno andando alla discoteca che e’ 4 kilometri dopo, in mezzo a capannoni industriali e campi coltivati.

Effettivamente, sarebbero in anticipo, visto che sono le 21.45 circa.

Chiedono, se e’ possibile, cenare con pizza e alla risposta (ovviamente positiva) del titolare, il ‘capo’ comitiva chiama con il cellulare e dice ad altre persone all’altro capo che finalmente hanno trovato un posto per mangiare e li esorta a correre a venire a cenare.


….e alla fine arrivano ‘i nostri’

In breve 30 persone riempiono il locale e durante la serata, questa comitiva ‘multicolore’ e ‘informale’, entra in simpatia con il proprietario della pizzeria ed il ‘capo’ comitiva, parlando dice di essere il capo dei p.r. della discoteca e di chiamarsi Francesco e racconta che hanno, la sera prima, senza avvisare nessuno, chiuso un ristorante pizzeria dove andavano abitualmente ed alla fine della serata Francesco si ferma a bere e fumare 10 minuti con Roberto.

Roberto intuisce che un locale che faceva ogni venerdi’ e sabato ‘solo’ 80 coperti con le persone che vanno in quella discoteca, e’ chiuso e alla domanda di Francesco che gli domanda a che ora apre la mattina per le colazioni……si illumina una lampadina.

pizzcirsi5images

A questo punto Roberto che la domenica mattina non apriva neppure, dice che domani mattina e’ aperto e non solo colazioni, dalle 4,30 del mattino ma : pizzette e focaccine farcite calde saranno in serbo per loro.

La comitiva saluta Roberto e lui rimane a pensare.

Per la prima volta in 2 anni di grigiore, si presenta la prima opportunita’.

Saltare il giorno chiusura? Chi verra’ mai a controllare domani mattina e.. tanto..cosa ha ormai da perdere nel provare ad aprire una mattina in piu’?

..Immediatamente occorre procurarsi croissant, preparare un impasto abbondante per domani mattina…predisporre una vetrina ‘piacente’.

Una notte impegnata e dove l’adrenalina corre tra le paure (come pago questi 100 croissant per domani mattina..e soprattutto dove li trovo).. e cosa dico a mia moglie se va male anche questa iniziativa?…’ti sei fatto consigliare da ragazzini delle discoteche’..?

Il cuore batte tutta la notte, passata a preparare l’impasto ed a recuperare ‘al volo’ croissant a 35 km di distanza dopo aver ‘girato’ e telefonato a parecchi pasticceri.

La prima macchina si ferma alle 4,38 e dopo di essa decine di giovani danno l’assalto al bar e Roberto da solo ,fa una fatica immane a stare dietro a tutti.

Quasi 2 ore e mezzo di lavoro intenso che hanno ‘reso’ l’incasso di oltre 2 giorni interi.

Roberto, ormai da mesi, e’ il punto di riferimento delle colazioni dei nottambuli di ogni giovedi’, venerdi’, sabato e domenica mattina presto e da molti locali e discoteche del territorio vengono clienti alla chiusura, perche’ nel frattempo la voce si e’ sparsa e suo cognato viene nelle ore di punta a dargli una mano.

Anche il lavoro in pizzeria ha preso piede e Roberto si e’ fatto amici fra i p.r. che spesso si fermano prima di andare in discoteca a prendere un caffe’ e farsi una pizza, portando cosi’ indirettamente nuovi clienti e conoscenti.

Finale :

Anche nei momenti dove tutto sembra nero, non arrendetevi , una luce da qualche parte splende e basta solo cercarla.

Buon weekend

Andrea Figoli

fonte immagini

locandaaurora.it

forum.politicainrete.net

Articoli correlati:

Altri articoli :