Aprire un’attivita’ commerciale: avviare un outlet. Prima parte.

Aprire un outlet : prima puntata.

December 9, 2009 | Fare impresa

L’arrivo dell’euro prima e della crisi economica dopo, ha radicalmente cambiato le abitudini di consumo dei cittadini che da circa un decennio a questa parte, stanno imparando a gestire gli acquisti in modo “intelligente”, cercando prodotti di qualità a basso prezzo per salvaguardare l’ormai magro reddito mensile.

LA CRISI DEI NEGOZI TRADIZIONALI E LA NASCITA DEGLI OUTLET

Questo scenario si incontra con la tragica crisi di interi settori commerciali che hanno dovuto chiudere i battenti o reinventarsi per proporre al cliente ciò che vuole: un buon prodotto a prezzi contenuti. E’ proprio in tale mutamento ( crediamo irreversibile) delle abitudini di consumo, che va ricercato il boom di attività commerciali chiamate outlet. A dir la verità ormai con questo termine si indica un vero e proprio fenomeno formato da clienti che cercano di comprare prodotti di marca super scontati e di punti vendita che sono in grado di realizzare questo desiderio.

view

COSA E’ UN OUTLET?

Con il termine outlet, si intende, infatti, un punto vendita di prodotti di marca a prezzi molto convenienti, ovvero scontati del 30, ma anche del 70%. E’ possibile trovare le grandi firme del Made in Italy, nel settore dell’abbigliamento per adulti e bambini, calzature ed accessori, ma anche articoli casalinghi e persino prodotti alimentari ed artigianali. Il fenomeno outlet sbarca nel nostro paese con l’arrivo della moneta unica, e già nel 2005 attraversa una fase di vero e proprio boom. Proprio in questo 2009, gli outlet stanno attraversando una nuova era di “splendore” per via dell’inasprimento delle difficoltà economiche delle famiglie.

APRIRE UN OUTLET : I DATI DI MERCATO

Anche se nel nostro paese non esiste un vero e proprio centro studi del fenomeno outlet, ma radiografie tracciate dalle note associazioni di categoria nell’ambito del commercio e da docenti universitari esperti di marketing, gli operatori hanno fatto rilevare un considerevole aumento del fatturato rispetto allo scorso anno. Nell’outlet di Barberino di Mugello a Firenze, d esempio, il solo mese di agosto 2009 ha fatto registrare più di 300 mila visitatori, il13% in più rispetto allo stesso mese dello scorso anno, con una spesa di 9 milioni di euro. Uno studio europeo realizzato da European Factory Outlet Center e pubblicato dal Corriere della Sera a fine 2008 evidenziava che l’Italia è al terzo posto per la diffusione di outlet con una superficie occupata di oltre 440 mila metri quadri. Un negozio outlet vende a prezzi più bassi perché immette sul mercato prodotti invenduti delle grandi marche, oppure fuori moda o con lievi difetti, ( nel caso di prodotti di abbigliamento ed accessori), rappresenta la moderna evoluzione dello spaccio aziendale che vende a prezzi da ingrosso gli stock invenduti, baypassando i costi della filiera commerciale e dei canali distributivi tradizionali: con l’outlet il produttore vende direttamente al consumatore. Il termine “outlet” di provenienza anglosassone si traduce in “sbocco” “uscita”, significa “gettare fuori”, “eliminare”. Viene spesso associato a factory che significa azienda, da qui il fatto che deriva dal sistema dello spaccio aziendale.

view

APRIRE UN OUTLET : LA DIFFERENZA RISPETTO AD UNO SPACCIO AZIENDALE

Il negozio outlet però ha delle differenze rispetto allo spaccio aziendale. Il secondo si trova generalmente nei pressi della stessa casa produttrice e colloca prodotti invenduti di quest’ultima, quindi possiamo definirlo un punto vendita monomarca, mentre il primo si trova in zone più lontane dall’azienda produttrice e può vendere anche prodotti di più marche. Dalla tipologia di outlet, dalle dimensioni e dalla localizzazione, troviamo diverse definizioni del punto vendita che è opportuno conoscere se state pensando di “tuffarvi” in una nuova avventura imprenditoriale. Il punto vendita di prodotti scontati monomarca o plurimarca, di piccole dimensioni, viene definito mini outlet; una concentrazione di punti vendita outlet in un’area commerciale extraurbana appositamente edificata viene definita factory outlet center o factory outlet village; si tratta di strutture commerciali molto complesse, o meglio di aree commerciali appositamente attrezzate che ospitano più spacci aziendali seguendo un’architettura a villaggio. Sono generalmente localizzati fuori dai centri urbani in aree facilmente raggiungibili; alcuni offrono servizi tipici del centro commerciale, come ristorazione; area bimbi; sportello bancomat. Questa innovativa formula di vendita ha fatto riscoprire il piacere dello shopping alle famiglie e non solo italiane, ma anche straniere; anche i turisti in visita nel nostro Belpaese non disdegnano l’occasione di poter acquistare prodotti di marca a prezzi vantaggiosi, per portare a casa veri e propri “cimeli” delle prestigiose griffe Made in Italy. Avviare anche un mini outlet può rivelarsi una scelta imprenditoriale ricca di soddisfazioni, a patto di saper partire con il piede giusto, sapersi fornire dei prodotti giusti e vendere nel luogo… giusto! Un outlet di piccole dimensioni, anche 40 mq, può essere avviato con investimenti minimi in luoghi a forte vocazione turistica. Immaginate una zona molto frequentata da visitatori italiani e stranieri che leggono sull’insegna di poter acquistare abiti di stilisti famosissimi con il 70% di sconto? Un simile acquisto è molto più ambìto del classico souvenir del posto. Perché sarà lo stesso brand ad assumere il valore del ricordo del luogo di vacanza. Bisogna poi evitare di avviare l’impresa in posti dove si assiste ad una saturazione del settore; vincere la concorrenza, agli inizi, può rivelarsi una sfida molto difficile da superare. La strategia vincente sarà quella di diversificare l’assortimento dei prodotti che si vuole vendere; cambiare le marche proposte o la tipologia di prodotto. Esistono outlet specializzati nella vendita di abbigliamento sportivo; altri nella vendita di vestiti per bambini; altri di articoli casalinghi. La fetta di mercato maggiormente occupata dagli outlet è quella dell’abbigliamento, calzature ed accessori, un po’ meno nell’intimo, per via degli sconti abituali praticati dalle case produttrici, ma comunque nessun prodotto, è da escludere dal mondo outlet. Il portale Outlet Center, recensisce, attualmente, circa 3 mila punti vendita localizzati in diverse province del territorio nazionale. Gli outlet sono ovunque: da Nord a Sud. In provincia di Catania, ad esempio, troviamo il classico outlet di merce con marchio Prenatal, vero e proprio spaccio aziendale, così come descritto in questo articolo ed un outlet di prodotti artigianali realizzati in proprio o di fiori. Da ciò si evince che con il termine viene definita ormai qualsiasi tipo di vendita a prezzi scontati. Il database del portale è ricco e completo, suddiviso per regioni e province: basterà dare un’occhiata alla vostra regione o provincia di residenza, per avere un’idea del livello e della tipologia di concorrenza che dovrete affrontare se deciderete di aprire un outlet. Un’idea molto interessante ed innovativa nel settore, è quella degli outlet del territorio. Si tratta di negozi che espongono “in conto vendita” prodotti e generi alimentari a prezzi di vero risparmio, prodotti nel luogo dove ha sede lo stesso outlet. Il risparmio si ha non perché si tratta merce scadente, ma perché vengono azzerati i costi intermedi di distribuzione, come quelli di trasporto. A suo tempo ci eravamo occupati della vendita da produttore a consumatore nel campo dei prodotti agricoli, nel settore dei farmers market, ma un outlet del territorio spesso vende prodotti multi genere, mentre un farmer market solo generi alimentari. La formula in conto vendita, permette al negoziante di non acquistare la merce dal produttore, ma di esporla e proporla alla potenziale clientela, ricavando una percentuale sul prezzo di vendita stabilito, in caso di acquisto. In questo modo si eviteranno inutili e speculativi ricarichi sul prezzo di vendita ed una maggiore soddisfazione e fidelizzazione della clientela.

OUTLET DEL TERRITORIO IN CONTO VENDITA

Un outlet del territorio in conto vendita può essere avviato in luoghi a forte vocazione turistica, ricchi di bellezze naturali e rinomati per produzione di particolari prodotti tipici. Il vantaggio per il proprietario di un outlet del territorio sta nella notevole riduzione dell’investimento e del rischio di impresa, poiché si azzerano i costi iniziali di fornitura che rappresentano una voce di spesa considerevole in fase di avvio di un’impresa. Un mini outlet può essere gestito a conduzione familiare o ditta individuale. Quando le cose cominceranno a girare per il verso giusto si potrà pensare in grande ed utilizzare superfici superiori ai 1000 mq. Non è necessaria una formazione o un titolo di studio particolare per aprire un outlet, ma solo predisposizione ed attitudine alla vendita ed almeno un bacino di utenza di 30 mila abitanti. La merce può essere acquistata direttamente dall’azienda produttrice, proposta in conto vendita (se le case produttrici lo prevedono) o fornita dal franchisor, nel caso optiate per l’affiliazione in franchising che tratteremo nei seguiti del nostro reportage.

AVVIARE UN OUTLET : LA NORMATIVA

Con la recente riforma del commercio, inoltre, legge 114/98 e il decreto Bersani del 2006 sulle liberalizzazioni, avviare un negozio che non tratta generi alimentari è diventato molto semplice. Gli outlet non hanno una regolamentazione a parte, anche se in alcuni casi le associazioni di categoria del commercio la richiedono. La procedura standard è aprire partita Iva, avviare una comunicazione di inizio attività al Comune ed iscriversi alla Camera di Commercio, questo per gli outlet che non trattano generi alimentari e con superficie non superiore a 250 mq. Le Regioni comunque applicano, per molte attività, procedure disciplinate da proprie norme. Per consigli su come avviare l’impresa è perciò utile rivolgersi alle associazioni di categoria presenti nella vostra zona, come Confcommercio, Confesercenti, lo Sportello Attività Produttive del Comune o il Servizio Commercio della vostra Regione.

Link di approfondimento da cui abbiamo tratto alcuni contenuti:

http://www.confcommerciovenezia.it/index.php?area=4&menu=94&page=93

http://www.lavoroeformazione.it/fare_impresa/come_avviare_outlet_territorio.asp

http://www.millionaire.it/content/view/861/

Rosalba Mancuso

Fonti delle Immagini:

http://www.flickr.com/photos/cstrzrock/3932462160/

http://www.flickr.com/photos/razorwind/3902256735/

Articoli correlati:

  • Aprire un’attivita’ commerciale: avviare un outlet. Seconda parteAprire un’attivita’ commerciale: avviare un outlet. Seconda parte
    Cedere alla tentazione di proporre marchi contraffatti è un errore assolutamente da evitare nella gestione di un outlet. Se si parte con il piede giusto il rientro dall’investimento iniziale av...
  • Aprire un negozio: avviare un outlet. Terza parteAprire un negozio: avviare un outlet. Terza parte
    Il mondo outlet non riguarda solo le calzature o l’ abbigliamento firmato. La vendita di prodotti di marca a prezzi vantaggiosi può interessare, infatti, i più svariati settori merceologici. Un...
  •  Aprire un negozio: avviare un outlet. Quarta parte Aprire un negozio: avviare un outlet. Quarta parte
    Proseguiamo il nostro approfondimento dedicato al pianeta outlet. Dopo la recensione di un’azienda rappresentativa del settore, nell’ambito merceologico dei casalinghi, che ci ha gentilmente co...
  • Affaripropri.com 2010Affaripropri.com 2010
    Buon lunedi' e buon inizio anno. Le feste sono quasi alle nostre spalle e con esse libagioni e notti di festeggiamenti. Come molti di voi, ho approffittato di queste giornate per rilassar...
  • Aprire un’agenzia di poste private. Prima parte.Aprire un’agenzia di poste private. Prima parte.
    C’era una volta il postino. Gentile, puntuale e pronto a smistare la corrispondenza al destinatario. Una volta questa figura professionale dipendeva da Epi, cioè dall’Ente Poste Italiane, organiz...
  • Aprire un’erboristeria. Seconda parte.Aprire un’erboristeria. Seconda parte.
     Anche la distribuzione delle erboristerie che vendono on line, si presenta piuttosto omogenea sul territorio nazionale e sulle piattaforme web. Di solito si tratta di erboristerie che vendono ...

Altri articoli :

Leave a Reply

Chi siamo

Affaripropri pubblica foto e video presi dalla Rete Internet facendo attenzione a non violare diritti d'autore.

Nel caso ravvisiate utilizzo improprio di testi ed immagini, scriveteci e provvederemo immediatamente alla rimozione del materiale.