Aprire una impresa di pulizie. Seconda parte.

gennaio 20, 2010 | Fare impresa

L’impresa di pulizie, rispetto ad altri settori di attività, richiede un investimento iniziale più contenuto. Ma è pur vero che, rispetto ad agenzie di servizi, le cui prestazioni possono svolgersi tranquillamente on line, senza particolari investimenti in attrezzature, l’impresa dedicata alla pulizia ed alla disinfezione di ambienti domestici e aziendali, deve necessariamente ricorrere ad una certa spesa per l’acquisto degli attrezzi da lavoro.

view

APRIRE UN’IMPRESA DI PULIZIE : LE ATTREZZATURE ED I MEZZI

In questa seconda parte del nostro approfondimento, parleremo, infatti, dei costi delle attrezzature necessarie allo svolgimento del lavoro di pulizia, per avere una panoramica dell’investimento in denaro da impiegare nella messa a punto dell’attività. Per quanto riguarda le spese burocratiche di avvio dell’impresa, oneri, bolli e diritti di segreteria da versare alla Camera di Commercio, sono simili per tante altre tipologie di imprese, e si aggirano intorno ai 100 euro per il diritto annuale ed a qualche centinaio di euro in più per l’iscrizione al Registro delle Imprese ed all’Albo Artigiani, oltre all’onorario del commercialista che curerà l’invio della pratica. Superato questo primo step, dobbiamo sapere quali sono le attrezzature indispensabili per lavorare con un’impresa di pulizie. Primo: detersivi e prodotti; secondo: macchinari come pedane, scale, lavasciuga, guanti, scope, secchi e panni; terzo: l’automezzo aziendale, il furgoncino dove caricare i detergenti e gli strumenti che servono per pulire la casa l’ azienda del cliente. Per quanto riguarda gli attrezzi “minori”, la spesa è davvero poco rilevante e tra poco daremo un’occhiata ai siti specializzati nella produzione di prodotti per le imprese di pulizia. L’investimento più consistente è l’automezzo. Diciamo che nel complesso saranno necessari circa 20 mila euro ( automezzo usato, attrezzature minori e spese iniziali) per avviare un’impresa di pulizie. Chi, all’inizio, non può permettersi nemmeno l’acquisto di un automezzo usato, può optare per il leasing o il noleggio, il cui canone è notoriamente inferiore al costo della compravendita. E’ utile ed importante sapere che i costi degli automezzi necessari allo svolgimento di attività di impresa sono deducibili dalle imposte sui redditi. Il limite di deducibilità è fissato in maniera variabile in base alle diverse tipologie di automezzi ed alla differente modalità di acquisto. Il limite massimo di deducibilità dei costi del veicolo è del 50%, elevato all’80% per i veicoli usati in attività di agenzia o di rappresentanza. Per l’acquisto o il leasing dell’automezzo aziendale dell’impresa di pulizie, la percentuale di deducibilità può arrivare a coprire un costo di oltre 18 mila euro, mentre per quello noleggiato la percentuale si applicherà ad un importo di circa 3.600 euro. Anche per chi decide di acquistare un automezzo nuovo, le spesa da affrontare non è molto alta. Complice la crisi economico-finanziaria e gli incentivi statali alle aziende automobilistiche, i prezzi dei veicoli commerciali, attualmente, sembrano molto appetibili, con promozioni ed offerte da non lasciarsi scappare. Ecco alcuni esempi: Un Furgone Fiat, nuovo, costa 19.300 euro, Iva esclusa. Nel sito dell’azienda potete scegliere e selezionare diverse tipologie di veicoli commerciali, in base al volume di carico, al tipo di alimentazione o alla tipologia di trasporto. Il database vi restituirà foto, caratteristiche dell’automezzo, costo ed il concessionario più vicino a voi per provare dal vivo lo strumento più importante dell’impresa di pulizie. Altre proposte di veicoli commerciali sono consultabili su diversi siti di aziende automobilistiche: http://www.renault.it/gamma/veicoli-commerciali/, http://www.volkswagen-veicolicommerciali.it/it/it.html . Per trovare veicoli usati potete consultare le migliaia di siti di annunci presenti sul web, dove c’è davvero l’imbarazzo della scelta. Citiamo il portale più famoso, Subito.it, tanto per fare un esempio. Per gli amanti del noleggio, segnaliamo, sempre a titolo di esempio, i seguenti portali: http://www.furgo.it/home/home.asp, http://www.eurocarent.it/,

http://www.hotfrog.it/Prodotto/noleggio-veicoli-commerciali , quest’ultimo propone una lista di aziende specializzate in noleggio di veicoli commerciali. Esaurita la panoramica sui veicoli commerciali, possiamo passare ai prodotti necessari alla pulizia e alla disinfestazione degli ambienti domestici ed aziendali. Per quanto riguarda la tipologia di prodotti, è sempre meglio optare per prodotti di qualità, atossici e rispettosi dell’ambiente e della natura. Un’impresa di pulizie attenta alla salubrità dei prodotti che usa ed alla salute del cliente, offre certamente un’immagine di professionalità in grado di battere qualsiasi forma di concorrenza. Durante le nostre ricerche sul web, i motori ci hanno restituito i risultati di aziende specializzate nella fornitura di prodotti per le imprese di pulizia. Una di queste è Kollega. Attrezzature molto importanti per l’impresa oggetto del nostro servizio, sono scale e trabatelli. Si tratta di strumenti che servono per effettuare pulizie che richiedono sopraelevazione dell’operatore. Molto utili anche le pedane per il furgone: ausili necessari al trasporto degli attrezzi e dei macchinari per le pulizie, come lavasciuga o idropulitrici di grandi dimensioni. Attraverso le pedane, gli attrezzi verranno spostati più velocemente, senza fatica e senza rischio per gli operai. Kollega fornisce anche tute e mascherine da lavoro, complementi indispensabili per un’impresa di pulizia che svolge anche attività di disinfestazione. Per soddisfare la vostra legittima curiosità, vi anticiperemo il costo di qualche macchinario. Una pompa per disinfestazione va da un minimo di 60 euro ad un massimo di 349 euro. Tutto dipende dal modello e dalla potenza del prodotto. Ma anche in questo caso, come per gli automezzi, abbiamo notato che le aziende propongono sconti ed offerte speciali. Per chi vuole mettere a punto un’azienda, diremmo che questo è il periodo giusto per investire. Un carrello per lavaggio pavimenti costa da un minimo di 107 euro ad un massimo di 232 euro. Un detergente per pavimenti da 10 litri, costa intorno ai 47 euro. Più consistente la spesa per un’idropulitrice. Si va da un minimo di 900 euro ad un massimo di 4 mila euro. Un karcher per giardinaggio costa da un minimo di 1675 euro ad un massimo di 2900 euro. Per quanto riguarda gli abiti, come i camici, i costi sono davvero bassi. Un camice donna costa 15 euro. Una tuta monouso, 1,50 euro.

view

APRIRE UNA IMPRESA DI PULIZIA : ALTRI INDIRIZZI E MATERIALE DA LAVORO

Le attività delle imprese di pulizie richiedono anche l’utilizzo di accessori ed abbigliamento in regola con la legge sulla sicurezza sul lavoro 626/94, come gli occhiali per protezione, il cui costo è di circa tre euro. Accessibili anche i costi di scope, secchi, guanti. Per conoscerli nel dettaglio e per visionare il catalogo completo dei prodotti, degli ausili e dei macchinari che non devono mai mancare in un’impresa di pulizie degna di questo nome, potete cliccare il seguente link: http://www.kollegastore.com/it/ . Troverete, foto, descrizione e costi. Una distinzione importante che occorre fare per quanto riguarda gli strumenti da lavoro di un’impresa di pulizie, è riferita alle diverse tipologie di attività che la stessa impresa può svolgere e che abbiamo elencato nella prima puntata del nostro reportage: pulizia, disinfestazione e derattizzazione. Macchine, prodotti chimici ed attrezzature sono differenti per le diverse attività svolte dall’impresa. Aspirapolveri ed idropulitrici, sono macchinari che servono per le pulizie. Pompe e nebulizzatori, per la disinfestazione. Cere, detergenti sono prodotti chimici per pulizie. Insetticidi ed erbicidi servono per la disinfestazione. Scope, panni, guanti, secchi, sono attrezzature per pulizie. Le attrezzature per la disinfestazione, sono, invece, pompe, tute e maschere. Dispenser per derattizzanti ed esche, sono, invece, attrezzi necessari alla derattizzazione. Se contiamo il costo di un furgone nuovo, prodotti di grandi dimensioni e di ottima qualità e potenza, l’investimento iniziale per l’avvio di un’impresa di pulizie può anche lievitare, dai 20 mila euro citati all’inizio del nostro articolo, a 30 mila euro. Tutto dipende sempre dalle capacità finanziarie dell’imprenditore e da quanto è disposto ad investire. Il consiglio è sempre quello di agire secondo lo spirito della professionalità e della qualità del servizio nei confronti del cliente. Altro particolare molto importante per l’immagine dell’impresa di pulizie, è il logo. Tutte le imprese di pulizie hanno nel loro furgone stampigliato un logo che le rappresenta, logo che viene riportato anche nei camici del personale. Questo logo può essere realizzato da un’agenzia pubblicitaria, oppure, se avete un pc e conoscete i programmi di grafica potere crearlo da soli e cercare l’agenzia solo per la stampa dello stesso sugli attrezzi da lavoro. Nel seguito del nostro approfondimento, cercheremo di conoscere altri dettagli sulle imprese di pulizia, sul personale necessario allo svolgimento di tutte le attività espletate ed espletabili dall’impresa, sulle opportunità di apertura tramite contributi pubblici o affiliazioni in franchising , sui tempi di acquisizione della clientela, di rientro dall’investimento e sulle prospettive future, magari, chissà, ascoltando anche le esperienze di imprenditori del settore.

Link di approfondimento da cui abbiamo tratto alcuni contenuti:

http://www.businessonline.it/3/LavoroeFisco/303/Trattamento_fiscale_delle_autovetture_aziendali.html

Rosalba Mancuso

Fonti delle immagini:

http://www.kollegastore.com/it/prodotti-chimici/prodotti-chimici-per-pulizie/detergenti-manutenzione-pavimenti.html

http://www.kollegastore.com/it/macchine-professionali/macchinari-per-pulizie/idropulitrici.html

Articoli correlati:

Altri articoli :