Aprire un centro assistenza caldaie e condizionatori:terza parte

febbraio 22, 2010 | Fare impresa

Bentornati alla terza puntata dedicata all’apertura di un centro assistenza caldaie e condizionatori.

Nelle precedenti puntate, abbiamo presentato come funziona un centro assistenza, quali sono gli strumenti di lavoro ed alcune regole da seguire per una buona gestione di questo tipo di attivita’.

Per capire come funziona un centro assistenza caldaie e condizionatori, ci siamo rivolti ad un imprenditore che da anni opera in questo campo e copre l’assistenza di alcune marchi importanti.

Abbiamo con noi Sergio Carassale della ditta thermotecnica a cui abbiamo posto alcune domande sul funzionamento di un centro assistenza:

Aprire un centro assistenza caldaie e condizionatori : come funziona un centro professionale?


Intanto bisogna avere un ufficio con annessa officina per poter eseguire delle piccole riparazioni, avere in ufficio una persona che risponde e distribuisce gli interventi e naturalmente disporre di un programma gestionale per clienti in modo da garantire una casistica dei vari interventi.

Come e’ organizzato un centro assistenza caldaie e quali sono le figure salienti nella sua organizzazione?

C’è il responsabile tecnico: uno per le caldaie ed uno per i climatizzatori; la segretaria addetta alla gestione interventi che li distribuisce ai vari tecnici; la segretaria delle garanzie e contabilità ed un centralino risposte per gli interventi con 6 linee.

La formazione dei tecnici è obbligatoria si svolge presso centri scuola delle case costruttrici delle caldaie e dei climatizzatori; di solito ogni tecnico fa 2 corsi all’anno; oltre alla formazione tecnica, vengono aggiornati anche sulle normative vigenti.


Che tipologie di assistenza offre ai suoi clienti?


Iniziamo dalla prima accensione dove oltre a controllare il buon funzionamento del prodotto, compiliamo la garanzia ed il libretto dell’ impianto.

Per quel che riguarda le caldaie, l’anno dopo contattiamo il cliente per eseguire la manutenzione.
Poi c’è l’assistenza per i guasti, dove si interviene entro le 48 ore.

Che tipo di clienti dispone?

Variano: dai clienti privati, alle industrie, alberghi ed enti pubblici.


Aprire un centro assistenza caldaie e condizionatori : I mezzi e gli strumenti di lavoro

Quali sono i mezzi a vostra disposizione e che dotazione dispone un tecnico?

Il furgone, la valigia con la attrezzatura da lavoro( chiavi,cacciaviti ecc.), analizzatore dei fumi,misuratore di tensione,strumento per il controllo delle fughe gas, termometro, micromanometro per misurare la pressione del gas, manometro per misurare la pressione dei liquidi, vuotometro, contalitri, compressore e pompa per lavaggi scambiatori e impianti.ecc.

Come si sta muovendo il settore e come pensate di orientarvi?

C’e’ sempre maggiore concorrenza e noi siamo orientati nel dare più professionalità ai nostri clienti.

Noi crediamo molto nel risparmio energetico; sono anni che proponiamo caldaie a basso consumo

Cosa vi distingue dai concorrenti e qual’è il vostro punto di forza?

La nostra professionalità, il poter dare al cliente più scelte, visto la nostra vasta gamma di prodotti, garantiamo sempre ricambi originali; il nostro punto di forza è la qualità del servizio.

Come e’ strutturato il vostro settore ?

Iniziamo dalla casa madre che si divide in più rami; c’è l’ufficio tecnico dove noi chiediamo informazioni ed assistenza; c’e’ l’ufficio vendite dove diamo notizie su potenziali clienti;
c’e anche l’ufficio ricambi poi c’è il capo area che ci fa visita almeno una volta al mese. Infine ci siamo noi servizi assistenza; dall’altra parte troviamo gli installatori e i termotecnici. Le altre figure sono : da una parte chi vende le caldaie, dall’altra i magazzini.

Images : www.thermotecnica.com


Articoli correlati:

Altri articoli :