Mettersi in proprio : lavorare nel settore finanziario. Terza parte.

aprile 20, 2010 | Fare impresa

Bentornati alla terza parte di questo reportage.

DIVENTARE PROMOTORE FINANZIARIO : ISCRIZIONE ALL’ALBO

Per essere autorizzato all’esercizio della professione di Promotore finanziario , deve essere iscritto proprio all’Albo dei Promotori Finanziari, che, come accennato nella prima parte di questo reportage, è tenuto dall’Organismo per la tenuta dell’Albo dei Promotori Finanziari. (APF) Associazione senza fine di lucro istituita nel 2007 da Associazioni di Categoria. A questo Albo sono iscritti tutti i promotori precedentemente inseriti nell’Albo Unico Nazionale tenuto dalla Consob. L’iscrizione all’Albo comporta degli obblighi e dei doveri, perché se da un lato l’agente deve agire secondo le direttive impartite dalla banca che egli stesso rappresenta, non si può prescindere dall’analisi e dalla valutazione oggettiva dei prodotti proposti al cliente e dall’analisi delle stesse caratteristiche di quest’ultimo, come le aspettative sull’investimento, la capacità finanziaria di quest’ultimo per sopportare eventuali rischi o margine di rischio. La rischiosità delle operazioni proposte va sempre comunicata al cliente presentando tutta la necessaria documentazione informativa.

DIVENTARE PROMOTORE FINANZIARIO : LE REGOLE E I CODICI DI COMPORTAMENTO

Per tutelare il consumatore ed evitare il rischio di commistioni tra gli interessi del promotore e la banca rappresentata, è stato stilato un codice deontologico, a cui abbiamo già dato cenno poche righe più sopra. In realtà queste regole fanno parte di codici etici messi a punto dalle stesse Associazioni di categoria costitutrici dell’APF. Si tratta del Codice di Autodisciplina dei promotori finanziari dell’Anasf ( Associazione Nazionale Promotori Finanziari); il Codice di Autodisciplina dell’Abi ( Associazione Bancaria Italiana); il Codice di vigilanza sull’attività dei promotori finanziari di Assoreti ( Associazione Nazionale delle Società di collocamento di prodotti finanziari e di servizi di investimento). Queste associazioni possono essere consultate per ricevere ulteriori consulenze sulla formazione e sulle modalità previste per diventare promotore finanziario. Le regole contenute in tali codici, invece, sono di basilare importanza per aiutarvi a capire come dovrete operare nell’esercizio della vostra professione. Vediamo insieme le più importanti. Lealtà e trasparenza nei confronti del cliente a cui devono essere chiaramente spiegate le caratteristiche dell’investimento proposto e dei suoi rischi, assoluto divieto di occultare al cliente la conoscenza di tali rischi o eventuali perdite subite durante l’operazione. Bisogna anche rispettare le direttive del soggetto mandante, ma se queste dovessero ledere gli interessi del cliente, il promotore deve mettere al primo posto quest’ultimo. Deve , inoltre, evitare di chiedere ed incassare compensi dal cliente, poiché i suoi compensi saranno costituiti dalle provvigioni del soggetto per il conto del quale agisce. Insomma il “mestiere” di promotore finanziario non è così facile da affrontare. Perché bisogna saper bilanciare posizioni ed interessi totalmente contrapposti, oltre al fatto che più prodotti si riesce a collocare e più provvigioni si percepiranno. Una cosa che può aiutarvi ad agire secondo i principi deontologici è che se il promotore causa dei danni al cliente, il soggetto mandante ne risponde in solido con lui. Quindi se mettete al primo posto il cliente, vi assicurerete anche l’incarico duraturo del soggetto che rappresentate. Soggetti impulsivi, con scarsa capacità decisionale e poca propensione alla vendita o poco rispettosi di principi etici, non sono adatti ad intraprendere la carriera di promotore finanziario. Self control, razionalità, grande capacità di comprensione e di ascolto, con una spiccata capacità di comunicazione ed attitudine ai rapporti interpersonali, sono requisiti indispensabili per intraprendere questo interessante lavoro nel mondo della Finanza. Non devono mancare tanto, ma tanto spirito di sacrificio e tanta pazienza, per riuscire a creare un solido porfolio clienti. Utile anche la capacità di resistere allo stress ed alla fatica di lavorare per diverse ore al giorno, per raggiungere il cliente negli orari e nelle giornate in cui questi è più disponibile. Bisogna saper conciliare ed organizzare più appuntamenti nello stesso arco della giornata e della settimana, bilanciando sempre qualità e quantità. Si è agenti di un soggetto, ma a tutti gli effetti, lavoratori autonomi ed unici artefici del proprio destino e del proprio reddito. Questi requisiti li abbiamo elencati prima di parlavi della formazione necessaria ( adesso ci arriviamo), perché il talento, insomma “gli attributi”, garantiscono la riuscita professionale al pari o forse più di un ( sempre dovuto) percorso formativo. Il promotore finanziario gli “attributi” deve averli per forza, perché senza quelli ( non fraintendiamo,sono i requisiti che vi abbiamo elencato) non si va da nessuna parte.

DIVENTARE PROMOTORE FINANZIARIO : TITOLI DI STUDIO  E FORMAZIONE

Ed adesso parliamo della formazione che dovrebbe avere un buon promotore finanziario. Un diploma di Ragioniere e Perito Commerciale, tanto per cominciare, sarebbe il minimo. Poi una laurea in Economia e Commercio, in Scienze Bancarie, buona conoscenza del Diritto Tributario e Finanziario, acquisibile tramite appositi corsi universitari e master. Digitando queste parole chiave sui motori di ricerca troverete decine di corsi anche on line. La normativa prevede che per esercitare la professione di promotore finanziario,cioè per iscriversi all’Albo, si debba essere in possesso di requisiti di onorabilità e professionalità. Il requisito professionale previsto è il diploma di maturità quinquennale o titolo di studio estero equipollente sulla base di una valutazione effettuata dalla Consob che permette l’accesso all’esame ( prova valutativa) per l’iscrizione. Sono esonerati dall’esame e possono presentare istanza diretta di iscrizione coloro che hanno acquisito specifica esperienza professionale nel ruolo di: agenti di cambio; funzionari o dipendenti di banca o Sim per almeno tre anni. La norma che detta le regole sui requisiti di onorabilità e professionalità e il DM 472/98. Per requisiti di onorabilità si intende il non essere stati condannati a pene detentive per reati bancari, ad altre condizioni di ineleggibilità e decadenza previste dal codice civile. Nel testo linkato al decreto, troverete il file pdf che contiene tutti gli articoli di legge da tenere in considerazione per iscriversi all’Albo. L’esame per l’abilitazione si svolge presso la sezione territoriale dell’ Organismo per la tenuta dell’Albo, viene organizzato in tre sessioni annue e prevede una prova scritta.

DIVENTARE PROMOTORE FINANZIARIO : ESAME ED AMMISSIONE

Per conoscere le modalità di svolgimento della prova, contattate l’organismo per la tenuta dell’Albo registrandovi al sito nell’area aspiranti. Dopo aver superato la prova o se in possesso dei requisiti di esonero, si può presentare istanza di iscrizione. scaricabile dalla sezione moduli del sito dell’Organismo per la tenuta dell’Albo che, come già detto, è suddiviso in sezioni territoriali presso le Camere di Commercio a cui va inoltrata l’istanza. Il documento prevede il pagamento di una marca da bollo di 14,62 euro e bisogna pagare un contributo istruttorio di 175 euro tramite bonifico bancario dal soggetto che intende iscriversi, indicando il codice fiscale dello stesso e la causale. La ricevuta va presentata in originale alla sede territoriale dell’APF. Queste le prime spese da affrontare per esercitare la professione. La bella notizia è che è stato previsto un rimborso spese di 75 euro per la prova di esame. Non essendo un’impresa, ma una persona fisica, il promotore non dovrà spendere cifre esagerate per affittare locali uso ufficio. Potrà andare a trovare i clienti a domicilio ed avere con sé un buon telefono cellulare e pc portatile. Per lavorare basta poco, ma serve tanta buona volontà. Seguiteci ancora per conoscere altri sviluppi dei “mestieri” della finanza, con relative testimonianze.

Ulteriore link di approfondimento da cui abbiamo tratto alcuni contenuti:

http://www.sarannopromotori.it/promotore/index.htm#1

Rosalba Mancuso

Fonti delle immagini:

www.blogfinanza.com

http://www.flickr.com/photos/27784298@N06/2590149614/

Articoli correlati:

Altri articoli :