Quando la crisi non è solo aziendale! Prima parte.

aprile 29, 2010 | Formazione personale

Nei nostri approfondimenti, abbiamo piu’ volte parlato di crisi aziendale, dove e come trovare le idee innovative, come cercare la propria nicchia, come diversificare, come gestire il rapporto con i soci, ecc..

Abbiamo anche portato esempi di come nascono e si sviluppano le idee e come riprendere determinate situazioni critiche.

Migliorare se stessi : quando la crisi da economica/aziendale diventa anche personale

Purtroppo, molte volte, come molti economisti fanno notare: dalla crisi aziendale si passa spesso a quella sociale e le stesse persone, i protagonisti di queste crisi, rimangono coinvolte con la loro vita ed i loro affetti.

Molti imprenditori e professionisti, in tempi di crisi, lamentano non solo un calo di fatturati e lavori ma anche un abbassamento della qualità di vita percepita.

Lo stress e le difficoltà, sono spesso causa di ulteriori problemi e tensioni che vanno a sommarsi a quelli già esistenti.


Superare stress e tensione : cosa fare?

Anche in questo caso, prendo a prestito, le esperienze di alcuni imprenditori e consulenti, con cui in passato ho avuto modo di discutere su questo tema.

Il signor Franco, un cinquantacinquenne che lavora in proprio con successo ormai da oltre 30 anni, un giorno a pranzo mi confesso’ che ricordando i tre, quattro momenti peggiori della sua vita privata ed aziendale, riusci’ ad uscirne indenne e rafforzato, adottando alcune regole comportamentali che con il tempo divennero per lui una formula consolidata di gestione delle crisi che : piccole o grandi che siano, fanno capolino durante la nostra esistenza.

Altri personaggi, con cui ebbi modo di discutere su questi temi, aggiunsero qualcosa in piu’ ma nel complesso, le loro osservazioni, si avvicinavano a quello già segnalato dal nostro amico imprenditore.

Oggi, vi elenco queste pillole di saggezza, sperando di fare cosa gradita.

Strumenti di gestione della crisi personale

    Riuscire sempre(in qualunque situazione) a rimanere lucidi e con uno spirito costruttivo e ottimista.

Pensare sempre che: tutto passa!

Uno degli errori che si commettono molte volte, è quello di cominciare ad osservare ed affrontare gli avvenimenti, con la paura ed il panico.

La serenità(o comunque un atteggiamento non costantemente apprensivo e spaventato), permettono non solo di elaborare pensieri e soluzioni creative ma anche di vedere tra le tante difficoltà, le (talvolta poche ma decisive) opportunità e le vie di uscita da situazioni critiche.

Quando si perde la speranza, si cade in balia del nulla e diventa anche difficile pianificare un’ uscita da determinate situazioni!

Continuare a vivere ed a operare come se tutti i problemi fossero solo di passaggio e quindi come se essi rappresentassero solo un problema temporaneo alla nostra esistenza.

Riuscire a trovare tempo e spazio per se stessi.

Proprio mentre tutto sembra piu’ difficile e talvolta si raggiungono anche momenti di panico, serve, ancor di piu’ che nei momenti di calma e serenità, trovare spazi esterni che ci permettano di ricaricarci e vedere le cose da una prospettiva differente.

Quindi, diventa fondamentale uscire da una visione monotematica che con il tempo diventa un’ossessione e ci schiaccia sempre piu’ nelle nostre paure.

Uscire dalle corde!!

Appuntamento alla prossima

Andrea Figoli

fonte immagine :

nefertiti1.splinder.com

Articoli correlati:

Altri articoli :