Aprire un negozio : subentrare nella gestione di una attività chiusa.

maggio 18, 2010 | Fare impresa

Passeggiando nelle vie di medie e grandi città ed anche nei piccoli centri periferici, si incontrano molti fondi commerciali chiusi, con la scritta: vendesi, cedesi attività od affittasi.

Magari, eravamo passati in quella stessa strada poche settimane prima ed avevamo visto un bar aperto oppure un solarium attivo.

Ora invece, troviamo una porta(od una saracinesca) chiusa ed un cartello con la scritta : cedesi attività, affittasi, ecc..

Aprire un negozio : rilevare un’attività precedente.

Molte volte, la mancanza di liquidità ed un budget limitato, obbligano molti neoimprenditori a valutare l’ipotesi di acquisto di una attività che ha cessato oppure una impresa in cui gli attuali titolari/gestori stanno lasciando.

Effettivamente, in alcuni casi, il prezzo per subentrare sembra interessante o comunque non eccessivo, rispetto a quelli che sono i valori di mercato degli ultimi anni.

Che attività rilevare o comunque che metodo seguire?

Nei momenti di crisi, coloro che dispongono di forti liquidità, hanno sempre delle opportunità in piu’ per concludere ottimi affari.

Certamente oggi, una eccessiva offerta/disponibilità di attività commerciali in vendita ed in affitto, rispetto ad una situazione del mercato e dei consumi stagnante o comunque con tassi di crescita bassi, impone una riflessione ed una valutazione attenta per coloro che intendono subentrare in una attività.

In termini assoluti, non esistono liste di attività a tutti gli effetti redditizie e viceversa tipo di imprese completamente prive di interesse.

Esiste invece, un metodo di valutazione derivato dal buon senso che andrebbe seguito anche in operazioni di questo genere.

Aprire un negozio, rilevando un’attività precedente: cosa valutare.

I punti da prendere in considerazione, sono parecchi ma vediamo di evidenziarne qualcuno :

Quali sono le cause reali che hanno portato alla chiusura dell’attività?

Questo punto è forse quello da cui partire, per capire la fattibilità del nostro progetto.

Se la cause non sono realmente l’abbandono per motivi di salute o comunque motivi familiari, occorre verificare bene, altrimenti, si rischia di andare incontro a cattive sorprese.

Rilevare un’attività : Fase calante o crescente del fatturato

Capire dai dati in nostro possesso e dalla situazione, sia dello stesso settore che del luogo operativo, se l’azienda in oggetto, era in una fase produttiva stabile(se non addirittura di crescita) o già stava vivendo un periodo di calo costante ?

Questo, ci aiuta sicuramente a determinare meglio, il valore reale dell’attività e le sue prospettive future, in caso di riapertura o rilancio

Rilevare un’attività : idee e potenzialità per rinnovare e rilanciare l’attività.

Dopo aver analizzato i due punti precedenti, ora occorre capire con quale strategia ci predisponiamo ad entrare in gioco.

Abbiamo individuato nella gestione precedente, degli errori o degli spazi lasciati liberi e quindi, pensiamo di allargare o far ripartire il nostro business da questo?

Rilevare un’attività : il vero valore dell’avviamento commerciale o del pacchetto clienti.

Nell’acquisto di una attività, viene fatto pagare il cosiddetto avviamento che comprende anche il ‘giro’ presunto o reale di clienti che sono patrimonio di questa attività.

Occorre capire, se realmente esiste un ‘pacchetto clienti’ legato a questo punto vendita oppure ormai, dopo un periodo di chiusura, sia piu’ credibile non tenerne conto e partire dal presupposto che si debba ricominciare da capo.

Oppure (altro caso negativo ma purtroppo presente), i pochi clienti rimasti, erano legati alla figura del vecchio titolare piu’ che alla attività stessa ed ai prodotti e servizi distribuiti.

Quindi, ci ritroviamo al punto precedente.

Appuntamento con il seguito alla prossima puntata.

fonti immagini :

guidasicilia.it

comunedipartenope.it

Articoli correlati:

Altri articoli :