Avviare un pet shop : Quarta parte.

luglio 5, 2010 | Fare impresa

Bentornati alla continuazione del reportage dedicato all’avvio di un pet shop. Come anticipato a conclusione della scorsa puntata, per lavorare come titolari di un pet shop non servono solo passione ed entusiasmo, ma anche una formazione adeguata. Se per operare come venditori di accessori per animali è necessaria solo un’ottima predisposizione alla vendita ed ai rapporti umani con la clientela, che, sarà naturalmente costituita da proprietari di animali, per dedicarsi all’assistenza diretta ed alla cura di un “pet” occorre capire come fare.

APRIRE UN PET SHOP : VENDERE ANIMALI

Non solo, anche per vendere animali, alimenti, prodotti dietetici, farmaci veterinari e parafarmaci, una solida formazione di base è indispensabile, magari conseguendo lauree e diplomi ad hoc, come in Medicina Veterinaria, in alimentazione e nutrizione animale. Accademie private ed Atenei pubblici, offrono un nutrito pacchetto di corsi e master per conoscere tutte le caratteristiche della salute, della nutrizione e del benessere dei nostri cari amici animali. Una formazione è indispensabile anche per offrire servizi di pet sitting e toelettatura. Nella prima bisognerà imparare a gestire il rapporto di compagnia con l’animale, nella seconda bisognerà conoscere le tecniche di pulizia e di pettinatura dello stesso. I “segreti” di questi mestieri si apprendono tramite corsi di formazione organizzati da associazioni di categoria. Trattandosi di un settore di impresa che ha a che fare con gli animali non possiamo esimerci dal segnalare la Federazione Nazionale Ordini Veterinari Italiani , la Fnovi, che divulga gli aggiornamenti per la professione veterinaria, la legislazione e tutti i provvedimenti di farmacovigilanza, e con cui anche il titolare di un pet shop deve mantenere contatti inerenti ai servizi che intende svolgere o ai prodotti che intende vendere. Chi decide di vendere anche animali vivi, può iniziare ad informarsi su come fare contattando la Federfauna, la Confederazione  Europea  delle  Associazioni  di  Allevatori, Commercianti e Detentori  di  Animali. All’interno del sito della Confederazione ( basta cliccare sul testo linkato poco sopra), troverete un altro elenco che indica le sedi più vicine al vostro territorio di residenza ed altre associazioni di settore, tra cui segnaliamo obiettivo pet sitter, Opsi, www.obiettivopetsitter.it , Ancad, Associazione Nazionale Commercianti Animali Domestici; Ancad, Associazione Nazionale Commercianti Animali, Acpt, Associazione Culturale Professione Toelettatura www.toelettatura.net Il pet shop è anche e soprattutto un’attività commerciale, che può offrire ed abbinare servizi accessori. Per essere sempre aggiornati sulle novità e sulla formazione nel settore del commercio, vi segnaliamo perciò anche Ascom, l’Associazione Imprese del Commercio e del Terziario istituita all’interno di Confcommercio.

APRIRE UN PET SHOP : LA FORMAZIONE

Per lavorare con gli animali, bisogna non solo amarli, ma anche conoscerli. L’Associazione Misasia www.parcofaunisticomisasia.it organizza percorsi didattici legati alla zooantropologia ed educazione ambientale e visite private guidate per conoscere gli animali e l’ambiente. L’associazione OPSI , citata poco fa ( obiettivo pet sitter per intenderci), letteralmente Associazione nazionale per la formazione e la tutela del Pet Sitter, guidata dall’azienda di settore Abac Vip, organizza nel corso dell’anno un nutrito calendario di corsi di formazione per diventare pet sitter, o per specializzarsi nel seguire una specie animale ben precisa, solo cani o gatti, ad esempio. In genere si tratta di full immersion, per cui ci si può iscrivere a diverse tipologie di corsi, aperti anche a corsisti fuori sede che possono essere ospitati, nelle location indicate nel sito dell’associazione.

APRIRE UN NEGOZIO PER ANIMALI : ALTRI CORSI

Per apprendere le tecniche della toelettatura per animali si possono frequentare i corsi e gli stage gratuiti dell’Associazione Culturale Professione Toelettatura. Per ritirare l’attestato degli stage gratuiti è necessario iscriversi come soci. La quota associativa è di circa 60 euro. I servizi da offrire a beneficio degli animali sono davvero tanti. Molte aziende ( come l’agenzia Abac Vip) hanno imparato ad ampliare i servizi di pet sitting, pensando al personal training, ovvero programmi personalizzati per il benessere ed il dimagrimento dell’animale in casi in cui i problemi di sovrappeso ne mettano a repentaglio la salute o l’aspetto fisico. Queste sedute vanno indicate e seguite dal medico veterinario. Ecco perché è molto importante creare dei contatti con i veterinari di zona a cui far conoscere i servizi offerti. Sono loro, infatti, i principali veicoli di promozione di un pet shop che a questo punto potremmo anche definire pet center, ovvero un centro che si dedica agli animali in tutti i loro aspetti e le loro esigenze. Altri servizi innovativi sono , ad esempio l’educazione cinofila o le consulenze a domicilio per educare il cane, ma anche la famiglia a saperlo gestire. I corsi per diventare educatori cinofili vengono offerti dall’Apnec, l’Associazione Professionale Nazionale Educatori Cinofili. Segue nella prossima puntata con notizie utili sulla messa a punto dell’attività.

Rosalba Mancuso

Fonti delle immagini:

http://www.flickr.com/photos/14161572@N02/3499781651

http://gattiandgatti.splinder.com/post/17930102



Articoli correlati:

  • Avviare un pet shop : terza parte.Avviare un pet shop : terza parte. Nella scorsa puntata abbiamo descritto i diversi iter burocratici da seguire per avviare i singoli servizi di un pet shop. Riepilogando: vendita al dettaglio o all’ingrosso di alimenti ed […]
  • Avviare un pet shop : seconda parte.Avviare un pet shop : seconda parte.  Per lavorare come titolari di un pet shop, si può decidere di muoversi su diversi fronti, o solo nella vendita di prodotti per animali, dunque attività di commercio all’ingrosso o al […]
  • Avviare un pet shop : prima parte.Avviare un pet shop : prima parte. Le idee per fare impresa sono davvero tante, dalle più tradizionali alle più innovative. Si possono offrire prodotti e servizi per le persone, ma anche per gli animali. In questa prima […]
  • Avviare un franchising immobiliare : Prima parte.  Avviare un franchising immobiliare : Prima parte. Abbiamo gia' presentato il franchising come formula eccezionale per sviluppare piccoli e grandi business, in grado di dare un'accelerazione alla crescita di progetti […]
  • Avviare un franchising immobiliare : seconda parte.Avviare un franchising immobiliare : seconda parte. Avviare un franchising immobiliare : come trovare affiliati E' una delle prime azioni che svolge il franchisor. Sviluppare per un franchisor il proprio business, e' in prima battuta […]
  • Aprire una lavanderia. Prima parte.Aprire una lavanderia. Prima parte. In questo ennesimo reportage dedicato alla creazione di impresa, vogliamo parlarvi di un settore che si colloca a cavallo tra tradizione e modernità, ma che può riservare ottime […]

Altri articoli :