Cercare opportunità : dove aprire e cosa aprire

settembre 7, 2010 | Fare impresa


Chiunque voglia fare una passeggiata nella propria città, scoprirà, che nei centri medi e grandi, negli ultimi tre anni, sono aumentate le saracinesche chiuse con la scritta vendesi o affittasi.

Ma al di là di una semplice valutazione pessimistica, è bene considerare alcuni aspetti :

La crisi del commercio e le attività redditizie.

Abbiamo assistito in questi ultimi anni ad una rivoluzione nel piccolo commercio.

La crisi di tanti piccoli esercenti

I cambiamenti nei consumi

Invecchiamento della popolazione ed arrivo di nuovi cittadini con culture ed abitudini differenti

La crescita dei medi e grandi centri commerciali

La vendita diretta, anche sul Web e la conseguente disintermediazione.

Altri elementi


Però, è bene ricordare ai pessimisti che anche pochi anni or sono, questi problemi, anche se in misura differente, erano già presenti.

Ora, accanto ad elementi di criticità, dobbiamo riconoscere anche alcuni elementi positivi emersi in questi ultimi anni.


Aprire un’attività : quali sono invece le nuove opportunità

I costi degli affitti e degli stessi fondi commerciali, sono diminuiti notevolmente a causa della minore richiesta.

La liberalizzazione delle licenze commerciali di alcuni anni or sono.

La possibilità degli esercenti di approvviggionarsi della merce a 360°, grazie anche alla diffusione della Rete.

La sempre maggiore offerta di alcuni servizi che vengono abbinati alla vendita del prodotto e che tra l’altro, risultano anche apprezzati dagli stessi consumatori.

L’opportunità (colta da molti) commercianti, di allargare il numero e le categorie dei prodotti venduti.

Opportunità per singole zone : consegna spesa e prodotti (pizze, alimenti, ecc.) a domicilio o la vendita di prodotti a nuove categorie di clienti (vedi ad esempio i turisti in aree di nuovo sviluppo turistico); nuove propensioni e scelte di acquisto (consumatori attenti alla salute, al risparmio energetico e alla cura del territorio, nuove terapie salutistiche ecc.)

Ovviamente, chi pensa di rimanere come un monolito, fermo e per sempre immobile nella stessa posizione, si deve per forza ricredere.

La capacità di sopravvivere e prosperare in natura, è riservato a tutti gli esseri animali e vegetali disponibili e capaci di adattarsi armonicamente ai cambiamenti del proprio habitat.

Non si conosce un animale od una pianta che non abbia un’utilità all’interno del suo contesto.

Anche e soprattutto gli imprenditori, devono sempre ricordarsi questo principio.

Chi non produce utilità al suo habitat, è destinato a soccombere.

Quindi è fondamentale, vivere, lavorare e sviluppare il proprio business, rapportandandosi sempre con l’ambiente in cui viviamo.

fonte immagine :

chaariahospital.myblog.it

Articoli correlati:

Altri articoli :