Investire all’estero : delocalizzare la produzione, parte seconda.

ottobre 24, 2010 | Redazionale

Buon lunedì,

oggi parliamo di delocalizzazione.

Cioè di quel fenomeno che vede lo spostamento di attività produttive dalla loro sede iniziale (o principale) ad aree lontane e spesso in situate i nazioni che offrono vantaggi ed opportunità migliori per gli imprenditori.

Delocalizzare l’attività : cosa è successo negli ultimi 20 anni?

Le imprese italiane, hanno cominciato ad attuare politiche di delocalizzazione in maniera forte e complessive (interessando molti settori produttivi e per imprese di ogni dimensione) già agli inizi degli anni novanta.

La caduta del muro di Berlino e l’apertura di mercati nuovi in grado di offrire bassi costi di produzione e senza i vincoli ed i controlli normativi nazionali, hanno portato a spostare moltissime aziende e creare di conseguenza molti distretti produttivi all’estero.

Repubblica Ceca, Polonia, Slovacchia , Romania, ecc. in diverse fasi e con differenti modalità, hanno rappresentato i luoghi di arrivo di molti piccoli , medi e grandi imprese.

Poi, sono arrivati anche la Cina ed il Sud Est asiatico e le zone di Bosnia, Macedonia, Serbia, ecc..

Delocalizzare all’estero . Ma cosa cercano le imprese che delocalizzano?

All’inizio, si è trattato per molti produttori del settore manifatturiero in particolare, di garantirsi bassi costi di produzione;

da qualche tempo però si sono aggiunte altre aziende che non avevano ancora delocalizzato e contemporaneamente troviamo imprese (spesso molto grandi) che si spostano da paesi dell’Est (dove avevano delocalizzato pochi anni or sono), per spostarsi ora verso India e Sud Est asiatico.

Cosa succede?

Se nella prima delocalizzazione il fattore costo del lavoro, era il primo e fondamentale elemento, ora a questo si aggiungono anche altri due aspetti :

L’aspetto fiscale : aree di no tax area o comunque con aliquote minime per le imprese che si insediano (vedi alcuni cantoni Svizzeri ad esempio)

Produrre in aree che sono anche potenziali grandi mercati :

Vedi India e Cina.

Oppure :

produrre a costi del lavoro sempre più bassi (rincorrere il costo di produzione più basso) :

vedi Sud Est Asiatico

Ogni Nazione o meglio ogni regione, dovrà sempre più definire la propria offerta e chiarire le proprie peculiarità e punti di forza perche in caso contrario, il suo territorio rischierà di trovarsi tagliato fuori da ogni tipo di proposta ed interesse.

Buon lavoro

Andrea Figoli

Articoli correlati:

Altri articoli :