Aprire una softwarehouse : quarta parte.

novembre 14, 2010 | Fare impresa

Bentornati nella quarta puntata.

La volta scorsa, abbiamo ascoltato la storia di un piccolo imprenditore di una azienda informatica che distribuisce una soluzione software per le agenzie immobiliari ed in aggiunta, eroga servizi informatici (hardware, assistenza , Web, ecc.) per coprire tutte le esigenze dei suoi clienti.

Oggi, proseguiamo il nostro reportage, ascoltando l’esperienza di un altro imprenditore.

Questo, da molti anni, ha avviato una softwarehouse nel settore delle agenzie viaggio.

Offre quindi una soluzione software che negli anni ha continuamente aggiornato e migliorato e contestualmente, ha aumentato sempre più la sua presenza nel mercato, acquisendo sempre nuovi clienti.


Diamo spazio al nostro ospite :

Ho iniziato molti anni or sono. Fornivo un software alle agenzie viaggio in un’epoca in cui molte agenzie viaggi medio/piccole, erano prive di soluzioni mirate.

Come esperienza professionale, vengo dalle vendite e mi occupai sin da subito, prevalentemente di contattare le varie agenzie e proporre loro la nostra soluzione.

Siamo partiti come una micro realtà indipendente che mano a mano è cresciuta.

Aprire una softwarehouse : da dove ho cominciato

L’esperienza di venditore mi ha permesso di parlare un linguaggio chiaro e non tecnico ai titolari di agenzie che quindici, venti anni or sono, erano spaventati dai discorsi troppo tecnici.

Riuscii a comunicare con successo con persone che erano digiune di termini informatici e per la verità, spesso anche ostili ad attuare cambiamenti nel loro modo di lavorare. La mia esperienza passata di commerciale, mi ha notevolmente facilitato rispetto ad alcune software house più forti ma meno capaci a proporsi e presentare la loro soluzione in maniera efficace.

Aprire una softwarehouse : lo sviluppo e la crescita

Con gli anni, siamo cresciuti ed abbiamo assunto personale tecnico e commerciale, mantenendo sempre viva la nostra filosofia di lavoro :

parlare in maniera semplice

essere diretti ed andare incontro al cliente, comprendendo anche le sue difficoltà

guardare sempre avanti. E tutto questo ci è stato utile quando Internet si è diffuso e sviluppato e noi abbiamo sin da subito intuito che era una grande opportunità e quindi ci siamo preparati a trasformare le nostre soluzioni in web oriented.

Aprire una softwarehouse : come ci si promuove.

 

Partecipiamo alle fiere e manifestazioni del settore (agenzie viaggi, turismo ecc.).

Teniamo i contatti con le nuove agenzie che aprono o vengoni rilevate

Periodicamente, contattiamo in maniera non invasiva, agenzie che da anni operano ed che in passato abbiamo già avuto modo di contattare.

Effettuiamo altre e più mirate azioni di marketing.

Aprire una softwarehouse : che servizio offrite.

Quando ho cominciato a lavorare in questo settore, la soluzione che si proponeva ad una agenzia era:

acquistare un software e pagare un canone di abbonamento per l’assistenza e gli aggiornamenti.

Oggi, quasi tutte le softwarehouse, offrono una soluzione a noleggio cioè, il cliente paga un canone annuo comprensivo del servizio.

Forniamo anche servizi di supporto a distanza per fidelizzare i clienti.

Diamo assistenza telefonica anche per problemi di varia natura (dove possiamo) e realizzazione pagine Web per la singola agenzia.

Questo, ci permette di ‘blindare’ maggiormante il cliente ed offrire qualcosa in più. Anche se in termini di ritorno economico puro, per noi questi servizi aggiuntivi, non rappresentano nessun profitto.

Aprire una softwarehouse : il futuro

In futuro (e già da ora ce ne rendiamo conto), l’attenzione ai costi da parte delle agenzie viaggio (come in qualunque attività), sarà sempre maggiore. Quindi, offrire un prodotto con un ottimo rapporto costi/benefici, deve essere costante.

L’attenzione al cliente che da sempre ci distingue, non dovrà diminuire, anzi, probabilmente occorrerà trovare forme sempre migliori (ed a costi gestibili) per supportare meglio la nostra rete di clienti.

Si conclude qui anche la nostra quarta puntata.

Fonte immagine :

antonine-education.co.uk

Articoli correlati:

Altri articoli :