Investire in Romania : aprire un’attività in Romania. Seconda parte

novembre 4, 2010 | Fare business all'estero

Bentornati nella seconda parte della relazione dedicata ad investire in Romania aprendo un’attività.

Nella prima parte, abbiamo analizzato la situazione generale per poter in questa seconda parte, definire meglio quali linee ed obiettivi porsi.

Investire in Romania : il valore dei terreni

Durante la rincorsa dei prezzi sino a dicembre 2007, il valore dei terreni agricoli, subì forti aumenti e questo per le seguenti ragioni :

Era un momento di euforia generale e l’arrivo di investimenti in Romania in quantità elevate, fece lievitare ogni valore immobiliare indipendentemente dal valore reale.

Le aspettative di crescita per molte aree urbane ed un forte sviluppo delle infrastrutture (strade, autostrade, aree industriali, centri commerciali, edilizia abitativa ecc.) , attribuirono a molti terreni, un valore superiore al dovuto.

La qualità del terreno in Romania, come già sottolineato nella prima parte, è una buona ragione per assegnarle un alto valore.

Infatti se prendiamo la città di Timisoara, nel raggio di 60, 70 kilometri dalla periferia, ci fu una corsa all’acquisto, specie da parte di italiani.

I terreni agricoli, sicuramente anche in futuro, manterranno valori sostenuti a causa della sempre maggiore richiesta di cereali e prodotti agricoli da parte dei mercati globali.

Aprire un’attività in Romania : costituire una società in Romania.

Per costituire una srl in Romania, servono complessivamente poche centinaia di euro.

La tassazione sulle società di capitali, fa riferimento all’aliquota del 16% sugli utili.

Purtroppo, è stata introdotta dal 2009, una sorta di mininum tax che prevede in base a dei calcoli, il pagamento di un importo minimo anche in caso di perdita.

Aprire una società in Romania : il costo del personale

Il costo del personale, è uno degli aspetti più favorevoli per le imprese che intendono aprire in Romania.

Gli stipendi netti (medi* )per lavoratori come : camerieri, operai con bassa qualifica, ecc. sono inferiori ai 250 euro netti al mese.

I pagamenti ‘fuori busta’, avvengono mediante l’utilizzo dei cosiddetti ‘tichet de masa’, ossia i buoni pasto che rappresentano una sorta di moneta parallela.

Come in tutti i paesi che stanno vivendo una fase di crescita (rispetto invece ad altri paesi come l’Italia ad esempio), anche in Romania c’è un grande dislivello fra le retribuzioni di differenti mansioni.

Aprire un’azienda in Romania : la mobilità del personale.

Questo aspetto lo vediamo in tutti e due i significati della parola mobilità :

mobilità intesa come elevato turnover del personale.

Il turnover del personale, è superiore alla media di qualunque azienda dell’Europa Occidentale.

Mobilità nel senso di raggiungimento del posto di lavoro.

Cioè, una buona parte dei lavoratori (specie quelli con basse qualifiche) non dispone di auto propria e nella pianificazione dell’apertura di un’impresa, occorre definire una localizzazione adatta per essere raggiunta dai lavoratori con i mezzi pubblici(oppure fornire un mezzi di trasporto aziendale).

Questo aspetto, è verificabile anche nelle aree urbane, nella scelta che un lavoratore effettua tra un’occupazione ed un’altra.

Continua.

Appuntamento con la terza parte dedicata al reclutamento del personale, analisi dei costi di locazione ecc.

*La situazione dei costi della vita e delle retribuzioni, può variare a seconda dell’area di riferimento.

Bucarest ed a seguire Timisoara e poi gli altri centri principali del Paese, hanno un costo della vita notevolmente superiore rispetto alle aree rurali e quindi anche gli stipendi, risentono di queste modalità.

Fonte immagine :

bakecannunci.com

Articoli correlati:

Altri articoli :