Diventare avvocato. Prima parte.

dicembre 6, 2010 | Libera professione

Quella di avvocato, è da sempre una delle professioni più ambite, anche oggi, in tempi di crisi e di elevata concorrenza. Eppure diventare avvocato può rappresentare un modo per ottenere gratificazioni morali e professionali, a patto di saper cavalcare l’onda dei cambiamenti e dei mutamenti epocali del nostro tempo.

 

DIVENTARE AVVOCATO : PREMESSE

Non sempre sarà possibile riuscire a diventare avvocati di fama come quelli che spesso vengono invitati dai media per commentare sentenze e processi, ma con impegno, pazienza e determinazione si potrà riuscire ad essere degli ottimi avvocati, con un buone possibilità di guadagno economico e di soddisfazioni professionali. Una volta superato lo scoglio arduo della formazione, si potrà pensare a mettere sù uno studio legale, ma adesso è troppo presto per parlarne, intanto vogliamo partire dall’inizio e spiegare passo dopo passo tutti gli step che portano ad intraprendere la professione di avvocato. La formazione per diventare avvocato, cambia di stato in stato. Cominceremo dall’Italia. Nel Belpaese per diventare avvocato serve la laurea quadriennale in Giurisprudenza del vecchio ordinamento o la laurea specialistica del nuovo ordinamento, oltre al praticantato presso uno studio legale ed il superamento di un esame di Stato che abilita all’esercizio della professione. La pratica forense dura due anni, mentre per chi ha frequentato la Scuola di specializzazione alle professioni legali, dura un anno. Non sempre è facile trovare studi legali dove svolgere il tirocinio, questa professione, infatti, storicamente e per tradizione, è una di quelle che si tramandano di padre in figlio, dove quest’ultimo riesce a formarsi svolgendo la pratica presso studi legali dell’ambiente paterno o nello stesso studio del genitore, per poi rilevare, un giorno, uno studio già avviato. Questa premessa farebbe pensare che, alla fine, sarebbe meglio rinunciare ad intraprendere la carriera di avvocato, ma ricordiamo che questa è solo un’impostazione “formativa” che fa parte di un passato ormai morto e sepolto. Chi ha la stoffa e vuole davvero diventare avvocato  : non deve lasciarsi travolgere da stereotipi e difficoltà varie, ma tentare tutte le possibili strade per riuscirci.

DIVENTARE AVVOCATO: IL TIROCINIO

Tornando alla questione del tirocinio, chi non ha conoscenze utili a trovare studi legali presso cui svolgere il periodo di pratica, può rivolgersi a Consiglio dell’Ordine Forense della propria città che potrà segnalare gli studi interessati a reclutare praticanti. Il tirocinio deve, infatti, svolgersi nella città di residenza del praticante. L’esame per l’iscrizione all’Albo degli Avvocati deve svolgersi presso la Corte di Appello del distretto dove si è seguito il periodo di pratica. Quindi, chi ha svolto il tirocinio in uno studio della città di Latina, dovrà sostenere l’esame presso la Corte di Appello di Roma. La domanda di ammissione agli esami va presentata in genere entro il 10 novembre. L’esame si svolge tramite prove scritte ed orali. Le prove scritte sono tre e vertono su temi elaborati dal Ministero di Grazia e Giustizia per accertare le conoscenze giuridiche ( in materia civile, penale e processuale) del candidato. Il periodo di pratica che darà diritto all’accesso all’esame di abilitazione in genere è gratuito, anche se alcuni studi possono prevedere una remunerazione a titolo di rimborso spese. Il periodo di formazione per un avvocato, invece, come per altre professioni intellettuali, è molto lungo e fatti i dovuti conti matematici con i percorsi che abbiamo descritto, si aggira sui sei, sette anni. La parte più difficile dell’investimento per lavorare come libero professionista dell’avvocatura, sarà il creare ed avviare uno studio legale da zero, impresa molto più difficile ed onerosa rispetto a chi può già vantare l’esistenza di uno studio già avviato e gestito da un genitore. Ma come detto all’inizio, questo scoglio che sembra il più difficile da superare, in realtà non lo è affatto. Anche l’avvocato dovrà ragionare in termini di impresa ed avere il giusto spirito imprenditoriale, quindi dovrà saper valutare il mercato, quello che chiede o che cerca, o analizzare i settori in cui la professione forense potrebbe essere utile, ma è ancora per molti aspetti, lacunosa. L’avvento della Rete, ha portato alla nascita di contenziosi nel campo del diritto d’autore sui contenuti multimediali, a causa anche degli elevati casi di pirateria informatica. Un avvocato con una buona conoscenza delle norme che regolano i diritti sul web, non potrebbe lavorare solo con lo studio avviato del padre che si è formato in un’epoca precedente. Anche se molte leggi tradizionali possono essere riferite anche al contesto web, le situazioni nuove a cui questa realtà “virtuale” ci ha abituato, richiedono una sempre maggiore dimestichezza giuridica ed un continuo aggiornamento. Per gli altri settori utili ad essere trattati da un avvocato, vi diamo appuntamento alla prossima puntata.

Fonte di alcuni dati:

http://www.jp.unipmn.it/post_laurea/sbocchi.htm

Rosalba Mancuso

Articoli correlati:

  • Diventare avvocato. Terza parte.Diventare avvocato. Terza parte. Esercitare la professione di avvocato, o meglio, riuscire a completare il percorso di studi per riuscire a diventarlo, in Italia non è molto semplice. Come si sarà potuto notare nelle […]
  • Diventare avvocato. Settima parte.Diventare avvocato. Settima parte. Mettere su uno studio legale non è un’impresa facile. Come del resto non lo è per qualsiasi tipo di attività. Ci riferiamo chiaramente al discorso dell’investimento economico necessario ad […]
  • Diventare avvocato. Ottava parte.Diventare avvocato. Ottava parte. Tra gli altri aspetti che attengono alla professione di avvocato ci sono anche quelli del tariffario e del profilo fiscale. Come tutti i liberi professionisti, anche gli avvocati applicano […]
  • Diventare avvocato. Quarta parte.Diventare avvocato. Quarta parte. Non sempre un bravo professionista, come l’ avvocato, trova spazio per affermarsi in patria e se nella scorsa puntata abbiamo parlato delle opportunità di formazione professionale offerte […]
  • Diventare avvocato. Sesta parte.Diventare avvocato. Sesta parte. Nelle scorse puntate, abbiamo esaminato tutti gli iter formativi per diventare avvocato, in Italia ed all’estero, ma anche i settori giuridici dove è possibile ottenere una remunerazione […]
  • Diventare avvocato. Seconda parte.Diventare avvocato. Seconda parte. Nella prima parte del nostro reportage, abbiamo aperto un dettagliato focus a puntate sulla sempre ambìta professione dell’ avvocato, soffermandoci sulla formazione da seguire in Italia […]

Altri articoli :