Diventare commercialista. Prima parte.

febbraio 24, 2011 | Libera professione

Continua anche in questo nuovo reportage, il nostro viaggio dedicato al mondo delle libere professioni. Dopo l’avvocato ed il notaio ci occuperemo del commercialista o, meglio, di come diventarlo. In parole semplici il commercialista è colui che si occupa degli adempimenti fiscali e contabili delle aziende. Viene definito “commercialista” perché è esperto di diritto commerciale, fiscale, tributario, fallimentare e societario. Inoltre possiede esperienza in contabilità e bilanci. I clienti del commercialista sono le aziende, specie sotto forma di società piccole, medie o grandi ed i lavoratori autonomi come artigiani e commercianti. Ma anche i lavoratori dipendenti possono rivolgersi al commercialista per la contabilità personale, la dichiarazione dei redditi e la liquidazione di imposte come l’Ici.

DIVENTARE COMMERCIALISTA : L’ATTIVITÀ

Il commercialista è colui che tutto il giorno ha a che fare con conteggi di natura fiscale e tributaria, ma anche con altre procedure contabili come la stesura del bilancio societario, delle buste paga dei dipendenti di un’impresa, calcolo e liquidazione delle imposte a carico dell’azienda e dei lavoratori, definizione della contrattualistica aziendale per l’assunzione di dipendenti e collaboratori. A volte, su incarico dell’azienda, può anche curare l’emissione delle fatture. Il commercialista è un professionista indispensabile per la corretta gestione contabile e fiscale di un’impresa ed è per questo motivo che il suo operato deve tendere alla precisione ed alla correttezza nell’interesse del cliente. Se il commercialista, ad esempio, salta una scadenza fiscale, le conseguenze per l’azienda potrebbero essere molto serie, come rischio di pignoramenti da parte dell’Amministrazione Finanziaria o di pagamenti esosi gravati da sanzioni ed interessi. Anche su questo aspetto il commercialista deve essere molto ferrato con una buona conoscenza delle norme in materia di contenzioso tributario. Come l’avvocato, infatti, anche il commercialista può assistere il cliente nella presentazione di ricorsi contro l’amministrazione tributaria per annullare o dimezzare richieste di pagamento non dovute. Il suo intervento non si limita solo alla presentazione dell’istanza, ma alla consulenza per gestire al meglio la difesa del cliente ed alla rappresentanza dello stesso, in sede di udienza presso la Commissione Tributaria chiamata a decidere sul contenzioso.

DIVENTARE COMMERCIALISTA : ALTRE FUNZIONI

Il commercialista è, quindi, anche un consulente fiscale e giuridico, tanto che nella pratica comune, molti clienti dicono “consulente” riferendosi al proprio commercialista. Il commercialista, proprio per le sue elevate competenze consulenziali può ricoprire l’incarico di Sindaco delle società commerciali, assumendo spesso, anche la carica di Amministratore. E’ soggetto autorizzato all’invio telematico dei documenti contabili del cliente, i quali vanno debitamente conservati presso il suo studio al fine di consentire accertamenti di natura fiscale. Tutta la situazione “economica” di un’impresa è nelle mani del commercialista che può e deve anche intervenire nella soluzione di eventuali criticità aziendali, consigliando opportunità di contributi agevolati e di finanziamento. Il commercialista è anche colui a cui ci si può rivolgere quando si vuole creare un’impresa, perché sarà proprio lui stesso a suggerire i finanziamenti più adatti ad avviare l’attività. Tra i servizi offerti da questo esperto fiscale, c’è anche quello della consulenza ai finanziamenti agevolati per le imprese, sia in fase di start-up che in corso d’opera. Sarà sempre il commercialista, infatti, a presentare le istanze e la documentazione per richiedere i contributi. Come si può notare questo professionista fa e deve saper fare di tutto, sempre riferito al profilo fiscale, contabile, societario, contrattuale e giuridico dei propri clienti. Per il suo ruolo delicato e le funzioni che svolge rientra nella categoria degli esperti dediti alla libera professione, iscritti a un albo e con un proprio tariffario ed è candidato a guadagnare molto, anche se gli inizi sono sempre duri per tutti, specie nella fase della ricerca dei clienti. Nella prossima puntata inizieremo a capire quali passi si devono compiere per diventare commercialista. Seguiteci…

Rosalba Mancuso

Fonti immagini:

ebgraf.com

monetizzando.com

Articoli correlati:

  • Diventare commercialista. Seconda parte.Diventare commercialista. Seconda parte. Il primo passo per diventare commercialista, meglio se bravo e preparato, è il desiderio reale di intraprendere questo lavoro. Mai lasciarsi tentare dall’idea di intraprendere una […]
  • Diventare commercialista. Quinta parte.Diventare commercialista. Quinta parte. Nella scorsa puntata avevamo iniziato ad esaminare le modalità della ricerca di nuovi clienti per i neocommercialisti in fase di start-up. Il reclutamento dei clienti rappresenta, infatti, […]
  • Diventare commercialista. Terza parte.Diventare commercialista. Terza parte. Continuiamo il nostro reportage dedicato alla professione di commercialista. Dopo aver individuato, nelle scorse puntate, il suo ambito professionale e descritto le fasi del tirocinio, ci […]
  • Diventare commercialista. Quarta parte.Diventare commercialista. Quarta parte. Continua il nostro reportage sulla professione di commercialista. Dopo aver descritto il ruolo di questo professionista, il percorso di studi e di formazione ed i criteri di accesso per […]
  • Diventare commercialista. Sesta parte.Diventare commercialista. Sesta parte. Continua il nostro reportage sulla professione di commercialista. In questo articolo analizzeremo gli orari di lavoro di questo professionista e le tariffe applicate per i clienti e con […]
  • Diventare commercialista : diventare consulente del lavoro. Settima parte.Diventare commercialista : diventare consulente del lavoro. Settima parte. Le funzioni del commercialista, specie per quanto riguarda la contrattualistica nei rapporti di lavoro e l’elaborazione di buste paga e versamenti di tasse e contributi per il personale […]

Altri articoli :