Diventare notaio. Prima parte

febbraio 7, 2011 | Libera professione

Se non avessi fatto l’avvocato, avrei fatto il notaio”. Questa l’espressione ricorrente nei discorsi tra avvocati. In effetti tra avvocato e notaio, non c’è una grande differenza per quanto riguarda il percorso di studi formativi, mentre la grande differenza sta nel tipo di attività svolta e nei guadagni, almeno così pensano i più e cioè che i notai guadagnino tantissimo rispetto agli avvocati e che siano una “casta” dove l’accesso alla professione è garantito solo ai figli dei notai. Con questo reportage dedicato, appunto, all’avvio di uno studio ed all’esercizio della professione notarile vogliamo sfatare tanti miti ( a volte falsi) riguardanti l’ambita professione del notaio. Per avere un quadro esaustivo di questa importante professione saranno necessarie alcune puntate che vi invitiamo a seguire se desiderate conoscere meglio questa professione o desiderate avviarla. Intanto partiamo dalla sua definizione.

DIVENTARE NOTAIO : PRESENTAZIONE

Il notaio è un libero professionista che esercita una funzione pubblica, ma è anche un pubblico funzionario che ha il compito di validare contratti ed altri negozi giuridici, tramite apposizione delle firme dei contraenti in sua presenza, la quale attribuirà all’atto in questione valore di atto pubblico, cioè valore di prova. Si redigono in forma di atto pubblico, cioè alla presenza del notaio, gli atti di compravendita di immobili residenziali e commerciali, le cessioni di aziende, trasferimenti di quote e conferimenti di società, gli statuti ed atti costitutivi delle stesse, i testamenti, i contratti di mutui ipotecari, le donazioni. Insomma il notaio “mette lo zampino” nei più importanti negozi giuridici che regolano la nostra vita economica e sociale. Ha anche il compito di validare estrazioni di giochi a premi gestiti dai Monopoli di Stato e di certo tanti di voi ricordano le espressioni di noti conduttori televisivi che prima di assegnare una vincita si rivolgono al notaio presente in studio per verificare la correttezza delle operazioni. Il notaio, dunque, svolge una importante funzione pubblica: è il principale testimone di quello che accade in una transazione contrattualmente regolata , dove si assiste al passaggio da una persona all’altra di veri e propri diritti reali come la proprietà di un immobile. Per risparmiare, alcuni atti potrebbero essere redatti tramite scrittura privata, cioè senza la presenza del notaio, ma redigere un atto e un documento in sua presenza, rende quel documento valido a tutti gli effetti di legge. Ci sono atti, come quelli di compravendita di immobili che vengono sistematicamente redatti in presenza del notaio, per sentirsi più tutelati nei confronti del venditore. Con il passare del tempo, alcuni atti sono usciti fuori dalla competenza del notaio, come il passaggio della proprietà di auto usate (art. 7 del Decreto Legge n. 223 del 4 luglio 2006)ed in molti invocano la necessità di poter redigere altri atti senza ricorrere all’intervento notarile. Questo breve inciso, è per dire che la professione del notaio non rischierà tanto facilmente di entrare in crisi, perché molti atti e documenti si redigono in forma di atto pubblico.

COME DIVENTARE NOTAIO : IL PERCORSO FORMATIVO

Il percorso formativo del notaio è quello della laurea in Giurisprudenza e poi del praticantato di 18 mesi presso uno studio notarile che rappresenta, secondo molti, lo scoglio più difficile da superare per l’accesso alla professione. Tanti aspiranti notai, raccontano, infatti, di doversi confrontare con la realtà di praticanti figli o parenti di notati, che limiterebbe le opportunità di accesso alla professione per chi non ha un padre notaio, ma oggi, grazie agli annunci di lavoro via Internet, si potrebbero trovare anche studi notarili in cerca di praticanti al di fuori della loro cerchia familiare. Abbiamo dato un’occhiata ai siti di annunci ed ai forum di settore per capire quali possibilità di praticantato si aprono per gli aspiranti notai, ma in effetti, nel momento in cui stavamo scrivendo l’articolo, non abbiamo trovato alcuna offerta di praticantato nei portali dedicati alla ricerca e offerta di lavoro, mentre delle opportunità di trovano nei forum di settore, come Notaio.org , www.romoloromani.it, siti dedicati ai praticanti ed aspiranti notai. Un’utile directory per trovare studi notarili è anche il sito www.sarannonotai.it che elenca una serie di portali ( tra cui i primi due che abbiamo indicato) ed organizzazioni di categoria a cui rivolgersi per tentare la carriera notarile. Altra risorsa utile è il sito dell’Associazione Nazionale Praticanti Notai www.praticantinotai.it che collabora con il portale Notaio.org. Individuato lo studio notarile dove effettuare la pratica ed ottenutone il consenso, si deve presentare istanza al Consiglio Notarile del Distretto dove si intende svolgerla. Il sito del Consiglio Notarile è www.notariato.it . E’ importante sapere anche che su richiesta dell’interessato, al Consiglio Notarile spetta la designazione del notaio presso cui svolgere la pratica. Continua…

Rosalba Mancuso

Fonti immagini:

http://finanziamenti-on-line.it

www.quotidianocasa.it

Articoli correlati:

  • Diventare notaio. Terza parteDiventare notaio. Terza parte Benvenuti a terzo appuntamento con il reportage dedicato alla professione di notaio. Dopo aver appreso i passaggi relativi all’iter di accesso al praticantato, in questo articolo ( come […]
  • Diventare notaio. Quarta parteDiventare notaio. Quarta parte Per vincere il concorso di notaio bisogna studiare molto e seriamente. In questo articolo, infatti, indicheremo delle risorse utili alla preparazione dell’aspirante notaio. Ma intanto […]
  • Diventare notaio. Seconda parteDiventare notaio. Seconda parte Nella scorsa puntata avevamo iniziato ad esaminare il percorso formativo del notaio, trattando delle modalità di accesso al praticantato che, in caso di difficoltà nel trovare uno studio […]
  • Diventare notaio. Quinta parteDiventare notaio. Quinta parte Nella scorsa puntata abbiamo analizzato le risorse utili per tentare di vincere il concorso notarile, in quest’ultima puntata cercheremo di dare un’occhiata alle modalità di stesura di un […]
  • Attività redditizie : aprire un’attività in un settore saturo. Prima parteAttività redditizie : aprire un’attività in un settore saturo. Prima parte In tutti i post che sono stati pubblicati, abbiamo sottolineato quanto sia importante durante la preparazione del business plan, l'analisi del mercato e dei concorrenti. Aprire […]
  • Mettersi in proprio con successo : quanto conti veramente ? Prima parte.Mettersi in proprio con successo : quanto conti veramente ? Prima parte. Per ogni imprenditore, piccolo o grande, diventa importante crearsi uno spazio nel mercato. Talvolta, questo spazio è in termini quantitativi enorme, in altri casi, per piccole […]

Altri articoli :