Vendere prodotti agricoli senza troppe mediazioni. Seconda parte.

marzo 24, 2011 | Fare impresa

Bentornati nella seconda parte.

Abbiamo visto nella prima puntata le varie possibilità che una piccola e media azienda agricola ha per poter vendere i propri prodotti sul mercato.

In particolare, nella puntata scorsa, abbiamo elencato le opportunità di vendita diretta.

Quindi: tutte le modalità che permettono all’imprenditore agricolo di bypassare ogni forma di mediazione e contrattare così direttamente con il cliente finale.

Sicuramente, si tratta di soluzioni che sono disponibili ad un numero sempre maggiore di imprese agricole.

I farmer market, i G.A.S , le iniziative di regioni ed associazioni, ecc., sono ogni anno in numero maggiore e coinvolgono un numero sempre crecente di produttori.

Certo, analizzando il totale della produzione agricola ed il mercato potenziale, stiamo parlando in termini complessivi di un piccolo segmento anche se in costante crescita.

Oggi, desideriamo verificare l’opportunità per molti produttori agricoli che sono tagliati fuori dalle precedenti opzioni, di vendere i propri prodotti attraverso forme distributive più snelle che limitando la filiera possano consentire un margine adeguato.

La vendita dei prodotti agricoli attraverso una serie di negozi e venditori che permettano al produttore buoni margini.

Sin da ora molti produttori agricoli vendono tutta o parte della propria produzione attraverso negozi e punti vendita sparsi prevalentemente in aree urbane stabilendo un rapporto diretto con il commerciante.

Questo, ha permesso a molte imprese agricole di spuntare prezzi decisamente più interessanti tagliando così molti passaggi e riducendo così la filiera.

Infatti, il problema principale che si trovano ad affrontare la maggior parte dei produttori agricoli è quella di riuscire ad evitare i molti passaggi che rischiano di limare eccessivamente il loro ricavo.

Diventare imprenditore agricolo : crearsi una rete di distribuzione.

Diventa fondamentale per un agricoltore crearsi una rete di distribuzione diretta od indiretta (attraverso dei punti vendita) per convogliare la propria produzione.

Per creare una rete di distributori dei propri prodotti occorre

prendere contatti (azione di marketing)

garantire forniture (aspetto legato alla logistica ed alla capacità produttiva)

Vendere i prodotti dell’azienda agricola nei negozi : la consegna dei prodotti

Una piccola e media azienda agricola può gestire le consegne su una distanza breve.

Infatti, gli esempi del modello di ‘consumo a km zero’ ci conferma lo spazio che esiste per queste iniziative.

Ma per aziende agricole che desiderano consegnare i loro prodotti su mercati distanti anche centinaia di chilometri dal luogo di produzione(agrumi, frutta, olio d’oliva, ecc.) può essere interessante creare dei consorzi (anche piccoli) di produttori per riuscire a raggiungere i mercati lontani e bypassare i molti passaggi di molti intermediari che riducono nettamente il rendimento reale derivato dalla vendita dei prodotti.


Si continua nella terza parte in cui andremo a completare l’analisi sull’opportunità di crearsi una rete di rivenditori e prenderemo anche in considerazione l’opportunità del telemarketing e della vendita on line (spesso combinati) ed altre modalità di commercializzazione di prodotti agricoli.

Fonte immagine :

azannunci.eu


Articoli correlati:

Altri articoli :