Idee per aprire un’attività : aprire un camping : prima parte.

maggio 23, 2011 | Fare impresa

Aprire un’attività legata alla ricettività turistica, può essere un’opportunità ed insieme, un modo per lavorare in proprio in un contesto piacevole e differente, rispetto a molte altre attività tradizionali.


Aprire un campeggio : cosa serve.

Innanzi tutto occorre comprendere che essendo il campeggio un’attività ricettiva aperta al pubblico ed in particolare ai turisti, è necessario adempiere ad una serie di disposizioni.

Serve un’autorizzazione comunale per l’apertura del campeggio.

Poi, bisogna tenere conto conto delle disposizioni in materia urbanistica e sulla destinazione d’uso delle aree.

Altre disposizioni :

il nulla osta dell’attività sanitaria per l’idoneità delle strutture e dell’area utilizzata;

visita di controllo dei vigili del fuoco;

iscrizione alla camera dei commercio ed apertuta della partita iva.

Aprire un camping : le varie tipologie.

Come per altre tipologie di attività turistiche e ricettive, anche i camping, seguono una classificazione in base ai servizi offerti e quindi, in base al livello della struttura ricettiva.

Vengono pertanto assegnate delle stelle come nel caso degli alberghi e questa competenza, come nel caso degli hotel, è stata demandata alle regioni.

Esistono comunque dei requisiti minimi che ogni campeggio deve rispettare :

la presenza di un bagno ogni venti ospiti, una doccia almeno ogni trenta persone e lo spazio minimo lordo per ogni persona, deve essere di almeno quaranta metri quadrati.

Ovviamente, mano a mano che aumentano le stelle assegnate al camping, crescono anche il numero dei benefit.

Ad esempio, per i camping a quattro stelle, lo spazio minimo sale a novanta metri quadrati e così, aumentano gli standard degli altri servizi : bagni, docce, ecc..

Aprire un camping : da dove cominciare

Innanzi tutto, occorre rivolgersi per avere maggiori informazioni alla regione in cui si intende insediare l’attività e contemporaneamente, contattare una delle associazioni di categoria.

Questo, è utile per comprendere meglio quali sono le normative aggiornate in materia e per avere dei consigli (dall’associazione) per avviare subito con successo la propria attività.

Tra le associazioni , si può provare a contattare la Faita , Assocamping legata alla Confesercenti o ad altre associazioni (http://www.toscanapromocamping.it, ecc.).

Aprire un campeggio : la gestione

Incontriamo diverse tipologie di camping. Alcuni campeggi, lavorano prevalentemente su base stagionale. Tra questi, quelli situati in aree marittime dove il turismo balneare si concentra prevalentemente in alcuni mesi dell’anno.

Quindi, nella maggior parte dei casi, la ricettività interessa prevalentemente i mesi che sono compresi fra aprile a settembre.

Altri camping, sono aperti tutto l’anno anche se sono sottoposti a maggiore presenza di ospiti in alcuni periodi legati alle ferie ed alle vacanze.

Come ogni attività ricettiva, l’organizzazione del lavoro è fondamentale.

Disporre di personale che sia in grado di coprire i periodi maggiore presenza, è uno degli aspetti organizzativi che il gestore deve essere in grado di espletare.

Si prosegue nella seconda parte per approfondire le tematiche relative ad alcuni servizi offerti, alla formazione del gestore e del personale ed all’importanre aspetto della promozione dell’attività stessa.

Continua.

Fonte immagine :

rentocamp.it

Articoli correlati:

Altri articoli :