Aprire un’agenzia debiti : offrire assistenza ai debitori od alle vittime di situazioni debitorie. Quinta parte.

giugno 16, 2011 | Fare impresa

Nelle scorse puntate abbiamo esaminato nel dettaglio tutti i metodi per riuscire a trovare dei clienti che possano avere necessità di fruire dei servizi di un’agenzia debiti. Come si sarà potuto capire, l’analisi di mercato a livello territoriale è una delle fasi più importanti per la creazione di un’impresa di questo tipo, forse, lo è ancora di più dell’investimento necessario per avviarla, che per le aziende di servizi non si presenta mai elevato.

APRIRE UN’AGENZIA DEBITI : LE COLLABORAZIONI

 

In questa nuova puntata, parleremo proprio di quanto investire per avviare un’agenzia debiti. Intanto diciamo subito che potreste investire tutto e forse, pure niente. Il concetto si spiega con il fatto che l’agenzia debiti può nascere dal sodalizio di avvocati e commercialisti che si aggregano per creare una società. Se uno di questi soci possiede già uno studio presso un immobile di proprietà, si potrà iniziare presso questa sede, senza spendere un euro per affittare o comprare l’edificio. Il socio professionista avrà già attrezzature ed arredo per ufficio ed anche questa opzione servirà ad azzerare le prime spese per l’investimento. Se, invece, non si potesse fruire di queste opportunità, bisognerà cercare un immobile in affitto, con destinazione d’uso come immobile per studio, arredarlo con le attrezzature e gli arredi tipici di un ufficio, utenze, pc e software. In genere un piccolo studio di servizi, tra affitto ed utenze, porta via tra i 7 ed i 10 mila euro l’anno. L’investimento iniziale può, invece, essere anche inferiore a 10 mila euro ( canoni anticipati per affitto, acquisto Pc e altri componenti hardware, arredi economici per ufficio). Una parte, più o meno notevole, dell’investimento va riservata anche alla pubblicità ( manifesti, volantini, spese per reperire molte visure di protesti), di cui abbiamo parlato nella scorsa puntata.

APRIRE UN’AGENZIA DEBITI : DOVE APRIRE

 

Il fattore che potrebbe sicuramente incidere sul costo dell’affitto è, invece, la posizione strategica dell’immobile scelto. Questa conta più della qualità degli arredi con cui lo riempirete. La localizzazione ideale di un’agenzia debiti è in zone molto trafficate e di passaggio, dove si possa vedere molto bene la vostra insegna, preferibilmente vicino a uffici postali e banche, frequentati da un’alta fascia di utenti che chiedono prestiti e finanziamenti che potrebbero poi procurare dei fastidi. Molto bene la localizzazione anche vicino ad aree in cui sorgono molte imprese, studi legali e di commercialisti. I canoni di locazione di edifici per uso ufficio, in zone particolarmente strategiche, sono sicuramente più elevati, in un rapporto spesso doppio e anche triplo rispetto ad un locale di periferia, ma ne vale sicuramente la pena, visto il ritorno immediato in termini di clientela e di visibilità. L’investimento si intreccia anche con la procedura burocratica da seguire per avviare la vostra attività. La prima è insita in quello che abbiamo già detto: i locali devono avere la destinazione d’uso commerciale o per ufficio, se l’immobile strategico che avete individuato non dovesse averla chiedete al proprietario di procedere alla variazione catastale, se non è intenzionato a farlo, pretendete un ribasso del canone di locazione e procedere ed effettuare la variazione a vostre spese, tramite un progettista abilitato. La forma giuridica di un’agenzia debiti, quella che viene preferibilmente suggerita dalla legge per le società tra professionisti è la società a nome collettivo. Se la società nasce ad opera di imprenditori non professionisti o il professionista esercita l’impresa in forma individuale e non associata, si può scegliere anche la forma giuridica della società di capitali, come la Srl, cioè Società a responsabilità limitata che richiede un capitale sociale minimo di 10 mila euro. La società va costituita con atto notarile che verrà registrato alla Camera di commercio della provincia dove ha sede l’attività. Con le società in nome collettivo, a differenza della Srl, in caso di fallimento, si risponde anche con il patrimonio personale dei soci. Questa formula permette però di fruire di maggiori crediti bancari. Ma trattandosi di un’impresa di servizi, dove la liquidità bancaria da richiedere in futuro sarà solo marginale, se non si è professionisti, ma solo imprenditori, laureati in Economia, Giurisprudenza o con diploma di Ragioneria, meglio iniziare con la Srl, formata magari da 5 soci che possono apportate un capitale iniziale di 2 mila euro ciascuno. Di solito se i genitori hanno qualcosa da parte, possono dare una mano a impegnare la somma richiesta per la costituzione della società a responsabilità limitata, senza fruire di prestiti bancari. La ditta individuale è sconsigliabile, perché quando si parla di agenzia debiti si parla di un’agenzia di servizi specialistici che richiedono la competenza di diverse figure. Insomma un’agenzia debiti per lavorare bene deve lavorare in team, cioè attraverso la presenza di uno staff qualificato. La ditta individuale potrà fruire della collaborazione di professionisti che potrà assumere come dipendenti, anche se il costo di simili assunzioni, all’inizio, potrebbe rivelarsi insopportabile. La legge ha permesso di ovviare a questa problematica attraverso un decreto che disciplina le società tra professionisti, che possono costituire, come abbiamo già accennato, solo società semplici, come le snc. Ne parleremo meglio nella prossima puntata. Seguiteci…

Rosalba Mancuso

Fonti immagini:

socialdust.com

maestridelthe.it

 

Articoli correlati:

Altri articoli :