Comprare una pizzeria : quanto vale una pizzeria? Seconda parte.

giugno 17, 2011 | Fare impresa

Nella prima parte parte, ci siamo soffermati su una serie di considerazioni generali

 

Quali sono gli elementi che occorre prendere in considerazione quando di acquista una pizzeria o si vuole avviarla ex novo?

 

Abbiamo sentito il parere di un pizzaiolo che  ha avviato e gestito con successo tre pizzerie negli ultimi trent’anni.

 

 

‘Quando avviai la seconda pizzeria, contrariamente al mio primo locale, scelsi di comprare un’attività che stava chiudendo dopo che si erano già avvicendate due gestioni e che avevano ottenuto entrambe uno scarso successo.

 

Il locale era situato dall’altra parte della città dove gestivo da alcuni anni la mia pizzeria ed avevo saputo da un mio conoscente che c’era la possibilità di acquistare ad un prezzo stracciato un’attività in difficoltà.

 

Le attrezzature del locale erano tutto sommato in buono stato e l’attività non necessitava di particolari investimenti.

Le due attività precedenti avevano fallito perchè i due proprietari non avevano avuto la capacità di dialogare e capire le esigenze dei clienti.

 

L’attività di pizzeria è molto diffusa e riuscire ad inserirsi in aree dove già sono presenti molti locali avviati, richiede una chiara capacità gestionale ed un’adeguata attenzione al rapporto con il cliente.

 

Ascoltanto il giudizio dei miei clienti, il mio prodotto è buono.

Anche la pizza di altri miei concorrenti non è male ma da tempo, ho cercato sempre più di fidelizzare i miei clienti ed offrire  loro anche un servizio a domicilio.

 

Comprare e rilanciare un’attività : cosa fare.

 

Sono stato il primo della mia zona a portare la pizza a casa dei clienti e questo, mi ha permesso di acquisire nuovi clienti che ancora non conoscevano il mio prodotto ed il mio locale ed alcuni di loro, erano anche fuori zona.

 

Poi, feci anche stampare dei volantini e li feci distribuire da ragazzi e ragazze vestiti da pizzaioli nei palazzi e nelle case del quartiere.

Fu un’iniziativa nuova ed offrii ai nuovi clienti che ordinavano da casa o venivano in pizzeria, buoni sconti ed altre forme di promozione.

 

Anche la preparazione del pane nel forno a legna ed altri prodotti complementari, mi hanno permesso di farmi conoscere meglio e di allargare ulteriormente la base dei mie clienti.

 

Ho capito dall’esperienza diretta e dalla semplice osservazione di molti casi di successo ed insuccesso che il primo mese o le prime settimane di un’attività, sono fondamentali per il successo di un’impresa commerciale.

Molto spesso, il successo od il fallimento di un’attività, è legata alla capacità di gestire i primi giorni di apertura e quindi, è bene giocarsi le proprie carte nel migliore dei modi, subito all’apertura del locale.

Quindi, ho concentrato nei primi giorni e nelle prime settimane, una serie di iniziative e di promozioni dirette e che mi sono costate poco che mi hanno fatto conoscere come una nuova gestione e quindi, nuova attività che si presentava sul mercato.

Ho voluto che fosse chiaro agli occhi della gente che il locale che era rimasto chiuso dopo due gestioni fallimentari, aveva ora una nuova gestione ed era pertanto necessario ‘farsi notare’ da tutti!

 

Comprare e rilanciare un’attività : le conclusioni.

 

Nei locali che ho aperto e gestito, mi sono reso conto che avviare ex novo od acquistare un locale chiuso, in entrambi casi, esistono buone possibilità di successo o di fallimento a seconda della bravura che l’imprenditore  ha nel gestire l’operazione di avvio con capacità ed attenzione.

Quindi, trovare un’opportunità da comprare, può essere un buon inizio solo se poi si è anche capaci ,attraverso una serie di inziative, di rilanciare il locale stesso.

Altrimenti, si rischia di trasformare quella che era inizialmente un’opportunità in un buco nell’acqua!’

 

Ringraziamo il nostro interlocutore, il signor Giuseppe per i consigli preziosi che ci ha fornito.

 

Fonte immagine:

Articoli correlati:

Altri articoli :