Aprire un centro di medicina estetica e di dimagrimento. Terza parte.

luglio 11, 2011 | Fare impresa

Nella scorsa puntata dedicata al tema dell’apertura di un centro estetico, ci siamo soffermati sulla formazione da conseguire per poter esercitare l’attività, che rappresenta la parte più importante dell’investimento teso a realizzare l’avvio di un’impresa di questo tipo. All’interno del centro estetico si effettuano anche prestazioni specialistiche in medicina nutrizionale e dietologia. Si tratta, talvolta, di consulenze di supporto a specifici trattamenti estetici per la riduzione del giro vita, come piccoli interventi di microchirurgia, finalizzate a consentire un mantenimento stabile del peso corporeo. A volte, invece, queste consulenze possono essere somministrate come prestazioni slegate dall’intervento estetico e finalizzate solo alla prescrizione di una dieta dimagrante o di uno specifico programma nutrizionale.

APRIRE UN CENTRO ESTETICO : LO STAFF

 

La formazione dello staff o del singolo medico che si occupa di consulenze mediche dietologiche e nutrizionali, dovrà, per forza di cose, essere specifica per le prestazioni che si andranno ad effettuare. Da questo assunto si evince come le figure di un centro estetico possano anche essere diverse tra loro. La struttura, dunque, potrà avere una forma societaria precisa che ricomprende tutti i medici, oppure solo alcuni medici titolari che ne assumono altri. Ma prima di passare al profilo societario, vediamo cosa serve per diventare dietologo. Intanto occorre fare una distinzione tra le figure dietista, dietologo e nutrizionista. Tutte e tre identificano un professionista esperto in Scienze dell’Alimentazione, ma con percorsi professionali differenti. Il dietista è un operatore sanitario che si occupa si consulenza dietologica, alimentare e sanitaria, ma non essendo un medico non può prescrivere farmaci, mentre dietologo e nutrizionista sono talvolta identificati con lo stesso profilo professionale, cioè figure specializzate in grado di fornire consulenze e consigli, di prescrivere diete e farmaci.

APRIRE UN CENTRO ESTETICO : LA FORMAZIONE

 

Il dietista si forma con una laurea triennale in Dietistica. Il corso teorico pratico prevede il sostenimento di un esame abilitante per l’esercizio della professione. Con la legge 2 Aprile 2001 sulle Classi di Laurea si prevede anche per il Dietista il nuovo sistema formativo universitario con l’accesso a due Livelli di lauree: Laurea di 1° livello che sostituisce il Diploma Universitario per la formazione di base corrispondente al Profilo Professionale e Laurea di 2° livello che apre la possibilità di approfondimento degli studi di base verso ambiti di maggiore responsabilità per funzioni dirigenziali e ambiti di carriera universitaria volti alla didattica e alla ricerca. Per accedere al corso di laurea di primo livello, che è a numero chiuso, si prevede il superamento di un test di ingresso. La prossima prova di ammissione si terrà, l’otto settembre 2011, in tutte le università nazionali. Il test è costituito da 80 quiz (40 di cultura generale e ragionamento logico, 18 di biologia, 11 per chimica, e 11 per fisica e matematica). Ancora per quest’anno non viene valutato il voto finale del diploma di scuola media superiore, che viene considerato solo in caso di parità di voti sulla prova a quiz. I laureati in Dietistica possono accedere a specifici master post laurea come Dietistica renale, Management sanitario, Benessere, Alimentazione, Sonno e Medicina termale, Progettazione, coordinamento e valutazione di interventi per l’educazione alla salute. Per ulteriori informazioni su come accedere a questa professione, si può consultare l’associazione nazionale di riferimento ANDID ( Associazione Nazionale Diestisti), da cui abbiamo tratto le informazioni sui testi di ammissione ed i master post laurea. Il dietologo è, invece, un medico laureato in Medicina e Chirurgia abilitato alla professione medica che può essere ammesso a frequentare la Scuola di Specializzazione in Dietologia o in Scienza dell’Alimentazione. Il nutrizionista, invece, è un laureato in possesso di laurea specialistica in Scienze Biologiche, iscritto, dopo aver superato l’Esame di Stato, all’Albo dell’Ordine dei Biologi. Anche il biologo può accedere alla Scuola di specializzazione in Scienze dell’Alimentazione che è attivata presso le facoltà di Medicina. A questa scuola possono, infatti, accedere laureati nelle seguenti discipline: Medicina  e Chirurgia (indirizzo di Nutrizione Clinica);

Scienze Biologiche, Farmacia (indirizzo di Nutrizione Applicata); Chimica, Chimica e Tecnologie Farmaceutiche, Medicina Veterinaria, Scienze delle Preparazioni alimentari, Scienze e Tecnologie Alimentari (indirizzo tecnologico alimentare), come riportato nel sito dell’Università la Sapienza di Roma. Per ulteriori informazioni si può consultare anche l’Associazione Nazionale specialisti in Scienza dell’Alimentazione, ANSISA. Nelle prossime puntate forniremo ulteriori informazioni e dettagli per comprendere come creare un centro estetico. Parleremo, infatti, di investimenti per attrezzature e location, del profilo societario e altro. Seguiteci.

 

 

Rosalba Mancuso

Fonti immagini:
abussidottorfederico.net

benessereglog.it

 

Articoli correlati:

Altri articoli :