Diventare agronomo. Prima parte.

luglio 27, 2011 | Libera professione

 

Nel nostro nuovo reportage dedicato alla creazione di impresa torniamo ad occuparci delle libere professioni. Dopo aver parlato di come diventare avvocato, notaio e commercialista, passiamo a parlare di una figura che non sempre è stata oggetto di disamine e approfondimenti nell’ambito di articoli sul mondo delle professioni: il perito agrario e l’ agronomo. Il perito agrario è un professionista diplomato che offre consulenza tecnica alle aziende agroalimentari e agricole, sia in campo strettamente agrario che ambientale.

 

 

DIVENTARE PERITO AGRARIO

 

 

 

Il percorso per diventare perito agrario inizia fin dalla più giovane età, con il conseguimento del diploma di perito agrario che si ottiene frequentando l’Istituto Tecnico Agrario, cioè una scuola superiore del settore a durata quinquennale che prevede il superamento dell’esame di maturità per il conseguimento del diploma, a cui abbinare un tirocinio biennale presso uno studio di perito agrario e poi il superamento di un esame di Stato o di abilitazione. Il percorso del perito agrario, dopo il diploma, può proseguire con l’università, frequentando un corso di laurea triennale in Biotecnologie agroalimentari, Produzione animale o Produzione vegetale. Queste facoltà è possibile trovarle presso l’università più vicina alla propria zona di residenza. L’istituto tecnico agrario, invece, è una scuola superiore, cioè di istruzione di secondo grado che come tutti gli istituti superiori propone corsi di studi a durata quinquennale con la particolarità che l’indirizzo di viticoltura ed enologia ha una durata di sei anni. Tra le materie di studio, agronomia, zootecnia, chimica, economia e topografia. Molti periti diplomati coltivano il dubbio sei iscriversi o meno all’università, visto che le materie accademiche , a detta degli addetti e dalle testimonianze emerse nei forum di settore, coincidono con quelle studiate alle scuole superiori e che la professione di perito agrario sembra coincidere con quella di agronomo. Diciamo che anche per questa professione vale lo stesso discorso del geometra con i colleghi laureati architetti o ingegneri. La specializzazione universitaria comunque è sempre possibile da conseguire visto che il diploma di perito agrario dà accesso a tutte le facoltà universitarie. Nel quadro attuale, infatti, dove le tematiche ambientali sono molto sentite, si potrà decidere di frequentare la facoltà di Ingegneria ambientale per ampliare le conoscenze specifiche su questo settore e offrire consulenza mirata alle aziende che producono energia dalla biomassa ad esempio.

 

 

DIVENTARE AGRONOMO

 

 

 

L’agronomo è un professionista della consulenza agricola e zootecnica che a differenza del perito agrario consegue una laurea triennale o specialistica e magistrale con gli indirizzi di studio della facoltà di Agraria e che dopo un tirocinio sostiene un esame di abilitazione per iscriversi all’Albo dei dottori agronomi. Oltre al diploma di perito agrario, per iscriversi nei vari indirizzi di studio della facoltà di agraria si può possedere anche soltanto la maturità scientifica, le materie scientifiche, infatti, sono preferite da chi intende proseguire gli studi universitari nello stesso ambito. L’ agronomo, come già detto, può essere in possesso di laurea specialistica, magistrale o triennale. Il profilo professionale conseguito con i diversi percorsi di studio sarà quello di dottore agronomo e forestale e di agronomo Junior o forestale. Le facoltà per la laurea triennale sono simili al percorso universitario del perito agrario, mentre le classi di laurea specialistica e le lauree magistrali si possono conoscere visitando i siti della facoltà di Agraria delle università. Il perito agrario e il dottore agronomo e forestale rientrano nelle professioni regolamentate, cioè come tutti i liberi professionisti( avvocati, commercialisti, ecc.) per poter essere abilitati a esercitare la professione devono espletare un periodo di tirocinio e superare un esame di abilitazione per iscriversi all’Albo professionale tenuto dal proprio Ordine di appartenenza. Per informazioni sull’esame di abilitazione dei periti agrari si può consultare il sito del Collegio Nazionale dei Periti Agrari e dei Periti Agrari Laureati . Il Perito agrario laureato è un perito agrario in possesso del diploma di laurea che abbia superato l’esame di abilitazione per iscriversi all’Albo unico dei Periti Agrari, cioè che comprende sia i diplomati che i laureati. La normativa di riferimento è il D.P.R 328/2001. Nella prossima puntata esamineremo meglio gli aspetti del tirocinio e dell’esame anche per quanto riguarda gli agronomi. Si tratta di profili che rientrano in normative piuttosto complesse e che vanno dipanate e spiegate con chiarezza per dissipare qualsiasi eventuale dubbio su queste specifiche professioni. Seguiteci…

 

Fonti di alcuni dati:

http://www.saperlo.it/guida/come-diventare-perito-agrario-36546/

http://it.wikipedia.org/wiki/Istituto_tecnico_agrario

 

Rosalba Mancuso

Fonti immagini:

turricchiavini.it

sorgentedelvino.it

 

Articoli correlati:

  • Diventare agronomo. Terza parte.Diventare agronomo. Terza parte. Dopo aver dato uno sguardo alle caratteristiche generali delle professioni di agronomo e perito agrario, alle normative di accesso all’esercizio dell’attività, ai passaggi formativi da […]
  • Diventare agronomo. Quarta parte.Diventare agronomo. Quarta parte.   Al termine della scorsa puntata sulle professioni dell’agronomo e del perito agrario abbiamo annunciato che avremmo fatto un piccolo passo indietro parlando del periodo del […]
  • Diventare agronomo. Seconda parte.Diventare agronomo. Seconda parte. Prosegue il nostro approfondimento dedicato a come diventare perito agrario e agronomo. Nella prima parte del reportage abbiamo affrontato meglio gli aspetti formativi del perito agrario, […]
  • Diventare agronomo. Sesta parte.Diventare agronomo. Sesta parte. Con questa puntata si conclude la nostra disamina dedicata alla professione di agronomo. Nella precedente abbiamo trattato del percorso che dopo l’iscrizione all’Albo porta alla creazione […]
  • Diventare agronomo. Quinta parte.Diventare agronomo. Quinta parte. Continuiamo il nostro reportage dedicato ad avviare uno studio di agraria. Nei precedenti articoli ci siamo soffermati a lungo sulla formazione necessaria per intraprendere la professione […]
  • Diventare fisioterapista.Diventare fisioterapista. In questo nuovo reportage dedicato alla creazione di impresa parleremo di una professione che potrebbe presentare degli interessanti spazi di mercato. Ci riferiamo al fisioterapista, un […]

Altri articoli :