Quale attività aprire oggi? Vendere prodotti e servizi a cittadini di origine straniera.

agosto 29, 2011 | Fare impresa

Siamo giunti alla terza parte di questo reportage dedicato a tutte quelle attività e settori redditizi che possono essere sviluppati indipendentemente dall’attuale periodo generale di crisi e che spesso, pur rappresentano grandi segmenti in crescita, non vengono adeguatamente presi in considerazione da molti imprenditori od aspiranti tali.

Nella prima parte, abbiamo osservato quanto ampio ed in crescita sia il mercato dei prodotti e servizi dedicato a quelle persone non più giovani o colpite da alcune problematiche di salute.

Nella seconda parte, abbiamo preso in considerazione quel mondo orientato al pubbligo transgender ed a coloro che amano divertirsi in locali ed ambienti alternativi.

In questa terza parte, analizziamo quell’enorme potenziale mercato, in forte espansione, rappresentato da prodotti e servizi rivolti a quella parte di popolazione costituita da immigrati di prima e seconda generazione.

Vendere prodotti e servizi per immigrati e cittadini di origine straniera.

In Italia come del resto in tutti i paesi occidentali, l’immigrazione di milioni di persone provenienti dai vari continenti, ha sicuramente portato non solo nuovi abitanti all’interno delle nazioni ospitanti ma anche e sopratutto l’utilizzo di abitudini e consuetudini che prima non erano diffuse.

Questo, conseguentemente ha generato una richiesta di prodotti e servizi nuova che prima, non era presente nei paesi di arrivo.

Sono pertanto nate e si sono sviluppate, spesso in maniera rapida, moltissime imprese che hanno come clienti proprio questi nuovi cittadini.

Se pensiamo ad alcune note aziende di trasporti e logistica dell’Est Europa che attraverso i propri ‘pullmantrasportano lavoratori e lavoratrici attraverso l’Europa Occidentale, ci rendiamo conto di quale enorme giro di affari ci sia dietro questi nuovi business.

Il settore alimentare, cioè quello dei cibi cosiddetti ‘etnici’, rappresenta un altro enorme business e vede l’importazione di cibi da paesi come : Cina,India, i vari Paesi Arabi, Romania, ecc..

E’ sufficiente osservare la nascita dei moltissimi punti vendita di prodotti cinesi, romeni, arabi, ecc., per renderci conto di quanto grande sia il giro di affari.

Ovviamente, non parliamo solo della vendita dei prodotti.

Il mercato dei servizi, è altrettanto enorme, forse ancora più vasto e destinato ulteriormente ad ampliarsi.

E proprio in questo contesto, è più facile anche per un imprenditore che non è di origine straniera, inserirsi e sviluppare soluzioni e proposte interessanti.

Aprire un’attività di servizi per cittadini di origine straniera.

Abbiamo visto inizialmente come le attività di trasporti e logistica siano state quelle che inizialmente hanno preso piede con maggior facilità e successivamante, sono state poi seguite da tutti quei servizi che servivano a mantenere i rapporti con il paese di origine da parte dei nuovi cittadini : call center per chiamate ai paesi di origine, uffici che si occupano di spedire il denaro, cioè le rimesse in denaro che gli immigrati mandano al proprio paese di origine.

In questa che potremmo definire la seconda fase, in cui milioni di cittadini si stanno integrando, c’è una maggior ricerca da parte di molti, di quei servizi di intrattenimento ed inerenti al tempo libero.

Sono ad esempio sorti moltissimi locali dedicati alla musica latinoamericana e frequentati nella maggior parte dei casi, da immigrati e figli di immigrati provenienti da paesi latinoamericani.

Anche per i cittadini di origine romena, sono sorti locali dove si fa musica popolare e così via, la stessa cosa, anche per  le altre molte comunità.

Occorre tenere conto che la maggior parte delle persone, passa molte ore del giorno ad ascoltare la radio o a guardare la tv.

Ecco che anche i grandi gruppi, hanno individuato l’occasione e stanno creando palinsesti per rispondere alle esigenze di un pubblico sempre più vasto.

Un esempio, è quello riportato in questo link in cui si fa riferimento ad alcuni programmi televisivi dedicati ai cittadini di origine musulmana e che attirano quindi un pubblico molto vasto.

In un momento di crisi per la tv generalista, la capacità di trovare nuove e profittevoli nicchie, è un esempio di come anche in momenti non propriamente floridi, ci siano opportunità da cogliere.

Che attività aprire in tempi di crisi.

In questi primi tre post, abbiamo voluto evidenziare come e quanto siano ampie le opportunità presenti.

A volte, per riuscire a ‘vedere’ le opportunità, è necessario uscire dai nostri schemi mentali, da solito giro di idee  e valutazioni che a lungo andare, ci limitano parecchio nel percepire molti spazi ed orizzonti.

Tutto si evolve ed anche il business si ripresenta in forma nuova,sotto altre vesti ed in altre forme.

E’ come diciamo sempre, è necessario : essere buoni osservatori e cogliere le opportunità dai cambiamenti che si presentano.

Continua.

Fonte immagine:

annuncissimi.it

Articoli correlati:

Altri articoli :