Come fidelizzare i clienti : la collaborazione fra imprese. Seconda parte.

settembre 23, 2011 | Fare impresa

 

Abbiamo visto nella prima parte come il tentativo di limitare la concorrenza da parte di altri fornitori nei confronti dei propri clienti, porti molte piccole imprese ad ampliare la gamma dei prodotti e servizi venduti con l’obiettivo di soddisfare la propia clientela ed evitare che altri concorrenti riescano soffiare loro alcuni clienti importanti inserendosi come fornitori di qualche prodotti o servizio.

 

Come fidelizzare un cliente : i patti di collaborazione fra imprese.

 

Non sempre un’azienda riesce ad offrire una vasta gamma di prodotti e servizi al proprio cliente in modo tale da evitare che altre imprese concorrenti possano mettere le mani sul nostro portafoglio clienti.

L’obiettivo quindi, è sbarrare la porta all’entrata di nuovi concorrenti

Una delle soluzioni adottate, è quella della collaborazione fra imprese che forniscono i prodotti e servizi simili.

Troviamo queste situazioni : in campo informatico, nei settori legati all’edilizia ed alla casa, nelle riparazioni auto, ecc.., dove queste forme di collaborazione sono già in essere da molto tempo.

 

Lo scopo, è garantirsi una proficua collaborazione fra imprenditori e professionisti che operano in settori simili con lo scopo di offrire ai medesimi clienti i servizi ed i prodotti dei vari consorziati o collaboranti, evitando così che il cliente si rivolga ad altri.

 

Troviamo così imprenditori edili che collaborano con ditte di impianti di allarme ed idraulici.

Anche nel campo delle agenzie immobiliari, oltre ai ben conosciuti franchising, troviamo forme di collaborazione diretta e continuativa fra agenzie immobiliari che già da ora, quando non dispongono di un determinato immobile per un proprio cliente, si appoggiano anche ad altre agenzie con cui collaborano da tempo.

Lo scopo, è garantirsi comunque un tornaconto se l’affare viene concluso.

Ampliare il proprio giro di affari : le collaborazioni fra imprese che sono anche concorrenti.

 

Nel settore informatico, le collaborazioni fra imprese possono riguardare sia competitor puri con lo scopo di per potersi aggiudicare lavori più grandi che anche partnership fra imprese operanti in segmenti diversi.

Ad esempio, fra aziende fornitrici di hardware e software ed imprese che realizzano siti ed applicativi Web.

Quindi, in questo caso, si va a migliorare e completare l’offerta al cliente finale, stabilendo una collaborazione che prevede di fatto una non concorrenza fra i due imprenditori ma che presenta per entrambi opportunità per aumentare il giro di affari.

Anche nel campo del settore del riscaldamento e del condizionamento fra installatori (idraulici) e le imprese dei centri assistenza che periodicamente devo garantire nella fase successiva la manutenzione.

Ricordiamo anche la collaborazione fra studi legale e studi commerciali, fra carrozzieri ed elettrauto, ecc..

In taluni casi, la collaborazione ha lo scopo principale di garantirsi un partner tecnicamente affidabile che permetta di ‘fare bella figura’ e quindi fidelizzare ancor di più il cliente per il futuro.

Pertanto, le motivazioni che spingono a collaborare sono molte e tutte hanno l’obiettivo di rafforzare l’azienda sul mercato.

Altre collaborazioni fra imprese : i consorzi.

I consorzi di imprese sono delle vere e proprie aggregazioni di aziende che si creano con lo scopo di sviluppare per periodi più o meno lunghi iniziative comuni ed opportunità di business.

 

Su questo punto, continuiamo nella prossima parte.

 

Continua.

 

Fonte immagine:

 

trovavetrine.it

 

Articoli correlati:

Altri articoli :