Che attività aprire : quando mancano le idee.

febbraio 29, 2012 | Formazione personale

Molti aspiranti imprenditori, si arrovellano il cervello, anche per parecchi anni, per trovare delle idee utili per avviare un’attività redditizia.

Al di là delle esperienze personali e della formazione acquisita nel tempo, molte volte, le persone si concentrano su numerose idee e soluzioni per poi scartarle successivamente e diventare così, sempre più tesi e spazientiti per gli scarsi risultati ottenuti che oltretutto, fanno aumentare il senso di frustrazione e di insoddisfazione.

Trovare idee per aprire un’attività

L’esperienza, insegna che spesso le migliori idee giungono nei momenti più inaspettati e proprio quando la nostra mente, è più aperta e creativa e disponibile ad accogliere idee innovative e soluzioni differenti.

Questo, non significa evitare di porsi il problema di trovare idee e soluzioni. Vuol semplicemente dire che occorre predisporsi a guardare le cose da una prospettiva più ampia, più aperta di prima.

Se continuiamo a ragionare e programmare le cose nella solita maniera, difficilmente, riusciremo ad allargare la nostra visione ed uscire dagli schemi che ormai abbiamo consolidato e che ci fanno vendere sempre le solite immagini, le solite sensazioni.

Occorre, uscire dagli schemi abituali di pensiero e di osservazione!

A confermare tutto questo, ci sono gli innumerevoli comportamenti ed azioni portati avanti da moltissimi aspiranti imprenditori ed i loro successivi errori e fallimenti.

Al contrario invece, quando si esplorano altri sentieri e modalità di azione, capita spesso di incontrare delle opportunità nuove che sono in grado di aprire la strada a nuove iniziative di successo che MAI sarebbero state possibili se si fosse continuato ad agire secondo i vecchi schemi consolidati.

Tanti grandi imprenditori ma anche molti piccoli e sconosciuti uomini e donne d’impresa, hanno ottenuto il loro successo proprio grazie a comportamenti di queste genere, con i quali sono riusciti ad INDIVIDUARE nuove nicchie e sviluppare così nuovi importanti business.

Ma come si fa ad uscire dai soliti schemi?

Forse, questo è il punto più difficile, quello che impedisce/blocca a monte la liberazione di quelle risorse e capacità che rimangono nella maggior parte dei casi ‘schiacciate’ e non riescono pertanto ad essere indirizzate verso nuove strade.

Occorre ‘staccarsi’ dal contesto in cui si vive e si opera per poter riuscire a ‘vedere’ le cose da una prospettiva diversa.

Se si rimane ‘incollati’ ai vecchi schemi e si sta immersi nel medesimo ambiente, respirando la solita atmosfera, ascoltando i soliti ragionamenti, facendo periodicamente le stesse azioni di sempre, diventa veramente difficile riuscire a visualizzare le cose in maniera diversa e pertanto, poter pianificare ed implementare progetti nuovi.

Se manca una VISIONE DIVERSA DELLE COSE, diventa difficile poi riuscire a guardare al di là del solito steccato dove invece ci sono molte nuove opportunità che sono solo da cogliere.

Cambiare visione.

La cosa che ci impedisce maggiormente di uscire dalle nostre abitudini sedimentate, è senza dubbio una sorta di pigrizia che allo stesso tempo è diventata quasi  una  ‘sicurezza interiore’ dove crediamo di essere al sicuro e che a nostro parere ci mette al riparo DALL’IGNOTO.

Il coraggio o la necessità di cambiare, quel colpo di reni che spesso nella vita di un individuo come anche nella storia dei popoli decide il futuro, la sopravvivenza ed il benessere di singoli, comunità di persone e di aziende.

Cambiare si può e sopratutto SI DEVE.

Si prosegue nella prossima puntata, analizzando qualche esempio di successo.

Continua

Articoli correlati:

Altri articoli :