Come mettersi in proprio con successo : le regole per avviare un’attività.

marzo 20, 2012 | Fare impresa

Le attività di successo, sono quelle che sono riuscite a superare una serie di ‘sbarramenti’ nel corso della propria evoluzione ed in particolare, nella loro fase di start up.

Qualcuno, direbbe che la differenza fra un’impresa di successo ed una fallita, è soltanto nel numero e nella qualità degli errori.

In pratica, limitare gli errori e riuscire comunque gestirli, è uno degli elementi che contraddistinguono le imprese (ed anche le persone) di successo.

La presenza di errori all’interno di una qualsiasi fase imprenditoriale, è comprensibile e la cosa importante, è riuscire nei tempi e nei modi più rapidi ed efficaci, a rimediare e recuperare.

Vediamo ora alcune regole da applicare nella scelta e nell’avvio di un progetto imprenditoriale.

 

Avviare un’attività : le cose fare e da evitare.

Tra i punti da prendere in considerazione già nella fase di analisi e valutazione di un’attività :

  • scegliere un settore che per noi è piacevole, è sicuramente un punto a favore importante in fase di selezione di un business. Avviare e gestire nel corso degli anni un’attività che per noi è di scarso interesse, nel tempo, può diventare problematico e non sempre gli stimoli e le nostre attenzioni verso questa attività, saranno sempre all’altezza. E’ meglio evitare di scegliere un’attività solo perché può sembrare ‘apparentemente’ più remunerativa di altre ma che in realtà, per noi non è per nulla appagante, nel lungo periodo, può risultare talvolta una scelta sbagliata. Evitare di correre solo dietro ai soldi ma guardare anche ad altri elementi.

  • Correre dietro alle proprie passioni è una bella cosa e riuscire a far combaciare i propri interessi con l’avvio di un business redditizio, è sicuramente un elemento positivo per se stessi, con il soddisfacimento di proprie passioni e scelte e dall’altra anche, riuscire a sviluppare un business in un’area che si conosce bene ed in cui è profittevole impiegare le proprie competenze e conoscenze.

  • E’ sbagliato invece, pensare di avviare un’attività in un settore che si ama, senza analizzare bene le prospettive e la redditività del business stesso. Se ad esempio, una persona è appassionata di auto e desidera avviare un proprio concessionario di automobili in un periodo ed in un’area geografica, dove non ci sono spazi per questa tipologia di business, si va incontro ad un errore totale. Non è sufficiente la semplice passione ed anche l’esperienza maturata per iniziare un’attività. Questi, sono fattori importanti ma occorre sempre abbinarli agli spazi di mercato disponibili ed alle prospettive offerte da quel settore specifico. Quindi, se non è il momento di aprire una determinata attività, al di là della nostra passione e competenza maturata, occorre prima di tutto prestare attenzione alla fattibilità del progetto stesso.

  • Un altro errore che spesso viene commesso da molti neoimprenditori, è quello avviare un’attività in base a suggestioni ed ai convincimenti provenienti da altri. Questo, è’ il caso tipico di quelle soluzioni ‘chiavi in mano’ che alcuni progetti franchising propongono e che spesso, non si adattano a tutte le situazioni in maniera perfetta. La fretta e la voglia a tutti i costi di aprire una propria attività, limita spesso la capacità di guardare le cose nella giusta maniera e di poter così considerare tutte le possibili criticità e limiti di un potenziale business. E’ sempre bene non cercare la soluzione ‘caduta dal cielo’ ma porsi alla ricerca di progetti in grado di rispondere a delle vere e proprie necessità del mercato attuale.

Si continua nella prossima puntata, con l’analisi di altri punti.

Continua.

Articoli correlati:

Altri articoli :