Vendere porta a porta, avviare un’attività di vendita a domicilio.

Cosa vendere porta a porta? Andare oltre i soliti prodotti.

April 26, 2012 | Fare impresa

Ritorniamo sull’argomento della vendita a domicilio che già in passato abbiamo affrontato in alcuni dei nostri post.

Le vendite a domicilio, pare non risentano affatto della crisi o meglio ancora, la crisi si sente ma le imprese di vendita porta a porta, sono sempre alla ricerca di nuovi venditori e la vendita a domicilio, rappresenta ancora oggi un canale su cui veicolare la commercializzazione di molti prodotti e servizi.

In passato, le spazzole/aspirapolvere, i libri, i cosmetici e la grande quantità di prodotti per la casa, rappresentavano le soluzioni maggiormente commercializzate dai venditori porta a porta.

Oggi invece, cerchiamo di individuare le altre nicchie che potrebbero trasformarsi in business interessanti da prendere in considerazione per creare una rete di vendita a domicilio.

Iniziare una vendita porta a porta. Chi è il cliente tipo di questi venditori?

In ogni business, occorre individuare il cliente tipo.

La donna, in particolare di età non giovanissima, rappresenta il cliente ideale per queste aziende di vendita a domicilio.

Certo, Internet e le televendite, nel corso degli anni, hanno sottratto ampi spazi ai venditori tradizionali porta a porta ma se guardiamo alle nuove esigenze che stanno sempre maggiormente emergendo, ci rendiamo conto che accanto ai prodotti e servizi tradizionali, si potrebbero aggiungere e sviluppare nuove soluzioni che necessitano di strumenti di commercializzazione anche tradizionali.

Sembra un paradosso che nell’era del Web, ancora molte imprese si affidino alla vendita porta a porta ma i risultati ottenuti, non sono affatto modesti.

I nuovi prodotti da vendere porta a porta : cosa vendere a domicilio?

In questi ultimi anni, la sensibilità nei confronti dell’alimentazione di qualità e della salute, hanno orientato gli acquisti di molte famiglie verso prodotti biologici e naturali, premiando la qualità rispetto alla ricerca del risparmio ad ogni costo.

Sicuramente, si tratta di un segmento rispetto al mercato nel suo complesso ma in ogni caso, riguarda milioni di consumatori.

Prodotti biologi, vendita diretta di prodotti agricoli, vendita di vacanze di qualità, prodotti riservati a nicchie di cittadini, apparecchi e supporti per disabili, vendita di servizi tradizionali ma sino che sino ad oggi non sono mai venduti con il sistema ‘porta a porta’, sono alcuni degli esempi di soluzioni che potrebbero essere distribuiti anche con questa modalità.

Proviamo solo ad immaginare un’agenzia viaggi, un’agenzia matrimoniale, un centro di cure estetiche, ecc. che decidono di rivolgersi ad un pubblico con il sistema della vendita porta a porta, utilizzando strutture e reti commerciali già operative.

Pensate che il costo e le provvigioni pagate a questi venditori siano soldi buttati rispetto alla promozione tradizionale che queste imprese fanno da anni stanziando somme per la pubblicità sui manifesti, sui giornali, alla radio?

Incaricare una struttura commerciale mediante la vendita porta a porta, potrebbe permettere a molte imprese di farsi conoscere e promuovere la vendita dei loro propri prodotti in maniera più rapida ed efficace.

Si continua nella seconda parte.

Continua.

Articoli correlati:

Altri articoli :

Comments (2)

 

  1. [...] 2, 2012 | Fare impresa Riprendiamo dalla prima parte, in cui abbiamo verificato alcuni potenziali nuovi prodotti e servizi che la vendita porta a porta [...]

  2. [...] vendita porta a porta, altri elementi di differenziazione sono dati [...]

Leave a Reply

Chi siamo

Affaripropri pubblica foto e video presi dalla Rete Internet facendo attenzione a non violare diritti d'autore.

Nel caso ravvisiate utilizzo improprio di testi ed immagini, scriveteci e provvederemo immediatamente alla rimozione del materiale.