Aprire un pensione per cani. Avviare un albergo per animali domestici.

maggio 11, 2012 | Fare impresa

Negli ultimi anni, la sensibilità delle persone nei confronti degli animali, è fortemente cresciuta.

Questo, ha permesso il miglioramento della condizione di vita di molti animali domestici, in particolare per cani e gatti che godono attualmente di cure ed attenzioni maggiori rispetto al passato.

Sono pertanto nate molte strutture specializzate anche nella custodia temporanea di questi animali domestici.

Le pensioni per cani, sono attive da parecchi anni in tutto il mondo ma hanno registrato un vero e proprio boom di nuove strutture negli ultimi anni, sia in Italia che all’estero.

Come avviare una pensione per cani.

Innanzi tutto, occorre identificare un’area dove realizzare il progetto ed accertarsi che sia posizionato ad una certa distanza da abitazioni ed altre strutture simili.

La sede, dovrà essere collocata in un punto ben raggiungibile da auto e mezzi di trasporto per permettere ai clienti (i titolari degli animali) di raggiungere facilmente la struttura.

Per quanto riguarda le normative, questa attività è regolamentata dai seguenti obblighi :

  • sottoporsi al vaglio dell’Ufficio d’igiene dell’Asl che dovrà autorizzare la struttura;

  • avviare l’impresa, con l’apertura della partita Iva, iscrizione camera di commercio e predisposizione dei libri contabili, come per qualsiasi altra attività.

La struttura

Gli animali dovranno essere ricoverati in box ampi, facilmente lavabili, riscaldabili nel periodo invernale e sopratutto, dovranno poter ricevere luce naturale ed essere arieggiati.

Le dimensioni dei box variano. Sul mercato, esistono differenti soluzioni.

L’importante, è che la struttura permetta di essere lavata e manutenzionata periodicamente. Per fare ciò, occorre che l’interno del box sia predisposto con canaline di scolo per l’acqua ed il tutto, sia allacciato al sistema fognario come prevede la legge.

Realizzare una struttura facilmente manutenzionabile ed in grado di offrire un ottimo livello di benessere per gli ospiti, permette a questa impresa di rendersi visibile ed essere apprezzata.

E’ bene stabilire una convenzione con uno studio veterinario per garantire l’assistenza ai propri ospiti per ogni eventualità.

Aprire una pensione per animali : la promozione.

Internet e tutti gli spazi on line dedicati al settore degli animali domestici e dei cani in particolare, rappresentano un canale per promuoversi.

Il passa parola, è sicuramente una delle voci di promozione migliori che va ad aggiungersi alle altre tradizionali.

Stabilire dei contatti con associazioni, enti, negozi per animali, è fondamentale per essere riconosciuti ed ottenere visibilità.

Anche la collaborazione con dog sitter, studi veterinari e tutti quegli ambienti frequentati dai cani e dai loro padroni, rappresentano un modo per farsi conoscere meglio dal pubblico.

La pensioni per animali, è un’attività che ha punte di massimo lavoro proprio nei periodi legati alle vacanze ed alle festività.

Quindi, occorre organizzare l’attività fin da subito, sapendo gestire le prenotazioni e tutti i servizi di gestione della struttura nel modo migliore.

La pensione per animali, può prevedere anche un insieme di servizi allegati che possono essere proposti ai padroni dei cani per i periodi in cui sono ospitati nella struttura.

L’avvio di un’attività di questo tipo, si presta ottimamente anche per quelle aree turistiche dove le persone tendono a soggiornare nei periodi di vacanza e hanno la necessità di avere un luogo vicino dove poter ospitare il proprio amico a quattro zampe.

Articoli correlati:

  • Creare una pensione per animali : aprire una pensione per gatti.Creare una pensione per animali : aprire una pensione per gatti. Dopo aver preso in considerazione l'apertura di un albergo per cani, passiamo oggi a verificare la fattibilità relativa all'apertura di una pensione per gatti. Per quanto riguarda le […]
  • Aprire un’attivita’ commerciale: avviare un outlet. Seconda parteAprire un’attivita’ commerciale: avviare un outlet. Seconda parte Cedere alla tentazione di proporre marchi contraffatti è un errore assolutamente da evitare nella gestione di un outlet. Se si parte con il piede giusto il rientro dall’investimento […]
  • Idee lavoro autonomo.Idee lavoro autonomo. I servizi last minute. Offrire servizi alle persone su chiamata. In tema di opportunità di business e di micro imprese, esiste da tempo sul mercato una serie ampia e variegata di servizi […]
  • Aprire una atelier. Seconda parte.Aprire una atelier. Seconda parte. Riprendiamo a parlare del mondo della moda e della sartoria, per completare il nostro reportage dedicato alla creazione di un atelier. Dopo aver dato uno sguardo al mercato ed alla […]
  •  Aprire un negozio: avviare un outlet. Quarta parte Aprire un negozio: avviare un outlet. Quarta parte Proseguiamo il nostro approfondimento dedicato al pianeta outlet. Dopo la recensione di un’azienda rappresentativa del settore, nell’ambito merceologico dei casalinghi, che ci ha […]
  • Avviare un autonoleggio. Quarta parteAvviare un autonoleggio. Quarta parte Nella terza parte del servizio a puntate dedicato all’avvio di un’impresa di autonoleggio, avevamo concluso sottolineando l’importanza di un buon sito web per potersi promuovere e per […]

Altri articoli :