Aprire una ditta di allarmi. Avviare un’impresa di installazione allarmi.

maggio 8, 2012 | Fare impresa

L’attività che stiamo presentando, si tratta di una tipologia d’impresa tradizionale, nel senso che sono ormai decenni che questo settore è attivo e fornisce i propri prodotti e servizi sia ai privati che alle imprese.

 

Come funziona questo settore?

Il settore, prevede varie figure e canali commerciali e tra questi :

  • il negozio tradizionale. In genere, si tratta di un punto vendita posizionato su una strada di passaggio che commercializza prodotti di vario tipo legati alla sicurezza ed alla videosorveglianza, oltre ad una serie di prodotti complementari. Molte volte, il negozio è rivenditore di marchi prestigiosi e dispone anche di propri tecnici in grado di effettuare le installazioni e le manutenzioni presso i clienti;

  • l’installatore. Questa figura di artigiano, è compresa fra quella di elettricista e quella di tecnico elettronico e talvolta, oltre all’installazione di allarmi, videocitofoni, fornisce anche altri servizi complementari;

  • grossista o similare. Si tratta di depositi e magazzini o più recentemente, di portali Web che vendono in molti casi anche al pubblico con listini differenziati a seconda della tipologia di cliente finale. Questi rivenditori, prevedono infatti, un listino con una determinata scontistica nel caso l’acquirente sia un commerciante oppure, un semplice privato che effettua acquisti una tantum.

 

Aprire un’impresa di vendita ed installazione allarmi.

Come abbiamo già potuto vedere da questa prima parte, si tratta di un settore ‘maturo’ ma che è sempre attivo in quanto le necessità di sicurezza, purtroppo non vengono mai a mancare.

Il mercato, è rappresentato sia da imprese di ogni dimensione che da privati ma anche sempre di più da amministrazioni ed enti pubblici.

La concorrenza, vede confrontarsi talvolta vari operatori quali : i negozi tradizionali ed i siti Web specializzati nella vendita dei prodotti. Nel campo dell’installazione, sia elettricisti che installatori qualificati, si contendono in molte situazioni i lavori di montaggio di videocitofoni, telecamere di sicurezza e soluzioni di sicurezza in genere.

Infatti, il cliente finale molte volte tende ad affidarsi al committente che gestisce in prima persona il lavoro : l’impresa edile, la ditta di impianti elettrici, ecc. che sta effettuando i lavori e solo in alcuni casi, l’acquirente contatta la ditta che rivende questi prodotti (cioè, il tradizionale punto vendita).

A questo, va aggiunta anche la concorrenza indiretta portata avanti dalle agenzie di sicurezza e di guardie giurate.

Questo tipo di imprese, offrendo servizi di sicurezza a 360°, trattano in molti casi con il cliente finale, gestendo come ditta capofila tutti i servizi ed appaltando poi gli altri i lavori che non sono svolti in prima persona , come ad esempio l’impiantistica.

In questo ambito, è molto stretta la collaborazione fra agenzie di vigilanza e ditte che forniscono questi servizi.

Alcune forme di marketing e commercializzazione di questi prodotti.

Abbiamo ricordato la presenza di alcuni siti Web specializzati nella vendita di questi prodotti ma aggiungiamo anche alcune forme di vendite televisive di soluzioni legate alla sicurezza domestica (non molte in ogni caso).

In passato, sul mercato hanno operato anche alcuni call center, prevalentemente attivi nella vendita diretta ad imprese e privati di soluzioni legate alla sicurezza, riuscendo a vendere numerose soluzioni attraverso appuntamenti fissati alla propria forza vendita presso il domicilio del cliente(sia privati che imprese).

Anche alcuni venditori porta a porta e rappresentati tradizionali, dispongono all’interno dei loro cataloghi di numerosi prodotti con differente utilizzo e li propongono durante le visite ai potenziali clienti.

Come abbiamo potuto constatare in questo post, il mercato e la distribuzione di queste soluzioni, è molto ampio, disarticolato ed in continua evoluzione.

Torneremo ad approfondire l’argomento a breve.

Articoli correlati:

Altri articoli :