Diventare naturopata, diventare operatore del benessere. Seconda parte.

giugno 5, 2012 | Libera professione

Benvenuti alla seconda parte del reportage dedicato a diventare naturopata. Dopo aver definito il ruolo del naturopata ed aver analizzato le prospettive di business, passiamo a trattare del percorso formativo necessario a intraprendere questa professione. Se ricordate, abbiamo detto ( nella prima parte) che la naturopatia rientra nelle discipline naturali legate al benessere e per questa sua peculiarità non viene sottoposta, almeno in Italia, a un iter formativo obbligatorio. Le scuole di naturopatia sono, infatti, private, ma offrono un percorso formativo che permette di operare professionalmente nei diversi ambienti lavorativi legati al benessere psicofisico.

DIVENTARE NATUROPATA : LA FORMAZIONE

L’offerta formativa delle scuole di naturopatia è abbastanza elevata, ma per muoversi in un ambito in cui si è costretti a sopportare delle spese per potersi formare, è opportuno scegliere le scuole che offrono i migliori percorsi didattici e che godono di una buona fama. Sul web, la parola chiave “scuola di naturopatia” restituisce più di 308 mila risultati. In effetti, le scuole di questo tipo si trovano dappertutto e in ogni angolo d’Italia. Ma quali scegliere? Dalle testimonianze degli utenti web sembra che la Scuola di Naturopatia Riza sia tra le più apprezzate in questo campo. La scuola appartiene all’Istituto Riza, fondato da Raffaele Morelli, il famoso psichiatra spesso ospite di numerose trasmissioni televisive. Il professor Morelli è anche il presidente della stessa Scuola di naturopatia, la quale conta, al suo interno, un comitato scientifico di prim’ordine composto da docenti universitari, italiani e stranieri, di grande prestigio. Le sedi della Scuola di Naturopatia Riza sono a Milano, Verona, Roma, Bologna e Torino. Altra scuola di naturopatia, ben indicizzata sul web e a nostro parere, dello stesso prestigio della precedente, è la Scuola Italiana di Naturopatia, attivata presso l’Istituto di Medicine Naturali di Urbino. Altro istituto di formazione, la Scuola italiana di scienze naturopatiche, accreditata presso il Ministero della Salute per quanto riguarda i corsi ECM (Educazione continua in medicina). La scuola ha sedi sparse in tutto il Sud Italia e, precisamente, a Catania, Bari, Cagliari, Lecce, Messina, Palermo, Reggio Calabria, Salerno e Sassari. In ogni caso, ogni aspirante naturopata potrà scegliere la scuola più vicina alla propria area di residenza, specie se i programmi formativi dovessero coincidere tra un istituto e l’altro. Le recensioni sulle scuole di naturopatia presenti in Italia potrebbero andare avanti all’infinito, ma grazie ai diversi siti indicizzati dal web, i lettori possono selezionare autonomamente la scuola più adatta alle loro necessità. Quello che, invece, è importante segnalare in questo articolo, riguarda la struttura dei moduli didattici. I corsi di naturopatia hanno in genere una durata quadriennale ( tre per la Scuola di Naturopatia Riza) e costituiscono un percorso formativo superiore.

Nel corso del quadriennio si studiano discipline quali anatomia, biologia, iridologia applicata, medicina cinese, omeopatia, kinesiologia, naturopatia olistica, metodi naturopatici integrati, psico- neuro- endocrino- immunologia, riflessologia, alimentazione bioenergetica, rimedi floreali e molto altro. I corsi possono essere omnicomprensivi o monotematici. I primi sono indicati per chi desidera intraprendere la formazione di base per diventare naturopata, i secondi rappresentano una sorta di formazione avanzata e di aggiornamento professionale per erboristi, farmacisti, psicologi, altri operatori del benessere e, naturalmente, anche naturopati. Per iscriversi alle scuole di naturopatia bisogna essere maggiorenni e in possesso del diploma di scuola superiore. I corsi possono prevedere degli stage. La formazione si chiude con la discussione di una tesi e un esame finale in cui viene rilasciato un attestato di naturopata professionista, un diploma di naturopatia o un certificato di avvenuta formazione in naturopatia. Si prevedono anche esami per ogni singola materia del piano di studi. Se si possiedono i requisiti richiesti, iscriversi alle scuole di naturopatia è semplice: basta contattare la segreteria o scaricare dal sito della scuola prescelta il modulo di iscrizione, allegando copia del diploma e due fotografie formato tessera. Come già detto, le scuole di naturopatia sono a pagamento. I costi comprendono un contributo una tantum al momento dell’iscrizione e una quota annuale. Il contributo una tantum si aggira attorno ai 120 euro, mentre la quota annuale varia da una scuola all’altra e può arrivare anche a più di 2800 euro, pagabili anche in rate mensili. Continua nella prossima puntata…

Fonti di alcuni dati:

http://www.naturopatiaitaliana.it/

http://www.naturopatia-hermes.it/default.asp?id=9

Rosalba Mancuso

Fonti immagini:

luiben.it

esteticabluesun.it

Articoli correlati:

  • Diventare naturopata, diventare operatore del benessere. Terza parte.Diventare naturopata, diventare operatore del benessere. Terza parte. Nella scorsa puntata abbiamo ampiamente parlato della formazione del naturopata, indicando, in maniera implicita, anche la prima tipologia di spesa da sostenere per intraprendere questa […]
  • Diventare naturopata, diventare operatore del benessere.Diventare naturopata, diventare operatore del benessere. Tutti i vari segmenti del benessere oggi rappresentano anche un’opportunità di business e di guadagno. Lo abbiamo capito parlando dei centri benessere e delle varie figure che ruotano […]
  • Diventare fisioterapista.Diventare fisioterapista. In questo nuovo reportage dedicato alla creazione di impresa parleremo di una professione che potrebbe presentare degli interessanti spazi di mercato. Ci riferiamo al fisioterapista, un […]
  • Diventare agronomo. Prima parte.Diventare agronomo. Prima parte.   Nel nostro nuovo reportage dedicato alla creazione di impresa torniamo ad occuparci delle libere professioni. Dopo aver parlato di come diventare avvocato, notaio e […]
  • Diventare agronomo. Seconda parte.Diventare agronomo. Seconda parte. Prosegue il nostro approfondimento dedicato a come diventare perito agrario e agronomo. Nella prima parte del reportage abbiamo affrontato meglio gli aspetti formativi del perito agrario, […]
  • Diventare agronomo. Quarta parte.Diventare agronomo. Quarta parte.   Al termine della scorsa puntata sulle professioni dell’agronomo e del perito agrario abbiamo annunciato che avremmo fatto un piccolo passo indietro parlando del periodo del […]

Altri articoli :