Guadagnare con una crociera per single. Organizzare vacanze per single. Seconda parte.

giugno 27, 2012 | Fare impresa

Nella prima parte, abbiamo ascoltato i consigli di due consulenti (uno Web, esperto di siti d’incontri e l’altro, un titolare di un’agenzia matrimoniale e d’incontri) che ci fanno fornito una serie di consigli e valutazioni in merito all’avvio di un progetto di questo tipo.

In particolare, i due esperti, hanno messo in evidenza le problematiche che possono nascere dall’organizzazione di una crociera o vacanza per single, sopratutto quando ci si va a scontrare con gli interessi e la ‘visione’ di un agente di viaggio o di un tour operator che punta, come primo obiettivo, a vendere i pacchetti vacanza e non invece a ‘creare un luogo di socializzazione’.

Dall’incontro di queste 2 esigenze : la redditività del progetto e la realizzazione di un  servizio che veramente risponda alle esigenze dei partecipanti, si gioca il futuro di questo tipo di business.

In passato, sono state organizzate molte vacanze con la formula ‘per single’ ma i livelli dell’offerta, non sempre rispondono alle aspettative dei partecipanti.

Infatti, riuscire a creare un ‘brand’ in questo campo, è tutt’altro che facile.

Il segmento dei single, è un mercato molto ampio ed in espansione anno dopo anno ma non sempre l’offerta generica e generalizzata, di adatta a questa soluzione, anzi, le offerte sulla carta, sono numerose ma ben poche in verità rispondono pienamente alle aspettative dei clienti.

 

Organizzare una vacanza per single : altre cose da considerare.

Continuiamo con le osservazione del nostro esperto di siti d’incontri che dalla prima puntata, ci ha chiarito parecchie cose :

La gente va sul Web e cerca, come nella vita reale, di tutto.

Anche per quanto riguarda l’aspetto relazionale o sentimentale, è difficile schematizzare e riuscire a pianificare nei dettagli una serie di incontri ma ovviamente, basandosi su alcune centinaia di candidati che riescono a rappresentare i vari segmenti e gruppi di persone, è più facile riuscire a rispondere alle aspettative in termini generali.

Un sito, permette di raccogliere nominativi, selezionare idee e soluzioni a priori, gestire le fasi successive del business, cioè, i nuovi viaggi e raccogliere in futuro anche le testimonianze dei viaggiatori.

Questo, giustamente ha un duplice effetto : se i risultati sono stati positivi, il ritorno, cioè la pubblicità positiva all’iniziativa sarà elevata ma se il viaggio non è andato secondo le previsioni, il progetto rischia di affondare per sempre senza possibilità di replica.’

Dopo aver ascoltato l’analisi di quanto il Web possa favorire un tipo di progetto simile ma anche quante siano le potenziali insidie, diamo spazio al nostro agente di viaggio.

‘Per riuscire a mettere insieme un gruppo ampio di persone (almeno qualche centinaio) di differente estrazione ed età, è consigliabile offrire una soluzione (location) abbastanza tradizionale, tale da permettere di attrarre chiunque e non escludere a priori alcun soggetto.

La crociera, il villaggio vacanze o situazioni simili, sono delle proposte interessanti per questo tipo di progetto.

Inoltre, si potrebbero pensare anche a soluzioni aggiuntive e complementari da mettere a disposizione ad una parte di partecipanti ma solo in maniera aggiuntiva e su base volontaria (uscite ed attività ludiche di vario tipo, ecc.). Infatti, lo scopo è quello di creare maggiore consenso verso un numero alto di persone e non effettuare selezioni o limitazioni’

Creare viaggi per single : la creazione di un brand.

Dopo aver individuato un modello di business redditizio ed avere definito quindi la formula da impiegare, si tratta di ampliare il raggio del business, ampliando e potenziando molti aspetti ma su questo, si continua nella terza parte.

Continua.

Articoli correlati:

Altri articoli :