Aprire un concessionario d’auto. Conviene aprire un salone auto?

luglio 18, 2012 | Fare impresa

Conviene aprire un concessionario d’auto oggi in Italia?

In questo momento assolutamente no!

Non è difficile rispondere a questa domanda, vista la dura crisi del mercato automobilistico in Europa ed in Italia in particolare.

Attualmente, i concessionari d’auto risentono di una serie di criticità che sino acuite negli ultimi mesi :

  • crollo delle vendite;

  • margini ridottissimi sul venduto;

  • aumento dei costi di gestione;

A questi problemi molto seri, numerosi concessionari stanno cercando di rispondere con il potenziamento dei servizi di assistenza (le officine) confidando sul fatto che a seguito dell’invecchiamento del parco auto in circolazione, questo, necessiterà di maggiore manutenzione futura.

Purtroppo, anche su questo campo, non è così semplice sperare di trarre grandi vantaggi automatici.

Le automobili italiane, rispetto al passato, percorrono mediamente sempre meno chilometri a causa dell’aumento dei costi del carburanti e spesso, la manutenzione è rinviata in avanti anche per mancanza di soldi da parte dei proprietari dei veicoli stessi.

Un altro rischio che nel medio termine si sta presentando per questa categoria di imprenditori, è quella dell’apertura di punti vendita ‘virtuali’, cioè senza la presenza di automobili.

In pratica, le principali case automobilistiche, stanno aprendo numerosi showroom nelle principali città europee con l’obiettivo di offrire ai potenziali clienti di ammirare attraverso grandi schermi le auto e tutte le caratteristiche in formato 1:1 come se tutti i modelli fossero disponibili direttamente sul posto, attraverso le enormi possibili combinazioni di modelli, colori, optionals, ecc., permettendo da una parte, una forma di promozione incredibile verso il pubblico mediante una soluzione innovativa e divertente e dall’altra, limitando il magazzino di molti modelli e perfezionando le scelte delle case costruttrici.

In seguito alla scelta dell’auto, il potenziale acquirente, verrebbe inviato per la prova e l’eventuale acquisto, direttamente presso il concessionario più vicino.

 

Questo, che cosa significherà per un concessionario auto tradizionale?

Cercando di valutare in maniera estremamente pragmatica, si potrebbe dire che :

  • i costi del concessionario non diminuiranno complessivamente nel breve e medio termine;

  • le case automobilistiche, accentreranno maggiormente la parte vendite rispetto al passato, con il rischio di riconoscere margini sempre minori ai concessionari per il venduto;

Quali sono gli altri elementi di rischio per un concessionario auto oggi?

Se parliamo dell’Italia, dobbiamo segnalare questi ulteriori aspetti :

  • il reddito procapite in termini reale sta diminuendo in Italia e questo, significa poter disporre di meno soldi per l’acquisto dell’auto;

  • l’automobile, per una fascia sempre più ampia (anche per i più giovani) non rappresenta più uno status symbol come accadeva in passato e sta diventando un bene sempre meno prioritario da parte di molti consumatori;

  • banche e finanziarie sono sempre meno disponibili ad offrire credito, anche perché sta crescendo il numero di coloro che sono stati ‘segnalati come cattivi pagatori’ in questi recenti anni e quindi, si sta riducendo il numero di coloro che possono accedere a finanziamenti.

Questi tre fattori, sono purtroppo in crescita da qualche anno e di conseguenza, le vendite future di auto non saranno certamente favorite.

In generale, il mercato dell’auto (e non solo questo), è strettamente legato alle condizioni di benessere (reddito e capacità di spesa) dei propri abitanti e per i prossimi 3 anni, in Italia non sono previsti miglioramenti su questo fronte.

Articoli correlati:

  • Divorziare all’estero : aprire un’agenzia di divorzi.Divorziare all’estero : aprire un’agenzia di divorzi. Idee redditizie contro la crisi :aprire una agenzia di divorzi. Torniamo a parlare di quelle attività che vedono crescere il proprio business mese dopo mese in maniera esponenziale: […]
  • Aprire un’agenzia matrimoniale. Agenzia matrimoniale russa.Aprire un’agenzia matrimoniale. Agenzia matrimoniale russa. Torniamo a parlare del settore delle agenzie matrimoniali, un campo di attività che presenta certamente molti competitor ma è ancora in grado di offrire ai vari operatori del settore un […]
  • QuadranteQuadrante *La nostra storia* Giuseppe Bonani, presidente di Quadrante S.r.l. segue, sin dal 1971, le problematiche del franchising e, dalla fine degli anni '80, ha iniziato a fornire una serie di […]
  • Conviene delocalizzare?Conviene delocalizzare? In questi giorni, è apparsa sui media la notizia con cui si annuncia il rientro della produzione in Italia di un importante gruppo industriale specializzato nella fabbricazione di […]
  • Aprire una agenzia di infortunistica stradale. Prima parte.Aprire una agenzia di infortunistica stradale. Prima parte. Tanti giovani in possesso di laurea e diploma, sognano di lavorare nel Terziario, cioè nelle imprese di servizi, sia in proprio che come dipendenti. Un sogno legittimo, per chi ha […]
  • Il business delle case prefabbricate. 2° parte.Il business delle case prefabbricate. 2° parte. Torniamo a parlare del mercato delle case prefabbricate, nuova frontiera dell'edilizia innovativa, affermatasi in Europa ( Svezia e Germania in testa e poi Austria) per ragioni […]

Altri articoli :