Cosa farò da grande. Cambiare la propria vita guardando al domani.

luglio 6, 2012 | Fare impresa

In un redazione passato, abbiamo ricordato di quanto sia importante cambiare ed essere disponibili a rimettersi in discussione nel corso della propria vita.

Nel post del lunedì infatti, abbiamo affrontato l’argomento in termini generali e cioè, di come ogni individuo, indipendentemente dall’età e dalla propria condizione personale, può ed in certi casi dovrebbe, rimettere in discussione la propria esistenza alla luce di un contesto attuale, non sempre felice e soddisfacente.

Con la famosa frase : ‘cosa farò da grande’, non ci si riferisce solo ad un giovane che giustamente comincia a pianificare il proprio futuro ma anche e sopratutto sempre di più a quei milioni di individui che giunti ad un certo punto del proprio percorso di vita, vogliono dare un maggior senso compiuto alla propria esistenza e cominciano a rivedere e ricercare i propri veri obiettivi, iniziando (per alcuni soggetti) o ritornando a ‘dialogare’ con se stessi, per individuare quali strade intraprendere da ora in avanti.

Anche la componente business (di cui questo Portale si occupa), per ogni individuo, è strettamente legata alla propria vita ed è difficile, se non addirittura impossibile, pianificare il proprio futuro non prevedendo l’aspetto relativo alla vita professionale e lavorativa alla quale, finiamo per dedicare molte ore della nostra giornata e quindi, della nostra esistenza.

Può accadere (ed in tempi di crisi, ancor di più) che la fatidica domanda : ‘cosa farò da grande’, sia più frequente proprio da parte di quei soggetti adulti e ‘maturi’ che di fronte a difficoltà e problematiche della loro attività, stanno valutando seriamente di dare un cambio drastico a ciò che da tempo stanno facendo.

Il problema purtroppo è che nella maggior parte dei casi, cioè delle persone, ci si ferma solo dinanzi alla ‘frase’ ed a qualche buon proposito.

 

Progettare un nuovo futuro

Per individuare la direzione da prendere, dobbiamo partire dall’attuale nostra situazione e cominciare a :

  • definire che cosa vogliamo fare da grandi, cioè, che cosa ci piacerebbe fare. Provare a ‘buttare giù’, senza porsi dei limiti, una serie di pensieri ed aspettative che da tanto tempo teniamo dentro di noi, quasi avendo paura di esprimerci. Provare a ‘liberarsi’, significa anche riuscire ad esprimere ciò che per molto tempo abbiamo evitato di prendere in considerazione per una serie di ragioni ed ora, forse, è arrivato il momento di valutare.

    Non si tratta altro che di ‘spurgarci’ di tanti pensieri (ed anche di tante frustrazioni) e di ciò che siamo stufi e dall’altra, provare a delineare o magari anche solo tratteggiare quello che sogniamo di fare.

  • Provare ad ipotizzare un percorso di cambiamento. In pratica, tentare di delineare un piano, anche se abbozzato, dei vari passaggi che bisogna fare per andare in direzione dei nostri obiettivi.

  • Ed ora, cercare di immaginare come potrebbe essere il nostro futuro una volta raggiunti i nostri obiettivi. Questo, per poter verificare se le nostre aspettative che abbiamo espresso, sono quelle che da tempo avevamo in mente, oppure, occorre correggere ancora il tiro per giungere alla vera meta.

L’importanza di tornare a guardare al futuro come dei ragazzi

Abbiamo dedicato in questi anni molti post al cambiamento ed a tutti i suoi aspetti ma l’impostazione, la modalità che segue la frase : ‘cosa farò da grande’, ci aiuta proprio a ripartire da zero, con una visione più libera, con meno vincoli, come se avessimo veramente 18 anni e guardassimo davanti a noi la vita che ci aspetta.

Questa frase, ci predispone ad un cambio di atteggiamento e ci permette infatti di guardare al futuro senza blocchi mentali e provare così pianificare senza cadere in autolimitazioni che sono tipiche di coloro che nel tempo hanno subito seri contraccolpi, perdita di fiducia, delusioni, ecc. e che li hanno portati a smettere di sognare ed a chiudersi in un contesto di vita ‘limitato’ al presente, senza più il gusto di sognare ed anche illudersi.

E’ bello poter tornare pensare che c’è ancora un’altra possibilità e che la vita ci può stupire ancora una volta piacevolmente.

Articoli correlati:

Altri articoli :