Organizzare una crociera per gay. Organizzare viaggi dell’amore e del sesso.

luglio 10, 2012 | Fare impresa

Nelle prime due puntate, abbiamo presentato la possibilità di creare una crociera per single, ascoltando in tal senso, alcuni consulenti esperti che ci hanno offerto il loro contributo nell’analisi di un progetto di questo tipo.

Oggi, cogliendo anche l’opportunità di un caso reale, ossia, l’organizzazione di una crociera orientata al sesso che prenderà piede a breve, vogliamo guardare a tutte quelle altre modalità e settori a cui un’iniziativa simile (la creazione o l’organizzazione di una crociera o vacanza) può essere orientata.

Organizzare una crociera per ospiti di orientamento gay.

Se una quota importante della popolazione che varia dal 5 al 10% della popolazione, ha un orientamento sessuale gay, vuol dire ovviamente che esiste un mercato potenzialmente molto ampio che guarda in questa direzione per la fornitura di beni e servizi dedicati.

Significa in questo caso, offrire un pacchetto vacanza a coppie e single, però mirato a questa platea di persone.

Oggi, grazie all’utilizzo del Web e dei social network in particolare, non è affatto difficile allestire un’iniziativa simile (come abbiamo già ricordato nelle prime 2 puntate per la crociera dei single)

Si tratta ovviamente di riuscire a predisporre un’offerta completa di servizi che possa meglio adattarsi ad un pubblico di questo tipo.

Occorrerebbe a questo punto, in maniera prioritaria, verificare una serie di punti che ora proviamo ad elencare, anche grazie ai consigli dei nostri consulenti che già nel corso delle prime 2 puntate ci hanno aiutato in questo compito :

 

  • effettuare un sondaggio preliminare sul proprio sito, utilizzando anche Facebook ed altri social, per comprendere la tipologia pubblico (l’età, la provenienza geografica, se si tratta di single o coppie, eventuali suggerimenti che possono rilasciati dai potenziali partecipanti, ecc.);

  • definire una proposta. Si tratta di ‘pacchettizzare’ una soluzione che risponda alle esigenze dei richiedenti. Inizialmente, si potrebbero valutare anche più soluzioni da approfondire eventualmente  in futuro;

  • creare un marchio riconosciuto. Una volta stabilita la formula ed averla sperimentata, si tratta di definire un brand da utilizzare per diverse tipologie di vacanze ed escursioni.

    Questo brand, in futuro potrà essere impiegato per sviluppare business paralleli o complementari a quello principale;

  • Utilizzare nuove formule di promozione e gestione del servizio. Già nelle prime due puntate, anche attraverso i consigli dei nostri consulenti (l’agente di viaggio, il titolare di agenzia matrimoniale e l’esperto di portali d’incontri), abbiamo ricordato che la realizzazione con successo di viaggi destinati a single, necessitava di una visione ampia che andasse al di là della semplice pianificazione di un viaggio od una crociera ma che sapesse coniugare un insieme di esigenze quali : la possibilità di effettuare incontri mirati od auspicati da parte dei partecipanti di questi viaggi e la gestione di un insieme di servizi di intrattenimento che seguissero le aspettative dei clienti stessi delle crociere. Ecco che la sinergia di un insieme differente di competenze professionali, permettono di formulare delle proposte e dei viaggi in cui si riesce a rispondere a tutte queste richieste;

  • la possibilità di creare una community Web (e non solo) che vada al di là del semplice viaggio. Cioè, creare un punto d’incontro on line che abbia lo scopo successivamente di andare oltre la gestione delle pratiche di viaggio e della sua promozione.

    Quindi, l’obiettivo per la fase di post viaggio, è quello di poter consentire ai clienti di utilizzare la piattaforma Web e rimanere connessi, al fine di poter rivivere le esperienze anche dopo l’avvenuta crociera, creando di fatto un punto di aggregazione che indirettamente, genere un enorme ritorno di visibilità al brand stesso.

Articoli correlati:

Altri articoli :