Aprire un salone di parrucchiere. Diventare parrucchiere.

settembre 18, 2012 | Fare impresa

Bentornati al secondo appuntamento con il reportage dedicato a diventare parrucchiere o parrucchiera. Nella prima parte, abbiamo esaminato le peculiarità e le caratteristiche generali di questo professionista, che si occupa della cura e della bellezza dei nostri capelli. La capacità di saper creare acconciature artistiche, originali o estrose è alla base del successo del parrucchiere. Questo successo dipende essenzialmente dalla bravura, che, a sua volta, si acquisisce con la pratica, mentre la creatività è quasi esclusivamente frutto della passione e del talento innato. Passione e talento sono, infatti, i principali requisiti per essere apprezzati dai clienti e riconosciuti come dei bravi parrucchieri. Il mondo dell’acconciatura è fatto di arte, estro e creatività, e solo l’amore incondizionato per l’arte, legata all’estetica, può garantire la buona riuscita del percorso professionale del parrucchiere. I successivi requisiti serviranno per avviare un salone in proprio, così come richiesto dalle norme di legge.

APRIRE UN SALONE DI PARRUCCHIERE : COME INIZIARE.

Come già detto nella scorsa puntata, il parrucchiere inizia la sua “carriera” fin da giovanissimo, anche da adolescente, verso i 16 anni, quando può già essere assunto come apprendista da saloni già avviati. In genere, un’aspirante parrucchiere inizia la gavetta dopo le scuole medie, lavorando nei saloni e frequentando contestualmente delle scuole o accademie di acconciatura. I corsi di queste scuole sono strutturati secondo una durata triennale, durata che può anche essere prolungata a cinque anni, se si vuole ottenere una maggiore specializzazione. La scelta di diventare parrucchiere, di solito, matura fin dalla più tenera età. E’ difficile, infatti, poter imparare il mestiere quando si è già grandi e si sono fatti altri percorsi di studio e di formazione. Il potenziamento delle proprie capacità creative deve necessariamente avvenire nella prima giovinezza, quando si hanno l’energia e l’entusiasmo per apprendere meglio e velocemente tutte le tecniche di lavorazione dei capelli. Il taglio, ad esempio, non è uno scherzo, ma una vera e propria prova di abilità e di talento artistico, dove le singole ciocche dei capelli vanno lavorate centimetro per centimetro e millimetro per millimetro. In tanti pensano che tagliare i capelli sia semplice, in realtà è molto semplice rovinarli se si sconoscono le giuste tecniche di taglio. Tutti i tagli di capelli che si vedono in Tv, specie quelli delle star, dalle linee sinuose, squadrate e perfette, sono frutto del lavoro e del talento di abili parrucchieri. Chi ama e crede profondamente in questo lavoro, può riuscire davvero a diventare un parrucchiere di fama. Nel mondo esistono tanti parrucchieri che devono la loro fama proprio alla bravura ed al talento che li hanno accompagnati durante tutta la loro carriera professionale.

Possiamo citare tanti esempi, come l’italiano Gianni Sparacia ( nella foto), coiffeur ufficiale del Gruppo Fininvest e del Milan, o il francese Franck Provost( nella foto), fondatore di un florido business di saloni in franchising e di prodotti per lo styling che portano il suo nome. Anche senza diventare così noti, i parrucchieri bravi riescono quasi sempre ad ottenere soddisfazioni economiche e morali dal proprio lavoro. Questo è possibile perché il mestiere dell’acconciatore è forse uno dei più meritocratici che esista. Saper tagliare e curare i capelli non deve e non può coincidere con il pressappochismo o la superficialità o la scarsa bravura, perché se così fosse si getterebbero le basi per il fallimento dell’attività. Ottenere dei successi professionali nel campo dell’acconciatura richiede anche una certa dose di ambizione e quindi: talento, bravura ed ambizione sono i tre requisiti fondamentali per intraprendere il mestiere di acconciatore. Durante il percorso lavorativo si dovranno possedere anche altre abilità, tra cui lo spirito di sacrificio, la capacità di saper ascoltare il cliente ed i suoi desideri e di saperlo mettere a proprio agio. A dispetto dell’aura glamour che circonda il lavoro del parrucchiere, si deve anche tener presente che si tratta di un’attività molto faticosa, dove c’è da lavorare, stando in piedi, anche per otto, nove o dieci ore al giorno, specie nei periodi clou dell’anno, quali matrimoni, ricorrenze e festività. La stanchezza e le fatiche quotidiane del parrucchiere sono però ripagate dalla soddisfazione dei clienti, dai guadagni e dal piacere di aver creato delle acconciature originali e ad effetto. Ma non solo, per promuoversi, il parrucchiere può partecipare a sfilate di moda ed acconciatura, dove vengono presentati i suoi lavori e dove sfilano delle modelle appositamente vestite ed acconciate. Insomma, il parrucchiere non si annoia mai, ma per giungere a questi risultati bisogna lavorare sodo fin dall’inizio del proprio apprendistato e percorso formativo, percorso a cui dedicheremo la prossima puntata, indicando la struttura dei corsi e le materie di studio. Seguiteci…

Rosalba Mancuso

Fonti immagini:

Laprovinciadivarese.it

Community.girlpower.it

Articoli correlati:

  • Diventare parrucchiere. Aprire un salone di parrucchiere.Diventare parrucchiere. Aprire un salone di parrucchiere. Il mondo dell’estetica e della bellezza è fonte di business per moltissime professioni. Mai come in questi ultimi anni si è prestata così tanta attenzione all’aspetto fisico ed estetico. […]
  • Come aprire un salone di parrucchiere.Come aprire un salone di parrucchiere. Dopo aver completato il percorso formativo, il parrucchiere si trova di fronte a un bivio: mettersi in proprio o lavorare come dipendente presso un salone. La scelta tra le due opzioni […]
  • Come diventare parrucchiere.Come diventare parrucchiere. Dopo aver ampiamente parlato del ruolo e delle caratteristiche del parrucchiere, passiamo ad occuparci nel dettaglio del suo percorso formativo. Nella scorsa puntata avevamo, infatti, […]
  • Aprire un negozio di parrucchiere.Aprire un negozio di parrucchiere. Nella scorsa puntata abbiamo sinteticamente analizzato il percorso burocratico che porta all’avvio di un negozio di parrucchiere. Per ulteriori informazioni su questo aspetto, si consiglia […]
  • Come aprire un negozio di parrucchiere.Come aprire un negozio di parrucchiere. Con questo articolo si conclude il nostro lungo excursus sulla professione di parrucchiere. Come già accennato a conclusione della scorsa puntata, vogliamo soffermarci sulle opportunità di […]
  • Aprire un centro tricologico. Aprire un centro per la ricrescita e la cura dei capelli.Aprire un centro tricologico. Aprire un centro per la ricrescita e la cura dei capelli. La calvizia e la caduta dei capelli, colpiscono in tutto il mondo miliardi di persone e creano conseguentemente un giro di affari enorme che lambisce molte aree e settori. Sia uomini che […]

Altri articoli :