Idee per guadagnare. Le attività da aprire in tempi di crisi.

ottobre 1, 2012 | Redazionale

Buon lunedì,

le ultime notizie che provengono dai dati raccolti dalla Confcommercio, evidenziano l’ennesimo crollo dei consumi in linea generale ed anche però alcuni cambiamenti nel modo di consumare e spendere il denaro da parte degli italiani.

I dati positivi, segnalano un aumento degli acquisti attraverso i distributori automatici e mediante gli acquisti on line.

 

Aprire un business on line : idee in tempi di crisi.

L’aumento dei siti di e-commerce, si accompagna alla nascita di molte altre tipologie di siti Web (blog, forum, dating, ecc.) che in questi recenti anni sono stati sviluppati e messi in Rete.

Se il commercio elettronico per anni ha avuto una crescita lenta nel nostro Paese, recentemente, pare si sia invertita la rotta ed il numero di siti dedicati alle vendite on line è in forte crescita.

Che cosa significa oggi vendere on line?

Rispetto ai siti nati dieci o più anni fa, oggi esiste una consapevolezza ed una maggiore maturità sia da parte degli imprenditori che di quella dei consumatori/acquirenti.

Lo sviluppo ed il successo dei grandi Social Network e di alcune piattaforme Web come Ebay e Groupon, ecc., ha reso maggiormente esperti milioni di consumatori che oggi, sono pronti alla sfida che le vendite on line potranno rappresentare anche per il nostro Paese.

Non basta però creare un sito e lanciarsi senza freni in Rete per avere successo.

Aprire un sito di e-commerce, è un’attività imprenditoriale a tutti gli effetti e non può essere sottovalutata e considerata alla stregua di un’attività di secondo livello o puramente dilettantistica che viene gestita come un passatempo.

Prima di tutto, esistono delle normative a cui dover rispondere : fiscali, amministrative, sulla privacy, ecc., che bisogna conoscere ed applicare e poi, il mercato , per quanto vasto, presenta già molti operatori attivi e sta per riceverne molti altri nei prossimi mesi ed anni.

Questo, significa dover confrontarsi con competitor esperti e poco disposti a lasciar spazi vuoti e dall’altra, il rischio di entrare in campi di attività dove già sono attivi imprenditori di media e grande dimensione che dispongono di capitali, quote di mercato ben salde ed ottima visibilità da parte dei possibili acquirenti.

Avviare un’attività on line, non è la stessa cosa di 10 anni fa. Questo, è bene metterselo chiaro in testa per evitare voli pindarici che portano verso strade senza futuro.

Colossi come Amazon, Ebay, ecc., sono multinazionali che hanno il pregio di aver aperto il mercato ma non sono in grado di coprire ogni esigenza e bisogno.

Questo, apre le porte ad opportunità per molti piccoli operatori dotati di fantasia, concretezza ed un piano imprenditoriale serio.

Dobbiamo aspettarci che altre importanti quote di mercato passeranno dalle vendite tradizionali al Web nei prossimi anni e questo, per molti imprenditori Web o del settore tradizionale che diversificheranno verso il Web, sarà una grande opportunità.

Il Web non è la panacea di tutti i mali. Questo, è bene saperlo ma rappresenta nel contempo un canale nuovo per fare business in un momento niente affatto facile per l’economia e gli imprenditori.

Come sempre, nei momenti di grande crisi ma anche di importanti cambiamenti, si aprono spazi ed opportunità nuove proprio per quegli individui che ne sanno approfittare.

Buon lavoro.

Andrea Figoli

Articoli correlati:

Altri articoli :