Come vivere una vita. Ricominciare a vivere.

novembre 28, 2012 | Formazione personale

Ricominciare a vivere, non è solo uno slogan ma per molte persone, vuol dire anche reimpostare e riposizionare la propria esistenza su nuovi parametri ed adottare un metodo nuovo per approcciarsi ai bisogni, agli obiettivi ed alle varie azioni di tutti i giorni.

Significa anche, abbandonare una strada vecchia ed abbracciare un nuovo percorso di vita con nuove basi e nuovi obiettivi.

Tutto questo, porta a rivedere anche una serie di equilibri, di valori, di relazioni, ecc. che per molto tempo sono stati i punti di riferimento della propria esistenza.

In questa quinta ed ultima parte, terminiamo di ascoltare la testimonianza del nostro ospite che nel corso delle ultime due puntate ci ha illustrato il suo percorso di cambiamento iniziato all’età di quarant’anni dopo numerose esperienze fallimentari che lo avevano accompagnato durante la sua vita a subirne le conseguenze negative nei vari aspetti : la famiglia, gli affari, le relazioni con gli altri, la propria autostima, ecc..

In un periodo di forte crisi interiore, in cui il nostro protagonista viveva una fase di depressione e stress a causa delle continue delusioni, durante un soggiorno in montagna in cui era ospitato da un amico, ha l’opportunità di conoscere un persona di grande valore.

L’incontro casuale con questo personaggio, gli fornì i primi ‘strumenti’ per capire dove sino ad oggi aveva sbagliato ma sopratutto, per comprendere come le cose vanno gestire ed affrontate e tutto ciò, rappresentò un cambiamento totale e positivo per il nostro amico che da quel momento, cambiò radicalmente atteggiamento e modo di porsi nei confronti della vita ed anche gli stessi risultati, mutarono da negativi a positivi.

Riprendiamo da dove ci siamo giunti con il racconto la puntata passata.

Anche l’esperienza dell’osservazione, cioè di come io riuscivo ad osservare l’ambiente, limitandomi ad ‘ascoltare’ e ‘comprendere’ cioè che vedevo e sentivo, mi fece comprendere gli errori che sino ad allora avevo commesso.

Noi tutti (o quasi) sprechiamo anni a non accorgerci di ciò che ci circonda, non ‘vediamo’ tante cose utili.

Non ci rendiamo conto delle vere opportunità e di ciò che di buono è intorno a noi.

Davanti ad una situazione qualsiasi, ho imparato ad osservare, a raccogliere le sfumature a cercare di capire e MAI a giudicare, a partire con una visione ‘preconcetta’.

In quei giorni, ho ripreso a vivere, o meglio ancora, ho cominciato a vivere per davvero!

All’età di quarant’anni, ho dovuto prendere atto di quanto tempo avevo sprecato sino ad allora e di come è possibile vivere in maniera diversa.

E’ stato come se mi avessero levato delle lenti sporche che avevo davanti agli occhi.

Ho imparato a vedere le cose da un’altra prospettiva.

 

Una nuova vita.

Sono passati quasi 8 anni da quella vacanza in cui sono rinato.

Sì! Ho ricominciato una vita a tutti gli effetti.

Nel frattempo, ho avviato nuove e diverse relazioni con le persone.

Vivo attualmente una vita affettiva, della quale sono soddisfatto.

Anche il lavoro procede bene e grazie ai cambiamenti che sono avvenuti in me, ho potuto cogliere le opportunità che mi sono giunte nel frattempo.

In passato, probabilmente, avrei rovinato tutto! Sia gli affetti che gli affari.

Non ho saputo più niente di quella persona che mi ha cambiato la vita.

Conoscevo il nome ma non il cognome.

Ho provato 3 anni dopo a tornare in quella località ma la persona che lo aveva ospitato (un anziano signore) nel frattempo è deceduto.’

Termina qui la testimonianza del nostro ospite.

Lo ringraziamo per ‘il peso’ del suo contributo’ e naturalmente, fedeli all’impegno preso, preserviamo la sua privacy.

Articoli correlati:

Altri articoli :