Lavorare a distanza : trasferirsi all’estero e lavorare collaborare dall’estero.

novembre 22, 2012 | Lavorare a domicilio

Crearsi forme di lavoro autonomo abitando all’estero. Terza parte.

Nelle due precedenti puntate, abbiamo affrontato l’argomento in alcune sue componenti.

Si è infatti analizzato :

  • l’aspetto fiscale di questa forma di lavoro;

  • dove e come trovare opportunità di collaborazione;

  • i settori e le tipologie di individui che operano in questo ambito;

  • ecc.

In questo post, prendiamo in considerazione due aspetti :

  • la creazione di una pensione futura;

  • lavorare dal proprio domicilio ma dall’estero, cioè, in un altro paese.

 

Crearsi una pensione come lavoratore autonomo da casa.

Uno dei problemi che un lavoratore autonomo deve considerare, in particolare, quelli con un fatturato annuo basso, è il calcolo dell’importo della futura pensione.

Bassi versamenti contributivi, corrispondono a futuri limitati assegni pensionistici.

Questo, è un problema vero ed ancora poco sentito dagli attuali lavoratori, in quanto coloro che oggi stanno andando in pensione, lo fanno ancora con il vecchio metodo retributivo e quindi, senza tenere conto degli effettivi versamenti effettuati. Pertanto, sono favoriti rispetto ai futuri pensionati.

Nel futuro però, tutto questo questo cambierà.

In questo post, non c’è spazio per formulare proposte concrete ma consigliamo a coloro che operano in questi ambiti, di considerare anche una pianificazione futura su questo fronte.

Lavorare dall’estero.

Sono ormai migliaia quegli italiani che lavorano dal proprio domicilio ma non in Italia, bensì, da un paese straniero.

Troviamo così moltissimi free lance che lavorano come : programmatori, webmaster, corrispondenti per giornali, grafici, ecc. che operano collegati dal proprio pc dalla Repubblica Domenicana, dalla Romania, da Malta, ecc..

Si tratta di un numero crescente di individui che per differenti ragioni, hanno scelto di trasferirsi a vivere all’estero, continuando a collaborare con la propria azienda in cui lavoravano sino a poco tempo prima del trasferimento come dipendenti o collaboratori esterni in vari ruoli.

E’ un esercito di professionisti di varia provenienza ed età che ha scelto di effettuare un cambio di vita radicale per svariate ragioni:

  • risparmiare sul costo della vita ed usufruire di questi vantaggi vivendo all’estero in alcuni paesi a più basso costo;

  • pagare meno tasse ed utilizzare la differenza per altri impieghi;

  • riprendersi la vita, scegliendo una località in grado di offrire migliori condizioni (in base ai propri gusti e scelte) rispetto all’Italia;

  • cercare nuove ed ulteriori opportunità all’estero e garantirsi nella prima fase, un fonte di reddito importante;

  • ecc..

Lavorare dall’estero attraverso collaborazioni esterne, richiede comunque l’apertura di una società nel paese in cui si è domiciliati; il pagamento delle tasse (in genere minori rispetto all’Italia); la necessità organizzarsi per disporre di una connessione veloce e garantita ad Internet; gestire l’accantonamento futuro di una pensione; ecc..

Articoli correlati:

  • Lavorare a distanza.Lavorare a distanza. Tra mito e realtà. Funziona davvero questa formula? Da qualche anno si è diffuso con sempre maggior rapidità il termine telelavoro, meglio conosciuto anche come lavoro a distanza, spesso, […]
  • Lavorare da casa.Lavorare da casa. Lavorare a distanza. Seconda parte. Nel corso della prima parte, abbiamo introdotto l'argomento del lavoro a distanza (o dal proprio domicilio) che con l'avvento della Rete, sembra […]
  • Lavorare a domicilio : prima parteLavorare a domicilio : prima parte Con questa prima puntata, presentiamo l'argomento che desideriamo sviluppare in futuro con maggiore attenzione : Lavorare a domicilio o guadagnare da casa. Nell'epoca di Internet […]
  • Lavorare da casa. Come crearsi un lavoro da casa.Lavorare da casa. Come crearsi un lavoro da casa. Le cose da fare. Seconda parte. Nella prima puntata, abbiamo evidenziato come sia cresciuto nel tempo il numero di coloro che lavorano stabilmente dal proprio domicilio e questo fenomeno, […]
  • Lavorare a domicilio : seconda parteLavorare a domicilio : seconda parte In questa seconda parte dedicata alle opportunità di lavoro a domicilio, continuamo ad illustrare alcune iniziative. Nella puntata scorsa, abbiamo iniziato a presentare […]
  • Lavoro di rappresentante.Lavoro di rappresentante. In questa terza ed ultima parte, terminiamo l'intervista con un agente di vendita che da molti anni esercita questo lavoro (da circa 30) e da due anni, ha abbandonato la formula […]

Altri articoli :