Accettare i cambiamenti.

maggio 13, 2013 | Redazionale

Buon lunedì,

la notizia dei giorni scorsi che riportava le proteste e la rabbia scoppiata nella redazione di uno dei tanti giornali italiani dopo l’annuncio di un ennesimo ridimensionamento del personale e dei salari a cui sottoporre i dipendenti, ci riporta alla mente un principio importante che vale sia nel business che in ogni aspetto della propria vita :

accettare i cambiamenti, gestendo le fasi di transizione (anche quelle non sempre piacevoli), con l’obiettivo di ridurre i ‘danni’ e riuscire a ‘riposizionarsi’ per ripartire sin da subito.

Quando invece si rinviano le decisioni da prendere e non si attua un piano ‘ben gestito’ da diluire nel corso del tempo, alla fine, ci si ritrova ad affrontare molto spesso una serie di situazioni ‘drammatiche’ o di difficile amministrazione.

 figoli-2-CIMG00733

Quando si rinviano le decisioni strategiche.

La tendenza generale di molti individui (a qualunque livello) in varie tipologie di contesti, è quello di posticipare o rinviare a data futura molte decisioni che potrebbero invece essere ‘amministrate ed affrontate’ con tempestività ed intelligenza senza perdere altro tempo con una serie di scuse artificiose che hanno lo scopo di ‘nascondere’ il problema e rinviarlo a data da destinarsi.

Affrontare la realtà, è un’azione che pochi amano!

Dai problemi familiari, alle tensioni fra i soci di una stessa ditta, per non parlare di tutte le complicazioni nei rapporti con dipendenti, collaboratori, clienti, fornitori, ecc. che se non affrontate per tempo, tendono ad aumentare, diventano poi del tutto irrisolvibili.

In tempi di crisi aziendale, la capacità di affrontare le criticità con decisione e tempismo, forse non aiuta a risolvere definitivamente un problema ma evita il peggioramento di alcuni aspetti e situazioni che se non gestite, potrebbero portare a risultati ancor più negativi.

La gestione dei problemi.

L’esempio che abbiamo riportato all’inizio di questo post(la crisi dell’editoria cartacea e la necessità di abbandonare alcune produzioni), evidenzia come nel corso degli anni, già di fronte ad una crisi progressiva e irreversibile del settore (sarebbe stato sufficiente prendere atto dei ‘numeri’ complessivi : vendite, in calo, pubblicità in caduta libera, mercato di riferimento in forte crisi, ecc.), non si siano attuate strategie adeguate per ‘uscire definitivamente’ da comparti da molto ormai ‘decotti’, concentrandosi così solo su quei segmenti in grado di avere un futuro, seppur con spazi minori rispetto al passato.

Questo stesso esempio, lo si riscontra in tantissime attività similari, in Italia, in Spagna, Germania, Francia, Usa, ecc..

Oggi però, non siamo interessati ad analizzare un settore specifico in particolare (l’editoria cartacea).

Questo esempio, potrebbe essere allargato a tantissimi comparti coinvolti in problematiche di crisi strutturali: settori manifatturieri, parecchie attività di servizi, nel piccolo commercio, ecc. oppure, quando la difficoltà riguarda un’attività specifica o soltanto una serie di rapporti professionali/privati, ecc..

Troppe volte, la paura di affrontare situazioni che creano uno stato di tensione, porta a rinviare il problema e si giunge conseguentemente a rendere ancor più complicata la situazione perché i problemi si vanno a sommare con il tempo.

Bisogna cambiare modo di gestire/affrontare le cose (in ogni aspetto, non solo nel business) se non si vuole peggiorare le cose ulteriormente.

Buon lavoro.

Andrea Figoli.

Articoli correlati:

  • Cambiare vita : si è sempre in tempo!Cambiare vita : si è sempre in tempo! Buon lunedì, Fare il conteggio degli errori commessi nel corso della propria vita, a meno che non intendiamo fare studi statistici : non serve a nulla! Di fronte ad esempi che […]
  • Affrontare la realtà.Affrontare la realtà. Buon lunedì, portiamo oggi l'esperienza maturata nella consulenza d'impresa(nei numerosi e diversificati casi incontrati e gestiti) per affrontare alcune criticità a cui vanno incontro […]
  • Organizzare la propria vita. La via del successo.Organizzare la propria vita. La via del successo. Buon lunedì, molti milioni di individui ogni giorno lottano per raggiungere i propri obiettivi, sia nella vita privata che negli affari. Una corsa ad ostacoli che coinvolge ogni […]
  • Me ne vado.Me ne vado. Mollare tutto e cambiare vita. Buon lunedì, quante persone(tra le più diverse), nel corso della loro vita hanno avuto la tentazione di mollare tutto e ricominciare da zero da un'altra […]
  • Non si finisce mai di imparare. Le lezioni della vita.Non si finisce mai di imparare. Le lezioni della vita. Buon lunedì, anche i migliori professionisti ed imprenditori, compresi quelli che sono dotati di maggiori esperienze alle spalle, cadono in errori a volte 'banali' che appaiono poi […]
  • Quali attività aprire 2015Quali attività aprire 2015 Buon lunedì, giorno dopo giorno sentiamo parlare di crisi, di consumi in picchiata, di aziende costrette a ridurre o dismettere la loro produzione, del numero di addetti che si riducono […]

Altri articoli :