Aprire un negozio di parrucchiere.

maggio 29, 2013 | Fare impresa

Nella scorsa puntata abbiamo sinteticamente analizzato il percorso burocratico che porta all’avvio di un negozio di parrucchiere. Per ulteriori informazioni su questo aspetto, si consiglia di consultare il comune dove ha sede l’attività, in modo da sciogliere eventuali e dubbi in merito a questo aspetto. In ogni caso, oggi, l’iter burocratico di avvio di un’attività si presenta abbastanza semplice visto che la documentazione d’impresa viene presentata quasi esclusivamente per via telematica. Un altro aspetto che intendiamo esaminare in questa sede è l’ammontare dell’investimento necessario ad avviare il negozio. In questa spesa bisogna comprendere anche la quota di iscrizione alla scuola di acconciatura, spesa che si aggira intorno ai 1500 euro annui. Le spese burocratiche comprendono anche la parcella del commercialista ( variabile in base alla zona in cui sorge il negozio ed al volume d’affari) e il diritto annuale alla Camera di Commercio.

arredamento-parrucchiere1

Aprire un negozio di parrucchiere. Gli investimenti.

Una parte consistente dell’investimento per il salone di parrucchiere sarà determinata dalle spese di affitto dei locali e dall’attrezzatura, quest’ultima costituisce quasi certamente la parte fondamentale dell’investimento del parrucchiere. Gli attrezzi da lavoro propriamente detti, ovvero spazzole, forcine, bigodini, forbici, phon, piastra e simili, vengono sovente forniti dalle scuole di acconciatura, mentre si dovranno acquistare gli arredi del negozio, ovvero poltrone da lavoro e poltroncine per l’attesa dei clienti, scaffali per conservare i prodotti per capelli, tovaglie usa e getta da usare per gli shampoo, eventuale casco se si tratta di un salone per signora, scaffale per prodotti del make up se si offre anche un servizio di estetista, e piastra per la disinfezione degli attrezzi da lavoro. L’arredo di un negozio di parrucchiere di solito si compra in blocco presso ditte specializzate. Il numero degli elementi di arredo dipenderà dalla superficie disponibile e dalle effettive dimensioni dei locali. Un parrucchiere che lavora da solo, in un proprio negozio, può dotarsi di un salone grande anche 20 metri quadri. Sulle dimensioni della sala bisogna però concretamente informarsi con il comune, perché potrebbero sussistere dei regolamenti comunali che impongono l’apertura di una superficie minima. I locali del negozio possono essere di proprietà o in affitto. Alcuni negozi di parrucchiere coincidono con il domicilio dello stesso, ma bisogna che la parte dell’immobile da destinare all’attività sia classificata al catasto con la destinazione d’uso commerciale. Questa soluzione permette di abbattere notevolmente i costi di mantenimento dell’immobile, su cui però si dovrà pagare la corrispondente quota di Imu. Se il salone è allocato nella prima casa, l’importo della tassa non dovrebbe essere eccessivo, consentendo un notevole risparmio rispetto al canone di affitto mensile, che per i locali commerciali, specie in Italia, è decisamente più alto di quelli residenziali. Un buon arredo per negozio di parrucchiere si può acquistare a non più di 20 mila euro. Gli arredi per parrucchieri si possono acquistare anche usati, a patto però che siano in buone condizioni. Un arredo usato per parrucchiere si può acquistare a non più di 2500 euro. Le offerte di vendita di arredi usati si possono tranquillamente trovare nei noti siti web di annunci economici.

arredoparrucchiere

Aprire un salone di parrucchiere : l’arredamento.

L’arredo del salone, comunque, non è un particolare da trascurare, perché il suo stile e la sua disposizione devono attirare la clientela e farla sentire a proprio agio, come se si trovasse in un salotto privato o nella saletta di un ristorante o di un bar. Per accrescere quel senso di familiarità con i clienti, molti saloni di parrucchiere si dotano anche di macchinetta per distributrice di caffé, tè, cioccolato o cappuccino. E’ infatti noto che il negozio del parrucchiere è il luogo preferito per le chiacchiere ed i pettegolezzi, per cui è d’obbligo un ambiente rilassante che renda piacevole il tempo di attesa che separa il cliente dalla lavorazione dei suoi capelli. Anzi, l’atmosfera del salone deve essere tale che il cliente non deve nemmeno accorgersi del tempo che passa. Le signore, ad esempio, dichiarano che l’attesa dal parrucchiere le libera dallo stress e dalle beghe quotidiane. Per trasformare il negozio in un luogo piacevole, il parrucchiere deve anche avere un elevato spirito organizzativo. Se i clienti sono troppi e lo spazio disponibile è poco, è meglio accogliere i clienti per appuntamento. Attese eccessive o, peggio, eccessiva velocità nella lavorazione dei capelli, creano nel cliente la sensazione di scarsa attenzione e superficialità nei suoi confronti. Nel lavoro, il parrucchiere deve essere certamente veloce, ma ancora più importanti sono il risultato e la qualità del lavoro. Capelli lavorati male e in maniera sbrigativa causano spesso il definitivo abbandono del negozio da parte del cliente, con ripercussioni negative sul fatturato del parrucchiere. In questo lavoro il cliente va fidelizzato con la bravura e con la capacità di saper interpretare i suoi desideri. Se il parrucchiere possiede questi requisiti, è sulla buona strada per avviare un’attività di successo.

 

 

Rosalba Mancuso

 

 

Fonti immagini:

 

 

Azziniarredamenti.com

 

Cosmoroma.com

 

 

Articoli correlati:

  • Come aprire un negozio di parrucchiere.Come aprire un negozio di parrucchiere. Con questo articolo si conclude il nostro lungo excursus sulla professione di parrucchiere. Come già accennato a conclusione della scorsa puntata, vogliamo soffermarci sulle opportunità di […]
  • Come aprire un salone di parrucchiere.Come aprire un salone di parrucchiere. Dopo aver completato il percorso formativo, il parrucchiere si trova di fronte a un bivio: mettersi in proprio o lavorare come dipendente presso un salone. La scelta tra le due opzioni […]
  • Aprire un salone di parrucchiere. Diventare parrucchiere.Aprire un salone di parrucchiere. Diventare parrucchiere. Bentornati al secondo appuntamento con il reportage dedicato a diventare parrucchiere o parrucchiera. Nella prima parte, abbiamo esaminato le peculiarità e le caratteristiche generali di […]
  • Diventare parrucchiere. Aprire un salone di parrucchiere.Diventare parrucchiere. Aprire un salone di parrucchiere. Il mondo dell’estetica e della bellezza è fonte di business per moltissime professioni. Mai come in questi ultimi anni si è prestata così tanta attenzione all’aspetto fisico ed estetico. […]
  • Come diventare parrucchiere.Come diventare parrucchiere. Dopo aver ampiamente parlato del ruolo e delle caratteristiche del parrucchiere, passiamo ad occuparci nel dettaglio del suo percorso formativo. Nella scorsa puntata avevamo, infatti, […]
  • Aprire un’agenzia per il disbrigo di praticheAprire un’agenzia per il disbrigo di pratiche Facilitano i rapporti del cittadino con la burocrazia, fanno la fila agli sportelli al suo posto e svolgono il ruolo di intermediari nei rapporti tra professionisti, imprese e […]

Altri articoli :