Aprire un allevamento di polli.

giugno 25, 2013 | Fare impresa

Allevare polli e galline, è un’attività tradizionale che ancor oggi impiega moltissimi imprenditori agricoli in tutto il mondo.

In molti, disponendo di terreno e di buona volontà, valutano ancor oggi la possibilità di avviare forme di allevamento professionale con l’obiettivo di creare un’impresa agricola moderna ed efficiente.

 1index

Attualmente, gli allevamenti di polli e galline in Italia sono molti, sparsi su tutto il territorio nazionale e di diversa ampiezza ed organizzazione.

Occorre però dire che al di là dell’aspetto tradizionale(essendo un’attività agricola), questa impresa, nel corso dei decenni, si è trasformata in un business che segue una serie di dinamiche molto precise e standardizzate legate a :

l’investimento e realizzazione degli impianti

la produzione (l’allevamento e la nutrizione degli animali);

la distribuzione e vendita;

gli aspetti legati ai flussi di cassa (pagamenti, ecc.);

gestione delle problematiche ordinari e straordinarie (vaccinazioni, malattie degli animali, criticità legate al cambiamento dei prezzi, ecc.);

acquisto dei mangimi;

ecc..

Aprire un allevamento di polli. Le cose da valutare.

Come in ogni tipo di allevamento, occorre verificare il tipo di impostazione da attribuire alla propria iniziativa imprenditoriale.

Quindi, in base al tipo di impresa che si vuole creare, si dovrà optare per :

creare un allevamento di polli intensivo, quindi, un modello di tipo industriale con gli animali (decine di migliaia in genere), cresciuti ed alimentati in piccole gabbie all’interno di grandi capannoni, dotati di ogni tipo di attrezzatura;

impostare un allevamento estensivo, (allevamento polli ruspanti)di piccole dimensioni, con i polli allevati a terra che possono muoversi in uno spazio abbastanza ampio.

Le due tipologie di allevamento si differenziano per un insieme di aspetti.

Come allevare polli. Le scelte da fare.

Nel primo caso (l’allevamento intensivo), si richiede all’imprenditore di dover seguire una formula consolidata già da molti anni che prevede la gestione dell’attività secondo standard ben precisi che consentono all’imprenditore di programmare la propria attività in maniera ‘industriale’, attraverso un piano di alimentazione ed allevamento dell’animale in batteria sino al raggiungimento di un peso minimo che consentirà poi all’allevatore di ‘venderlo’ sul mercato.

Tutto ma proprio tutto, in questo tipo di allevamento è programmato, a partire dal tipo di mangime, ai costi di alimentazione, ai tempi di presenza dell’animale all’interno della struttura, ecc..

Per coloro che intendono avviare questo tipo di business, è opportuno prendere contatti con alcuni allevamenti industriali per farsi un’idea più precisa delle modalità e delle criticità presenti.

I vantaggi di questo tipo di allevamento, derivano dal fatto che l’allevatore di fatto si deve preoccupare dei gestire giornalmente l’impianto(alimentare gli animali, provvedere alle pulizie, verificare lo stato di salute mediante i veterinari, ecc.) e poi, attraverso dei canali consolidati, gli animali vengono raccolti da aziende specializzate che si occupano della macellazione e distribuzione.

Allevare polli. Le scelte da fare.

Certamente, in questo tipo di allevamento, l’imprenditore diventa un semplice ‘gestore’ di un impianto.

Anzi, per coloro che non dispongono di grandi strutture, c’è anche la possibilità di convenzionarsi direttamente con imprese di commercializzazione che si occupano di fornire il mangime, i macchinari ed alla fine, raccogliere il prodotto dell’allevamento allevamento.

Insomma, parecchie certezze ma anche poco spazio di autonomia.

Si continua nella seconda parte, per approfondire ulteriormente il tema e verificare gli altri punti.

Continua.

Articoli correlati:

  • Come allevare polli.Come allevare polli. Nel corso delle precedenti puntate, abbiamo verificato una serie di aspetti legati all'allevamento dei polli e delle galline, in particolare, la scelta del tipo di allevamento da portare […]
  • Allevare polli.Allevare polli. L'allevamento di polli e galline, nel corso dei decenni, si è trasformato nella maggior parte dei casi sempre di più, secondo modalità organizzative e strutturali che hanno trasformato le […]
  • Allevare tacchini.Allevare tacchini. Il tacchino è un animale di allevamento molto apprezzato per la sua carne ed in Italia, nel corso degli anni, ha 'guadagnato' un proprio spazio crescente all'interno del segmento […]
  • Aprire un allevamento di tacchini.Aprire un allevamento di tacchini. Nel corso della prima parte, abbiamo introdotto l'argomento relativo all'avvio ed alla gestione di un allevamento di questi animali, in particolare, soffermandoci sulle differenze fra […]
  • Aprire un allevamento di trote.Aprire un allevamento di trote. Nel corso della prima parte, abbiamo introdotto l'argomento inerente l'allevamento dei pesci come attività imprenditoriale redditizia che nel corso degli anni si è evoluta, acquisendo […]
  • Aprire un allevamento di orate.Aprire un allevamento di orate. Allevare pesci, come del resto abbiamo evidenziato nel corso delle prime due puntate, rappresenta un business crescente che sta coinvolgendo sia parecchi ex pescatori ed operatori […]

Altri articoli :