Come aprire un maneggio.

giugno 20, 2013 | Fare impresa

Riprendiamo dalla prima puntata in cui abbiamo considerato gli aspetti relativi all’apertura di un maneggio, in particolare, le scelte legate al tipo di investimento da effettuare :

l’acquisto di una struttura già avviata; la creazione ex novo di un maneggio; ecc..

Alla fine della puntata scorsa, abbiamo evidenziato una serie di domande alle quali, è bene rispondere prima di fare scelte definitive in merito a questo tipo di impresa.

Come aprire un maneggio. Il mercato.

Anche l’attività di maneggio, come ogni altro tipo di impresa, si confronta con un mercato costituito da vari segmenti, a cui corrispondono un certo numero (talvolta molto ampio) di possibili clienti.

Aprire un maneggio, significa quindi verificare e segmentare la domanda (e quindi anche l’offerta) di servizi che gli stessi maneggi offrono.

Se ad esempio, si decide di qualificare la propria struttura come centro di eccellenza nell’ippoterapia, è chiaro che occorre farsi un’idea del potenziale mercato, dei concorrenti presenti, del tipo di offerte al momento presenti(cioè, chi offre questi servizi, come vengono gestiti, quali sono i prezzi e le tariffe di riferimento, ecc.).

In concreto, si tratta quindi effettuare uno studio (contenuto all’interno del business plan vero e proprio) per definire il tipo di offerta e la connotazione che il maneggio deve avere.

 index

Molti maneggi (la maggior parte), offrono una vasta gamma di servizi ma tendono poi a qualificarsi in particolare in alcune peculiarità.

Come aprire un maneggio. Le criticità.

Come in ogni attività, sono presenti un certo numero di criticità potenziali nella gestione di questo tipo di impresa.

Fra queste :

avviare un’attività senza tenere conto della concorrenza presente e quindi, senza qualificarsi con un’offerta mirata e distinguibile dagli altri competitor.

Questo possibile problema è presente in quasi tutti i settori e non riguarda certo solo i maneggi.

La valutazione degli investimenti, dei costi di gestione reali e dei possibili ricavi.

Non è facile identificare a priori i costi di gestione in maniera precisa (anche se occorre cercare di farlo) e sopratutto, riuscire a calcolare i potenziali ricavi.

In ogni caso, è un aspetto fondamentale che nel business plan dovrà trovare uno spazio centrale.

Per evitare di cadere in questi primi due punti, è indubbiamente necessario conoscere bene il settore.

La passione è certamente importante ed accompagna l’imprenditore nelle prime fasi di progettazione ed avvio dell’attività ma senza una adeguata pianificazione, non si può andare da nessuna parte.

Comprare un maneggio. Conviene?

In questi tempi, si trovano anche alcuni maneggi in vendita o disponibili a cedere l’attività.

Una delle soluzioni che già nel corso della prima parte abbiamo preso in considerazione per un neo imprenditore, è quella rappresentata dall’acquisto di un maneggio già avviato.

In questo caso, ci possono essere due situazioni.

L’acquisto della proprietà del terreno e degli impianti oppure, subentrare nella gestione precedente.

Nel caso si intenda solo subentrare ad un’attività già avviata, occorre farsi un’idea del reale avviamento dell’attività, cioè, del giro di affari realmente presente, dei costi di gestione, dello stato di manutenzione degli impianti, del tipo di clienti che frequenta il maneggio in questione, della concorrente presente e sopratutto : dei motivi reali che hanno portato alla cessione dell’attività precedente.

E’ quindi importante farsi quadro generale per capire se ne vale veramente la pena o meno.

Talvolta, subentrare in una gestione può essere vantaggioso, altre volte meno.

Bisogna considerare caso per caso, affrontando la questione in maniera chiara e raccogliendo il maggior numero di informazioni possibili.

Articoli correlati:

  • Aprire un maneggio.Aprire un maneggio. In questi anni, sono nati molti maneggi e centri di equitazione in tutta Italia, sia nelle aree a ridosso delle città che in quelle zone rurali immerse nel verde. Perché aprire un […]
  • Aprire un centro assistenza ed installazione condizionatori.Aprire un centro assistenza ed installazione condizionatori. Una delle attività artigianali molto diffuse in ogni centro abitato, è quella degli installatori e manutentori di impianti di condizionamento. In passato, abbiamo già dedicato ampio […]
  • Aprire un circolo.Aprire un circolo. I circoli non passano mai di moda. Si riducono (di numero) alcune tipologie di circolo mentre altre, tendono a crescere con la loro presenza sul territorio. Quindi, in base ai tempi ed […]
  • Professione agente di commercio : come aumentare le vendite?Professione agente di commercio : come aumentare le vendite? Fare l'agente di commercio : crisi e prospettive di rilancio. Prima parte. Abbiamo già affrontato questo argomento in passato e cogliamo l’occasione per fare alcune riflessioni […]
  • Aprire un soccorso stradale.Aprire un soccorso stradale. Dopo aver parlato di come avviare un centro autorizzato di revisione auto, passiamo all’altro servizio che potrebbe potenziare ulteriormente il volume d’affari di un’autofficina, ovvero il […]
  • Come aprire un centro installazione ed assistenza condizionatori.Come aprire un centro installazione ed assistenza condizionatori. Nel corso della prima parte, abbiamo verificato una serie di aspetti connessi all'avvio ed alla gestione di questa attività. Vediamo ora di analizzare una serie di altri fattori legati […]

Altri articoli :