Lavorare nel recupero crediti.

giugno 21, 2013 | Fare impresa

Il settore della gestione del credito, è in forte crescita ovunque in Italia ed all’estero.

Tutti i dati pubblicati in questi ultimi 3 anni, lo confermano senza alcun dubbio.

Lo sviluppo crescente di questo business, sta sempre di più avvantaggiando le medie e le grandi strutture che riescono in prima persona a ‘trattare l’acquisto di crediti’ ed hanno la forza per gestire anche grandi quantità di crediti contemporaneamente e nel frattempo, sono in grado di analizzare e verificare il ‘peso’ ed il ‘valore’ di questi beni.

index

Nel corso della prima parte, abbiamo presentato questo importante settore ed in particolare, ci siamo soffermati su un servizio(uno strumento) sempre più utilizzato dalle imprese di gestione del credito che è appunto : il call center.

Lavorare nel recupero crediti. La gestione telefonica.

Una buona parte delle comunicazioni che si tengono fra imprese di recupero crediti ed i debitori morosi, avviene attraverso l’uso del telefono.

Questo importante strumento, non viene solo utilizzato per i primi contatti ed i solleciti veri e propri ma anche per effettuare una serie di indagini, verifiche e ‘pressioni’ che rientrano nelle strategie adottate dalle imprese di gestione del credito per spingere il debitore a pagare e/o trovare un accordo con l’impresa di gestione del credito che ha tutto l’interesse di ‘chiudere’ la pratica con un compromesso onorevole, cioè, mediante un accordo a ‘stralcio’, recuperando anche soltanto una percentuale del credito complessivo.

Quindi, non stiamo parlando di operatori telefonici qualunque, bensì, di addetti alla gestione del credito che in base agli obiettivi dell’impresa, sanno come e quanto sollecitare e sino a che punto, accettare delle proposte di accordo.

Non si tratta perciò di operatori di call center tradizionali che vendono un prodotto ma di soggetti con una preparazione specifica.

Lavorare nel recupero crediti. Aprire un call center.

Disporre di una struttura di questo tipo, diventa fondamentale per un’impresa che opera nel recupero di somme non pagate.

In passato, la localizzazione di questi call center era prevalentemente in Italia, oggi, un numero crescente di questi centri chiamate operano da fuori Paese.

La normativa su questo tipo di servizi, almeno in teoria, prevede che ci sia un controllo da parte delle forze di polizia e naturalmente, anche in merito alla privacy ed alla gestione di una serie di informazioni molto personali.

Quindi, questo tipo di strutture che lavorano sulla gestione di crediti italiani (sia di privati che di imprese), dovrebbero in teoria, essere situate in territorio italiano.

In realtà, in molti casi, così non accade.

Aprire un call center all’estero. Recuperare crediti in Italia.

In questi recenti anni, sono infatti nati parecchi call center fuori dall’Italia su iniziativa di imprenditori italiani con l’obiettivo di effettuare chiamate verso l’Italia per la gestione del credito(solleciti, ricerca tramite telefono dei debitori, gestione delle trattative, ecc.).

La delocalizzazione di queste strutture in paesi a minor costo del lavoro, ha come primario obiettivo il taglio dei costi del personale ma certamente, posizionandosi all’estero, in qualità di impresa, ci si sottrae anche ad eventuali controlli e verifiche maggiori che in questo particolare settore, sono presenti ed importanti.

 Lavorare nel recupero crediti. Come operano questi call center?

La formula adottata è quella già in uso in Italia da tempo.

Quindi, la formazione del personale avviene secondo logiche già sperimentate.

In Italia, il personale è in buona parte retribuito a provvigioni.

All’estero, si prevede in genere un compenso fisso ed una quota costituita da provvigioni e premi di produzione che tiene conto dei risultati ottenuti.

Come per ogni centro chiamate, è necessario che il personale conosca bene la lingua italiana e sia in grado di stabilire un dialogo con l’interlocutore (il debitore).

Un centro chiamate di questo tipo, può operate direttamente (quindi all’interno di un’impresa di recupero crediti) per conto di una società specializzata, oppure, può trattarsi di un call center indipendente che offre i suoi servizi a questo tipo di imprese.

Articoli correlati:

  • Non performing loans.Non performing loans. Buon lunedì, quando nei periodi di forte crisi economica (oltre che sociale) come ad esempio quelo attuale attuale, ci si domanda quali siano i business più profittevoli da avviare, […]
  • Dove aprire un call center? Aprire un call center all’estero.Dove aprire un call center? Aprire un call center all’estero. Ritorniamo a parlare di call center e dell'apertura all'estero di una di queste strutture. Abbiamo già dedicato un redazionale a questo argomento. Il settore dei call center, rientra nel […]
  • Aprire un call center in Tunisia. Dove vanno i call center.Aprire un call center in Tunisia. Dove vanno i call center. Buon lunedì, chi ci segue da tempo, ha potuto prendere atto di quanto spazio affaripropri.com riserva ai contenuti informativi relativi alle aperture di attività all'estero e questo, per […]
  • Non pagare i debiti.Non pagare i debiti. Buon lunedì, c'era una volta un Paese dove i debiti erano di regola onorati e chi non lo faceva, 'finiva alla gogna', considerato di conseguenza, una persona poco seria e 'tenuta pertanto […]
  • Come vendere al telefono.Come vendere al telefono. Nel corso della prima parte, abbiamo cominciato ad analizzare questa tipologia di impresa ed in particolare, le caratteristiche generali di questo settore. Vendere al telefono. Che cosa […]
  • Mettersi in proprio con successo : la gestione degli insoluti.Mettersi in proprio con successo : la gestione degli insoluti. 'Quando stai perdendo al tavolo da gioco in maniera pesante, alzati senza senza sensi di colpa ed allontanati : di sicuro hai perso dei soldi ma è quasi certo che se insisti […]

Altri articoli :