Aprire un allevamento di cani.

luglio 5, 2013 | Fare impresa

La passione per gli animali, l’amore per i cani, la voglia di avviare un’attività in proprio nel settore degli animali, possono rappresentare degli stimoli per lanciarsi in questo settore.

Allevare cani, come ogni altra tipologia di attività, richiede passione e competenza.

Molti allevatori professionisti, hanno cominciato con poche fattrici, realizzando piccoli ‘campioni’ con passione e nel tempo, per alcuni di questi allevatori, questa attività è diventata sempre più coinvolgente sino a trasformarsi in una professione vera e propria.

Aprire un allevamento di cani. Le scelte da fare.

La scelta del tipo di razza da allevare, influisce anche nella gestione dell’attività stessa.

Allevare pastori tedeschi o dobermann, non è la solita cosa che strutturarsi per far crescere cagnolini da compagnia.

Molto spesso, l’allevatore, è anche la persona che si occupa di parte (o totalmente) dell’addestramento del cane, perlomeno nella prima fase.

Diventare allevatore di cani, non è una professione qualsiasi.

Mostre e gare nazionali ed internazionali sono parte integrante di questo lavoro.

Significa quindi percorrere decine di migliaia di chilometri in tutta Europa in molti casi, se si vuole gestire con successo un certo tipo di attività.

 index

Aprire un allevamento di cani. Le normative fiscali ed amministrative.

Molti possessori di cani sognano di improvvisarsi grandi allevatori di cani e lanciarsi sin da subito con un’attività ben strutturata.

I consigli di alcuni esperti sono invece improntati alla gradualità.

Partire con una, due o tre fattrici, entrare progressivamente in questa professione, superando le criticità iniziali ed apprendendo con il tempo tutta la competenza necessaria, rappresentano il trend consigliato.

Seguendo questo iter, il neo allevatore, può inserirsi con gradualità nel settore, creando un allevamento di tipo ‘amatoriale’ che non necessita di iscrizione alla Camera di Commercio e/o come attività imprenditoriale e quindi, deve essere solo segnalato al Registro Allevatori.

Durante questa fase, l’allevatore, potrà valutare se effettuare il passaggio successivo e diventare un imprenditore vero e proprio.

In ogni caso, il rispetto delle norme sulla sicurezza, sulle vaccinazioni ed in merito alla realizzazione di impianti in ottime condizioni di igiene, sono dovute anche se l’allevamento è a carattere amatoriale.

Infatti, i cuccioli devono essere vaccinati entro i primi 60 giorni ed iscritti all’ENCI che è l’Ente Nazionale Cinofilia.

L’obiettivo successivo, è quello di far partecipare i cani alle mostre ed alle gare sia in Italia che all’estero.

Aprire un allevamento di cani. Gli investimenti ed i costi.

Avviare un allevamento di cani, come del resto per ogni tipologia di attività, richiede un piano di investimenti ed un’analisi della gestione dei costi ordinari.

Mentre gli investimenti, sono prevalentemente ‘una tantum’ :

la realizzazione degli impianti, l’acquisto dei primi cani, la formazione personale, le iscrizioni alle varie entità (associazioni, enti, uffici amministrativi, ecc.) e la raccolta di tutte le informazioni necessarie per predisporsi a diventare dei buoni allevatori, ecc.;

i costi di gestione invece, sono i più insidiosi perché spesso vengono sottovalutati dai neo allevatori.

Tra le spese ordinarie :

i costi di mantenimento degli animali (che rappresentano uno degli oneri maggiori a carico dell’allevatore;

le spese per le vaccinazioni ed i costi medici in generale;

gli altri oneri di gestione della struttura (manutenzione, pulizia, ecc.);

le spese legate alle partecipazioni a gare e mostre.

Questi eventi, si tengono frequentemente in giro per l’Italia e l’Europa e per l’allevatore, essere presente a queste iniziative è importante (talvolta fondamentale) e quindi, tutto ciò, si trasforma in un costo annuo importante che va messo a bilancio;

le spese generali tipiche di ogni impresa (tenuta contabilità, imposte, oneri contributivi, iscrizione alla Camera di Commercio, iscrizione all’ENCI, ecc..

Quindi, prima di partire con questa impresa, indubbiamente appassionante, è importante raccogliere tutte le informazioni inerenti ai costi da affrontare.

Articoli correlati:

  • Come allevare polli.Come allevare polli. Nel corso delle precedenti puntate, abbiamo verificato una serie di aspetti legati all'allevamento dei polli e delle galline, in particolare, la scelta del tipo di allevamento da portare […]
  • Aprire un allevamento di tacchini.Aprire un allevamento di tacchini. Nel corso della prima parte, abbiamo introdotto l'argomento relativo all'avvio ed alla gestione di un allevamento di questi animali, in particolare, soffermandoci sulle differenze fra […]
  • Aprire un allevamento di polli.Aprire un allevamento di polli. Allevare polli e galline, è un'attività tradizionale che ancor oggi impiega moltissimi imprenditori agricoli in tutto il mondo. In molti, disponendo di terreno e di buona volontà, […]
  • Aprire un allevamento di trote.Aprire un allevamento di trote. Nel corso della prima parte, abbiamo introdotto l'argomento inerente l'allevamento dei pesci come attività imprenditoriale redditizia che nel corso degli anni si è evoluta, acquisendo […]
  • Aprire un allevamento di orate.Aprire un allevamento di orate. Allevare pesci, come del resto abbiamo evidenziato nel corso delle prime due puntate, rappresenta un business crescente che sta coinvolgendo sia parecchi ex pescatori ed operatori […]
  • Allevare tacchini.Allevare tacchini. Il tacchino è un animale di allevamento molto apprezzato per la sua carne ed in Italia, nel corso degli anni, ha 'guadagnato' un proprio spazio crescente all'interno del segmento […]

Altri articoli :