Diventare medico di famiglia.

agosto 6, 2013 | Libera professione

Dopo aver superato tutti gli step formativi e selettivi, il medico di medicina generale può avviare un proprio studio professionale convenzionato con la Asl. Nelle scorse puntate abbiamo visto quali sono le modalità che portano all’avvio dello studio e del pieno esercizio dell’attività professionale. In questo articolo, come promesso alla fine della quarta puntata del nostro reportage, cercheremo di capire le modalità di guadagno del medico di famiglia. L’attività di questo professionista, come si sarà potuto capire, viene remunerata dalla Asl sulla base del numero di assistiti, della tipologia di prestazioni effettuate e sulla base delle tariffe fissate dall’Accordo Collettivo Nazionale dei Medici di Medicina Generale.

medico-di-famiglia

DIVENTARE MEDICO DI FAMIGLIA.

Esistono delle prestazioni che non vengono rimborsate dalla Asl perché sono a carico del paziente. In genere si tratta del rilascio di certificati. Ma vediamo nel dettaglio, le voci di reddito più importanti che si riferiscono alle prestazioni del medico di famiglia. I medici di medicina generale, che prestano assistenza primaria ai pazienti che li hanno preliminarmente scelti, percepiscono un compenso forfettario annuo per ogni singolo assistito pari a 40 euro. Tale compenso, secondo l’Accordo Collettivo Nazionale siglato nel 2009, viene elevato in base al numero degli assistiti e all’anzianità di laurea del medico. Questo compenso si ottiene moltiplicando il valore tabellare dell’accordo corrispondente all’anzianità di laurea del medico, per il numero di assistiti. Ad esempio, un medico di famiglia, laureato da 13 anni percepisce, fino a 500 assistiti, un compenso di 13,73 euro. Per ogni assistito che abbia compiuto i 75 anni, il medico percepisce un ulteriore compenso forfettario di circa 15 euro. Ulteriore compenso scatta anche per le vaccinazioni antinfluenzali effettuate su questa categoria di assistiti. Per assistiti di età inferiore ai 14 anni, il medico percepisce un compenso forfettario annuo di circa 18 euro. Incentivi economici ed aumenti dei compensi sono previsti per i medici che esercitano l’attività in forma associata, ma anche per collaborazioni informatiche, collaboratori di studio e personale infermieristico. Questi incentivi economici, alimentati da un fondo che viene adeguato secondo accordi regionali, prevedono un compenso forfettario annuo per ogni assistito compreso tra sette e due euro e cinquanta, mentre per prestazioni di medicina di rete o di gruppo, personale infermieristico e collaboratori di studio, sono previsti anche compensi da calcolare su base percentuale e in base al numero degli assistiti. Previsti compensi anche per prestazioni ed attività aggiuntive, come visite domiciliari.

medico-di_famiglia2

Questi compensi non possono superare il 20% dei compensi mensili. Il quadro tariffario dei compensi per il medico di famiglia è abbastanza corposo e complesso poiché contenuto in una vastissima legislazione. Per non confondere il lettore abbiamo preferito segnalare solo alcuni aspetti salienti delle modalità di retribuzione del medico di medicina generale convenzionato. Gli Accordi Collettivi, inoltre, vengono rinnovati e modificati periodicamente. Per questi dati ci siamo, infatti, basati sull’Accordo del 2009 riportato sul sito della Federazione Medici di Medicina Generale FIMMG. Per ulteriori chiarimenti ed informazioni, è consigliabile contattare direttamente l’organizzazione di categoria. Informazioni sui tariffari per i medici di medicina generale convenzionati si possono reperire anche tramite Asl. Come si sarà potuto notare dall’iniziale schematizzazione dei compensi per i medici di famiglia, la redditività di questa professione è determinata dal numero di assistiti. Più questo numero sarà elevato, maggiori saranno i guadagni del medico. Il medico di famiglia può essere remunerato anche per specifiche attività sanitarie programmate, come la vaccinazione antinfluenzale dei soggetti a rischio, vaccinazione che si effettua solitamente nello studio del medico. Da quanto detto sempre riguardo al profilo tariffario, esistono incentivi anche per i medici che esercitano l’attività in forma associata. La legge lo consente, anche se nella pratica si assiste raramente a studi di medici di medicina generale in forma associata. Quindi la “ forma giuridica” dello studio del medico di famiglia può essere individuale o associata. Nel campo dei medici di famiglia convenzionati non si parla di forma giuridica, ma di modalità di svolgimento dell’attività. La stragrande maggioranza esercita in forma individuale. E’ probabile che, per evitare l’affollamento dei centri di pronto soccorso, nuove leggi obblighino i medici di medicina generale ad esercitare in studi associati per fornire una copertura assistenziale più diretta ed efficace. Ciò potrebbe favorire anche un aumento delle opportunità di lavoro per i giovani medici. Il medico di ultima generazione potrà e dovrà dunque operare in maniera funzionale ed imprenditoriale, incrementando i livelli di produttività del servizio offerto. Naturalmente, per essere produttivi occorre un buon numero di assistiti. Capiremo meglio nella prossima puntata come funziona il meccanismo della scelta del medico di famiglia.

 

 

Rosalba Mancuso

 

Fonti immagini:

 

Bachecatermolese.org

 

Fogliardi.it

 

 

 

Articoli correlati:

  • Come diventare medico di base.Come diventare medico di base. Con questo articolo si conclude, almeno per il momento, il nostro reportage dedicato ad intraprendere la professione di medico di medicina generale o di famiglia. Nelle scorse puntate […]
  • Diventare medico.Diventare medico. Sono tanti i giovani che desiderano intraprendere la professione medica. La Medicina è, infatti, una scienza che affascina l’Uomo fin dall’antichità. Nel corso dei secoli questa scienza si […]
  • Come si diventa medico.Come si diventa medico. Dopo aver ampiamente parlato del percorso formativo del medico di base ed aver accennato alle modalità di iscrizione alle graduatorie della Asl, proseguiamo il nostro approfondimento […]
  • Come diventare medico.Come diventare medico.  Nella scorsa puntata abbiamo iniziato a delineare le caratteristiche principali del medico di base, il suo ruolo, il suo percorso di studi e di formazione. Lo abbiamo fatto in maniera […]
  • Diventare dottore.Diventare dottore. Dopo esserci occupati della modalità di assegnazione degli incarichi del medico di base, passiamo ad occuparci della modalità di lavoro di questo professionista, lavoro che si esplica […]
  • Fare il medico.Fare il medico. Anche se avevamo considerato chiuso il tema relativo a diventare medico di famiglia, è necessario riaprirlo, perché alcune nuove leggi hanno introdotto delle interessanti novità sulle […]

Altri articoli :