Come aprire un’attività all’estero.

settembre 24, 2013 | Fare business all'estero

Nel corso delle puntate precedenti, abbiamo approfondito una serie di tematiche legate alla scelta di avviare o trasferire dei business all’estero e quindi : a tutte quelle criticità ed opportunità connesse con queste azioni.

Fra la seconda e la terza puntata, si sono analizzati una serie di punti importanti che vanno verificati quando si pianifica questo tipo di iniziativa.

Continuiamo ora con la verifica degli altri fattori.

 

Aprire un business all’estero : si dispone delle conoscenze necessarie sulle normative, sugli usi, sulla situazione di mercato, ecc. di quella zona?

Pensare di avviare un’impresa in un paese di cui non si conosce molto oppure, del quale si dispone di un’informazione parziale su :

usi, costumi, normative generali, il mercato interno, normative fiscali, finanziarie e contributive, ecc., è assolutamente senza senso!

Eppure, specie molti micro imprenditori e/o piccoli investitori, tendono ancora ad avventurarsi in iniziative con poca preparazione alle spalle.

La prima cosa da fare, è quindi dedicare tempo e risorse a questa funzione.

index

 

Aprire un’impresa all’estero. Dove trovare le informazioni.

 

Camere di commercio, uffici commerciali delle stesse ambasciate, associazioni di categoria, siti dedicati all’impresa, forum che trattano di investimenti, professionisti specializzati in questo genere di servizi, ecc., sono molti i canali da cui si può acquisire idee, informazioni e contenuti utili.

Non è possibile escludere a priori delle fonti.

Occorre agire senza preconcetti. Tutto e tutti possono risultare utili.

Recarsi in quel determinato paese per un periodo di breve e media durata per raccogliere dei contatti, delle impressioni e confrontarsi con altri imprenditori che hanno avviato delle attività, è un’esperienza fondamentale per farsi un’idea della situazione complessiva.

 

Avviare un’attività all’estero. Saper selezionare le informazioni.

 

A volte, non è solo un problema di disporre di informazioni ma è anche una questione legata alla capacità di analisi e verifica delle stesse e contemporaneamente, la bravura nel saperle utilizzare per raggiungere un obiettivo.

Qual è la propria situazione personale?

Andare ed avviare dei business all’estero non è la stessa cosa per tutti.

Ogni persona vive una situazione particolare e quindi, occorre vedere caso per caso come gestire gli obiettivi e tutte quelle azioni da attuare nella fase di valutazione e successivamente, di avvio e gestione del business stesso.

E’ un compito che richiede risorse non solo economiche (fondamentali ovviamente) ma anche la disponibilità a muoversi senza vincoli, potersi fermare il tempo necessario per raccogliere informazioni, ambientarsi (quando serve) e quindi :

ottima salute;

svincolati da impegni che obbligano l’imprenditore a dover rientrare prima del necessario (sia da ‘obblighi’ familiari che ‘professionali’, ecc.);

ecc..

Questo aspetto, per nulla secondario, influenza moltissimo alcune scelte ‘di vita’ e di investimento.

Articoli correlati:

Altri articoli :