Che negozio aprire.

ottobre 16, 2013 | Fare impresa

Durante la prima puntata, abbiamo affrontato il tema dei business ‘meteora’, ossia, tutte quelle attività che vengono avviate(spesso sull’onda emotiva del momento) ma che poi(in moltissimi casi), ‘durano’ soltanto lo spazio di qualche mese o pochissimi anni.

Si tratta talvolta, di settori ‘apparentemente innovativi’ (o così vengono presentati) che rappresentano le ‘mode del momento’, oppure, sono connessi a dei bisogni che in una certa fase storica risultano crescenti (ad esempio, durante l’ultimo boom immobiliare il business della mediazione creditizia e la conseguente nascita di molti uffici dedicati a questi servizi, con l’erogazione di molti contratti di mutuo per l’acquisto di case).

Quale attività aprire : la scelta da fare.

Non sempre è facile distinguere un settore ‘a forte rischio’ rispetto ad un altro con maggiori opportunità, specie, quando si è troppo ‘immersi'(coinvolti) dal punto di vista emotivo e quel particolare settore, risulta interessato da una piena fase di crescita.

Ultimamente, giusto per fare un esempio concreto, si sta parlando in maniera insistente della ‘fine del (recente) business delle sigarette elettroniche’.

Per rimanere con i ‘piedi piantati in terra’, sarebbe anche bene ricordare che esiste un mercato di questi prodotti (tuttora ben funzionante) e quindi, evitando catastrofismi spinti ma anche esagerati entusiasmi, si dovrebbe valutare un business con i ‘numeri’ alla mano e sempre tenendo conto di tutte le dinamiche ‘reali’ che lo contraddistinguono.

Più volte in passato, alcuni aspiranti imprenditori hanno contattato la nostra redazione per chiedere consigli e pareri su alcuni business ‘del momento’.

Cioè, per sapere se valeva la pena o meno aprire qual tipo di negozio, oppure, avviare quel determinato business di cui si ‘parlava molto e bene’ in quella specifica fase.

 

Abbiamo sempre cercato (naturalmente dove era possibile ma anche quando siamo stati ascoltati…) di spingere questi potenziali imprenditori a cercare i ‘numeri’ ed i dati reali di questi business e provare contestualmente ad ipotizzare un ‘orizzonte’ di almeno 3 o 4 anni in avanti.

…Purtroppo, in pochi si fermano a riflettere e ad approfondire questi aspetti.

La tentazione di prendere decisioni rapide, senza valutare i pro ed i contro, è sempre presente.

Molti imprenditori, spinti anche da un tam tam continuo e da altri stimoli pressanti (la paura di ‘perdere il treno’ di quella specifica opportunità, l’illusione di cogliere un’occasione unica ed irripetibile, oppure, la speranza di ‘lanciarsi’ in un business innovativo, ecc.), spesso, fanno tralasciare ogni forma di approfondimento ed attenzione.

 

3images

 

Che attività aprire. Cosa ci fa credere che quell’attività sarà in grado di rispondere alle nostre aspettative?

 

Quanto può ancora crescere un determinato business?

Talvolta, ci si lancia in un certo tipo di impresa in quanto in quel particolare momento sembra che quell’attività esprima un potenziale di sviluppo ancora elevato e duraturo.

In realtà, i tempi di maturazione di un certo business sono rapidi e moltissimi imprenditori, ‘entrano’ nel settore proprio quando il trend è ormai giunto ad una fase decrescente.

Le tempistiche variano da business a business e vengono influenzate da numerosi fattori, non sempre prevedibili e gestibili.

Se infatti pensiamo al boom immobiliare ed al crollo di questo settore dalla fine del 2007, ci rendiamo conto di quante tipologie di attività sono state coinvolte in questa crisi :

agenzie immobiliari, attività di idraulica, imprese edili, mediatori creditizi, venditori di materiali edili, professionisti del settore (geometri, ingegneri, ecc.).

Per farci un’idea migliore, diamo voce ora ad un nostro ospite che ci illustrerà la sua esperienza ed in questo modo, potremo identificare alcuni aspetti che in una normale analisi teorica sarebbe difficile fare.

Si tratta di un giovane professionista, già consulente immobiliare e poi anche iscritto come mediatore creditizio che nel 2007, avviò un proprio ufficio per seguire il business legato alle vendite di immobili ed all’erogazione dei mutui connessi a queste vendite.

Nella prossima puntata si continua con l’ascolto delle testimonianze.

Continua.

 

 

Articoli correlati:

  • Dove aprire un negozio.Dove aprire un negozio. Stiamo assistendo ad una serie di cambiamenti epocali per quanto riguarda il mondo del commercio, in particolare, l'area delle piccole imprese. Una serie di trasformazioni che in passato […]
  • Aprire un negozio : dove aprire 2010.Aprire un negozio : dove aprire 2010. Buon lunedì, riprendo un argomento, anche a seguito di una mail che è giunta due settimane or sono. Sostanzialmente, una nostra lettrice chiedeva : qual'è il tipo di attività […]
  • Aprire un negozio : cosa aprire e sopratutto come? Prima parte.Aprire un negozio : cosa aprire e sopratutto come? Prima parte. Il panorama commerciale delle nostre citta' e' molto cambiato in questi ultimi anni. E sta cambiando anche all'interno dei singoli centri medi e grandi commerciali ed anche fra gli […]
  • Aprire un negozio : cosa aprire e sopratutto come? Quarta parte. Aprire un negozio : cosa aprire e sopratutto come? Quarta parte. Gli esseri umani ed anche gli animali, nel corso della storia, sono alla ricerca continua di spazi liberi da occupare, in grado di offrire energia, benessere ed un futuro di […]
  • Che attività aprire.Che attività aprire. Periodicamente, nascono delle attività (in genere commerciali) che 'esplodono' (nel senso del numero massiccio di aperture in pochissimo tempo) portando all'avvio di migliaia di punti […]
  • METTERSI IN PROPRIO : DA DOVE COMINCIAREMETTERSI IN PROPRIO : DA DOVE COMINCIARE Ogni settimana, presentiamo molte idee e progetti per aprire una attivita'. Come diceva un vecchio maestro di arti marziali, 'la tecnica e' nulla se poi non comprendi il significato […]

Altri articoli :